Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 19 Maggio 2007

Bookmark and Share

“èStoria” 2007 si chiude con la testimonianza-verità sulla battaglia di Algeri

il generale francese Paul Aussaresses

Gorizia (GO) - Nel cinquantesimo anniversario della battaglia di Algeri il festival “èStoria” 2007 ospita domenica 20 maggio, terza e conclusiva giornata di questa edizione, una testimonianza-verità sui fatti algerini degli anni Cinquanta, con la presentazione del generale francese Paul Aussaresses, in prima fila nella battaglia, autore di un racconto che ha gettato nuova e inquietante luce sui metodi usati per la repressione dei ribelli algerini. Proprio questo volume, uscito in Francia con grande clamore e per la prima volta edito in Italia a cura della LEG, sarà presentato a Gorizia, presenti il saggista Giorgio Galli, che ha curato l’introduzione del volume, e i giornalisti Carlo Panella e Guido Olimpio (domenica 20 maggio, ore 17, Tenda Erodoto). Nella stessa giornata Paul Aussaresses incontrerà la stampa del festival alle 12.30, presenti gli editori di LEG e l’autore dell’introduzione al volume italiano Giorgio Galli.
Pieno successo di pubblico per questa 3ª edizione del festival internazionale della Storia a Gorizia: nella giornata di domenica 20, uno sguardo “Dopo la Bastiglia”, su miti, simbologie ed eredità della rivoluzione francese sarà proposto nella conversazione del politologo Ernesto Galli della Loggia con alcuni fra i massimi esperti di questo evento-cardine nella storia mondiale, i docenti Pierre Serna e Antonino de Francesco, coordinati da Roberto Coaloa (domenica 20, ore 15, Tenda Erodoto). Sempre domenica, due aspetti legati a profonde rivoluzioni socio-culturali saranno approfonditi, alle 10 (Tenda Erodoto) da Eugenia Roccella, Elisabetta Vezzosi, Martin van Creveld e Valeria Palumbo, caporedattore de “L’Europeo”. L’esperto e studioso di storia militare israeliano Martin van Creveld non mancherà di suscitare curiosità e dibattito intorno alle tesi del suo libro, “Le donne e la guerra”, edito per la prima volta in Italia a cura della LEG, e quindi al centro della conversazione goriziana. E alle 11.30 (Tenda Erodoto) saranno due docenti a autori, Mimmo Franzinelli e Marco Tarchi, insieme al più noto critico musicale italiano, Mario Luzzato Fegiz, coordinati dal giornalista de “Il Sole - 24 Ore” Stefano Salis, a confrontarsi sulla “Rivoluzione del ’68. Un’altra vulgata”. “Rivoluzione fascista: una rivoluzione incompiuta” è il tema su cui interverranno Mimmo Franzinelli, Giuseppe Parlato e Paolo Buchignani, coordinati dal caporedattore cultura de “Il Secolo d’Italia” Aldo Di Lello (ore 15.30, Tenda Erodoto). Nella Tenda Erodoto spicca, alle 18.30, la conversazione su “Rivoluzione islamica. Dal regime dello Scià alla repubblica islamica”, protagonisti il docente, editorialista e autore Renzo Guolo, il giornalista e scrittore Carlo Panella e il docente e opinionista Khaled Fouad Allam, coordinati da Marco Cimmino. Ancora nella Tenda Apih: alle 9.30 per le novità editoriali presentazione del volume “Fra carcere e confino. Gli antifascisti dell’Isontino e della Bassa Friulana” con Silvano Bacicchi, Dario Mattiussi e Giuseppe Mirabella. Alle 10.30 “Anabattismo: una fede rivoluzionaria?”, con i docenti Giorgio Politi e Andrea Del Col, coordinati da Claudio Ferlan. Alle 12 “Rivoluzione militare”, con gli esperti Andrea Nativi e Martin van Creveld, coordinati da Vettor Maria Corsetti. Alle 16.30 “La rivoluzione demografica”, alla presenza del demografo Antonio Golini con cui converserà Stefano Mensurati. Infine, alle 18, la presentazione curata da Franco Cecotti e Sabrina Benussi del volume “Dietro la cortina di bambù. Diario di Derino Zecchini”, edito dall’Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione del Friuli Venezia Giulia e alle 19 una conversazione sui temi della mostra “Nel segno di Klimt. Ver sacrum. La rivista d’arte della Secessione viennese”, allestita in occasione del festival: interverranno il giornalista e caporedattore del Gazzettino Maurizio Bait, i curatori Marina Bressan e Marino De Grassi.

Il cartellone musicale di “èStoria” di domenica 20 maggio

Seconda giornata per il cartellone musicale di èStoria 2007: per gli “Aperitivi al reading” alle 18.30 “Disperanza: la new-economy vista dal basso”, con Edoardo Cerea e Mario Congiu (voce e chitarra), Marco Peroni (voce narrante). E alle 21, nell’Auditorium della cultura friulana, Ostinati e contrari. Musica, immagini e parole, uno spettacolo dedicato a tre rivoluzioni: quella del “miracolo” economico italiano, che ha stravolto ogni aspetto della vita economica, culturale, politica e sociale italiana; quella portata dal Cantacr"èStoria" logoonache e dalla cosiddetta “scuola genovese” nel paludato mondo della canzone (Tenco, Paoli, De André, Lauzi, Endrigo…); quella, infine, che negli ultimi vent’anni ha attraversato la metodologia storiografica (l’annessione di nuove fonti, come il cinema e le canzoni, al territorio della ricerca). Con Marco Peroni, Mario Congiu, Edoardo Cerea, Carlo Pestelli, Giorgio Olmoti.

Leggi le Ultime Notizie >>>