Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 23 Gennaio 2012

Bookmark and Share

Battute finali al Teatro Miela per l'edizione 2012 di "Trieste Film Festival"

"OCCHIO DI VETRO CUORE NON DORME" di Gabriele di Munzio

Trieste (TS) - Si avvia alla conclusione il Festival di Trieste, che si sposta di nuovo, interamente al Teatro Miela.

Alle ore 11 in programma due dei progetti finalisti della scorsa edizione del PREMIO SALANI, che sono diventati due film.
Il primo, "LASCIANDO LA BAIA DEL RE" di Claudia Cipriani racconta di un’amicizia nata da un insolito modo di insegnare che si trasforma in un viaggio da un luogo della periferia milanese, chiamato Baia del Re, a un luogo del Polo Nord che ha lo stesso nome. “Tre luoghi diversi e lo stesso luogo insieme: luogo di confine, geografico e spirituale. Ho cercato di cogliere questa ricchezza attraverso la mescolanza di modalità di rappresentazione, formati e temi”, dice la regista.
A seguire "OCCHIO DI VETRO CUORE NON DORME" di Gabriele di Munzio. Porta Venezia, Milano: la storia si impernia su due prostitute, i contestatori magrebini della primavera araba e i manifestanti italiani, tutti legati da una strana relazione…


Dalle 14 proiezione di 4 documentari in concorso. Il primo è "L’EPOCALE VIAGGIO IN RUSSIA" di Filip Remunda. Un signore infila nello zaino il diario del nonno che aveva combattuto la Prima guerra mondiale e la guerra civile in Russia, con l’idea di ripercorre le tappe già toccate dal suo avo. Il viaggio diventa così un modo per fare luce sul destino del nonno, ma anche uno sguardo attuale sulla società russa.
A seguire "NASA GAZETA (IL NOSTRO GIORNALE)" di Eline Flipse: Russia, regione dell’Uljanovsk, luogo di nascita di Lenin. Dopo aver lasciato il proprio lavoro nel quotidiano ufficiale “Il leninista”, il giornalista Andrej Skolnij decide di fondare il proprio giornale, anche se i suoi concittatidini non si interessano per nulla alla politica. I funzionari apprezzeranno l’iniziativa?
Alle 16 sarà proiettato "PISMO OCU (LETTERA A PAPÀ)" del serbo Srdan Keca, che racconta la storia di un uomo che, dopo la morte improvvisa del padre, comincia a farsi delle domande. Inizia così ad aprire scatole rimaste chiuse troppo a lungo: foto dimenticate, lettere, filmini. Basteranno a spiegare la storia di un uomo e le difficoltà di un popolo che non si è ancora lasciato alle spalle la guerra nei Balcani?
Segue poi il documentario croato "ALBUM" di Branko Istvancic; un viaggio alla ricerca di fotografie di famiglia, andate perdute nella guerra in ex Jugoslavia, porta a una scoperta inattesa.

Alle 18 si riparte con il concorso LUNGOMETRAGGI con il film bulgaro "AVÉ", di Konstantin Bojanov; mentre sta facendo l’autostop da Sofia a Ruse, Kamen incontra Avé, una ragazza di 17 anni scappata di casa. A ogni passaggio che trovano, Avé inventa per loro identità sempre nuove…

Alle 20.30 torniamo ai documentari in concorso con "MAMA ILLEGAL" di Ed Moschitz. Hanno dato ai trafficanti tutto il loro denaro e ora rischiano la vita per attraversare diversi confini: sono tre donne moldave che lavorano in Austria e in Italia come donne delle pulizie. Oltre a un lavoro duro, devono convivere con l’illegalità, la mancanza di documenti, la lontananza da figli e parenti che può durare anni. Un film sul prezzo da pagare per sognare una vita migliore.

Alle 22.30 un lungometraggio in concorso: "THE LONELIEST PLANET (IL PIANETA SOLITARIO)" di Julia Loktev. Una coppia di giovani fidanzati americani parte per un trekking nella natura selaggia georgiana, accompagnata da una guida locale: il viaggio cambierà definitivamente il loro rapporto.


INCONTRI CON GLI AUTORI: alle ore 10.30 al Caffè Tommaseo
10:30 Omaggio alla Wajda School: Thierry Paladino (Andrzej Wajda: robmy zdjecie!; Na dzialce regista), Maciej Sobieszczanski (Urodziny regista)
10:50 - Pawel Wysoczanski, Kiedys bedziemy szczesliwi, regista
11:10 - Rafael Lewandowski KrTrieste Film Festival 2012et, regista
11:30 - Nadezda Markina, Elena, attrice.

A seguire la presentazione del libro Il coraggio della cinefilia. Scrittura e impegno nell’opera di Callisto Cosulich a cura di Elisa Grando e Massimiliano Spanu, EUT Edizioni Università Trieste.

Info: www. triestefilmfestival.it


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Trieste Film Festival

Leggi le Ultime Notizie >>>