Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 13 Gennaio 2012

Bookmark and Share

Le suggestioni del cinema dell'Europa centro-orientale nella 23ª edizione di Trieste Film Festival

di Claudio Bisiani

Trieste Film Festival - Alpe Adria Cinema (logo 2012)

Trieste (TS) - E' stata presentata stamattina a Palazzo Gopcevich la 23ª edizione di Trieste Film Festival, in programma dal 19 al 25 gennaio al Teatro Miela e al Cinema Ariston. La storica rassegna organizzata dall'associazione Alpe Adria Cinema prevede anche quest'anno i tre tradizionali concorsi internazionali dedicati ai lungometraggi, ai cortometraggi e ai documentari provenienti dai Paesi dell'Europa centro-orientale, a cui si affiancheranno importanti retrospettive, sezioni, omaggi, anteprime, eventi speciali e incontri.
«Sarà un festival - ha spiegato Annamaria Percavassi, direttore artistico della manifestazione - che nonostante tutto e malgrado la crisi economica del momento dimostrerà di essere cresciuto e di essersi sviluppato con nuovi appuntamenti e nuove interessanti iniziative».

Trieste Film Festival 2012 verrà inaugurato giovedì 19 gennaio, alle ore 19 al Teatro Miela, dalla proiezione del documentario-fiction “Majki (Madri/Mothers)” del regista macedone Milcho Manchevski, Leone d'Oro a Venezia nel 1994, e si chiuderà mercoledì 25 gennaio con “Odchazeni (Partire/Leaving)”, esordio cinematografico del grande drammaturgo e politico ceco Vaclav Havel, scomparso di recente.

Fra i numerosi appuntamenti all'interno del festival, accanto al Premio Corso Salani – promosso dall'omonima associazione e che il 25 gennaio presenterà i cinque progetti “work in progress” giunti in finale (al vincitore 10mila euro) –, si terrà un particolare omaggio alla Wajda School, prestigiosa scuola di cinema che ha sfornato la cosiddetta “seconda nouvelle vague” di documentaristi e cineasti polacchi. Da segnalare ancora la rassegna “Muri del suono”, dedicata ai film di argomento musicale, la quarta edizione del progetto “Eastweek”, che porterà a Trieste una ventina di giovani registi, sceneggiatori e produttori delle più importanti accademie di cinema dell'Europa centro-orientale, e il meeting “When East Meets West”, organizzato con il Fondo per l'Audiovisivo del FVG, a cui parteciperanno 150 professionisti provenienti da 29 nazioni europee.

Il cuore del Trieste Film Festival 2012 sarà come sempre rappresentato dalle tre sezioni competitive della kermesse che offriranno il consueto spaccato sulle ultime tendenze, le principali suggestioni e le produzioni più originali della cinematografia europea centro-orientale. Otto i titoli in lizza per il Concorso internazionale Lungometraggi, 17 le opere in gara per il Concorso Cortometraggi – selezionate nell'ambito del Premio Mediterraneo Cinema –, mentre saranno 18 le proposte in anteprima nazionale per il Concorso Documentari.

Al più “sorprendente e misconosciuto” regista d'avanguardia del cinema polacco, Grzegorz Krolikiewicz, verrà dedicata la retrospettiva dal titolo “Il caos come visione del mondo”, a cui si affiancherà la presentazione di un volume a lui dedicato che inaugura la nuova collana di cinema “I Quaderni di Trieste Film Festival”, edita dalla casa editrice Beit di Trieste.

Tra i molti eventi speciali della manifestazione, da segnalare la serata “XXX rated”, sabato 21 gennaio al Miela, la proiezione in anteprima del documentario “Holtak Orszaga (Il paese dei morti)” di Sandor Lasz e Robert Kollar, il 25 gennaio in occasione del Giorno della Memoria, e il tributo al grande critico triestino Callisto Cosulich con la presentazione, il 24 gennaio al Caffè Tommaseo”, del libro “Il coraggio della cinefilia. Scrittura e impegno nell'opera di Callisto Cosulich”, curato da Elisa Grando e Massimiliano Spanu.

E si rinnova anche nel 2012 la collaborazione tra il festival internazionale giuliano e l'associazione culturale Mattador: giovedì 19 gennaio alle ore 16.30, nella sala conferenze della Casa del Cinema di Trieste, avrà luogo il seminario “La memoria per immagini”, introduzione al secondo ciclo di incontri di tutoraggio del Premio internazionale per la Sceneggiatura Mattador, in memoria di Matteo Caenazzo.

Non mancherà infine l'atteso appuntamento con “Zone di cinema”, riservato alle produzioni cinematografiche del nostro territorio, con il sostegno della Provincia di Trieste, mentre una nuovo spazio alla creatività di aspiranti filmaker e videomaker sarà offerto con la prima edizione di “2 Days Short Contest”, concorso estemporaneo di 48 ore nel quale i partecipanti dovranno realizzare uno spot a tema di 30''.

Alla conferenza stampa di presentazione di Trieste Film Festival 2012 sono intervenuti la presidente della Provincia di Trieste Maria Teresa Bassa Poropat e il sindaco di Trieste Roberto Cosolini.

Per ulteriori informazioni sull'evento e per il programma dettagliato del festival è consultabile il sito web www.triestefilmfestival.it.

Leggi le Ultime Notizie >>>