Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 16 Maggio 2012

Alla Galleria La Fortezza tornano le grandi anteprime letterarie: Giorgio Mosetti presenta "E se"

"E se" di Giorgio Mosetti (Edizioni La Caravella)

Gradisca d'Isonzo (GO) - Sabato 19 maggio alle ore 21.00, negli spazi della Galleria in via Ciotti 25 a Gradisca d’Isonzo, Giorgio Mosetti presenterà il suo nuovo libro “E se”, pubblicato per le edizioni “La Caravella”. L’autore sarà presentato da Alessandro Romano presidente dell’associazione culturale “Mattatoio scenico” con letture dell’attrice Maja Monzani.Dopo il grande successo della presentazione a Gorizia, Giorgio Mosetti torna negli spazi della "Fortezza" dove aveva già presentato il precedente fortunato romanzo. Il circolo culturale “GRADISC’ARTE” riprende così quel felice connubio tra Arte e Letteratura che ha caratterizzato le precedenti stagioni.


Giorgio Mosetti, nato a Gorizia nel 1966, ha esordito con il racconto "L’appuntamento", vincitore del Premio Fonopoli 2002, e successivamente pubblicato nella raccolta "L’uomo d’argilla". Ha scritto i romanzi "La panchina sotto il pino", "Nonostante me" e "Dove tutto finirà", tutti editi da La Caravella Editrice.

Con E se, Mosetti ci regala uno straordinario viaggio onirico, ammantato di minaccia e crudeltà, e, attraverso l’uso efficace dell’allegoria, ci conduce per mano dentro lo spietato mondo della sofferenza, facendoci arrancare, passo dopo passo, lungo il cammino di un uomo alla disperata ricerca di sé e della propria salvezza. Un uomo, una fortezza in cui è rinchiuso da oltre vent’anni senza neppure saperne il motivo, e una fuga. L’ultima. Comunque vada. Il Capo è stato chiaro al riguardo. Se scappa ancora, questa volta ad attenderlo c’è il sotterraneo. E nessuno è mai uscito dal sotterraneo.

A dargli la caccia, i carcerieri. Sullo sfondo, a sud, la leggendaria barriera dei monti Pas. Un luogo ostile e insuperabile da cui, si dice, nessuno ha mai fatto ritorno. Ma anche, forse, unica via di salvezza.

Ad aiutare l’uomo lungo il cammino, un vecchio bizzarro che vive in una chiesa sconsacrata con la stravagante abitudine di dare il nome agli alberi, e una donna con un bambino, moglie e figlio di un uomo che si è arreso troppo presto; tutti uniti da un cammino che potrebbe persino portarci fino lassù, in cima a quegli stramaledetti monti Pas, per scoprire se, come racconta la leggenda, è la dimora del demone della montagna. Oppure, perché no, lo scrigno dell’unica risposta possibile a tutti i perché.

Leggi le Ultime Notizie >>>