Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 31 Gennaio 2012

Bookmark and Share

Tra una settimana gli House Of Lords a Trieste. Ad aprire il concerto Sandalinas e Sweet Lorraine

House of Lords

Trieste (TS) - Manca una settimana, ormai, all'attesissimo concerto degli House of Lords, che si esibiranno l'8 febbraio all'Etnoblog di Trieste. Apriranno la serata, alle ore 20, i Sandalinas del chitarrista spagnolo Jordi Sandalinas, a seguire gli Sweet Lorraine, Tribute Band Internazionale degli Uriah Heep capitanata dal tastierista triestino Alex Falcone. Dopo questo ricco antipasto sarà la volta degli headliner House Of Lords, band californiana nata dalle ceneri dei Giuffria, grazie alla geniale intuizione di Gene Simmons (bassista dei Kiss, occorre dirlo?) che li scritturò sotto la sua etichetta, la Simmons Records.


I biglietti sono disponibili in prevendita presso:
- SEDE TRIESTE IS ROCK (corso italia 9);
- Libreria Minerva, Via San Nicolò, Trieste (solo ticket non soci);
- Taverna Mastri D'Arme, Via Tor Bandena 3, Trieste (solo ticket non soci);
- La bottega degli animali, Via D'Annunzio 3, Muggia (TS) tel 040 9278714 (solo ticket non soci).

Di seguito i prezzi:
- SOCI TRIESTE IS ROCK: prevendita 12 euro, intero 15 euro;
- NON SOCI: prevendita 15 euro, intero 18 euro.

Maggiori informazioni su www.triesteisrock.it.


--------------------


HOUSE OF LORDS
La pubblicazione dell'omonimo debut "House of Lords" (1988) fu un successo di critica e di pubblico e permise loro di suonare in tour con bands del calibro di Cheap Trick, Ozzy Osbourne e Scorpions. Il loro hit single "I Wanna Be Loved" fu incluso tra i video clips di successo nelle rotazioni di MTV. Ancor più fortunato fu il sequel, "Sahara "(1990) con Doug Aldrich alle chitarre (Dio e Whitesnake) ed un parterre di coristi d'eccezione quali Mike Tramp (White Lion), Ron Keel, Robin Zander (Cheap Trick). Il singolo "Can't Find My Way Home" fu tra i più gettonati e richiesti nelle Radio di mezzo mondo, il video "Remember My Name" arrivò al #2 delle preferenze su MTV USA. Nonostante la presenza di un altro artista prestigioso,Tommy Aldridge alla batteria (Whitesnake), la loro terza fatica "Demons Down" (1992) fece da preludio al doloroso scioglimento della band (1993) in pieno periodo grunge, principale causa della crisi discografica che coinvolse quasi tutte le bands hair metal e hard rock del periodo.

Si fece attendere fino al nuovo millennio l'annuncio della loro agognata reunion (2002) con l'album "The Power and the Myth", primo episodio sotto la prestigiosa etichetta italiana "Frontiers Records". L'album, pubblicato nel 2004, vide la sostituzione del tastierista Gregg Giuffria con un altro keyboardist di fama internazionale : Derek Sherinian (Dream Theater e Yngwie Malmsteen). Grazie soprattutto alle loro frequenti esibizioni dal vivo (ospiti a festival internazionali quali "Firefest" e "United Forces Of Rock" tra gli altri) son capaci di dimostrare tutto il loro valore. Dopo alcuni proggetti solisti del frontman James Christian (anche in veste di produttore), è l'album "World Upside Down" (2006) a ricatapultare gli House of Lords agli onori della critica internazionale. Cosa solo parzialmente riuscita nei successivi lavori "Come to My Kingdom" (2008) e "Cartesian Dreams" (2009). A dimostrare l'intensa produttività del combo californiano, a Settembre del 2011 è stato pubblicato "Big Money", a detta del singer "Il miglior album di sempre!", che ha ricevuto ottime recensioni da parte della stampa specializzata. Motivo in più per non perder la loro esibizione di Trieste. Sarà impossibile non lasciarsi catturare dalla magica voce di James Christian, i cori molto "catchy" e le dolci melodie impreziosite da potenti trame di chitarre dei Lords americani!


SWEET LORRAINE
Gli Sweet Lorraine Tribute Band Internazionale degli Uriah Heep si formano nel febbraio 2006 da musicisti provenienti dall’Italia e dalla Slovenia.

La band dopo diversi cambi di musicisti si assesta nel 2010 e con l’uso di strumentazione rigorosamente vintage troviamo all’organo Hammond e Moog Alex Falcone mentre alla voce, proveniente da oltreconfine, Davor ”Byron” Zorz.

Per un caso della vita hanno entrambi suonato dal vivo con lo storico cantante degli Uriah Heep, John Lawton, all’Hammond nel 2003 (Alex ) e Davor ai cori nel 2006. Al basso Fender Jazz ad impreziosire la parte ritmica, troviamo l’eccellente Gianluca Sossi in grado di riprodurre le parti di Gary Thain e Trevor Bolder alla perfezione. Alla batteria Sergio Sigoni ed infine alle chitarre elettrica ed acustica, oltre che ai superlativi cori, Luca Lunardis l'ultimo entrato nella band.

Leggi le Ultime Notizie >>>