Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 28 Novembre 2011

Bookmark and Share

Lo studioso cileno Claudio Naranjo ospite del progetto "Terapeuti"

CLAUDIO NARANJO

Udine (UD) - Quale ruolo giocano, la mente e la spiritualità, nei processi di malattia e di guarigione? Gli studi moderni di medicina sottolineano l’origine multifattoriale delle malattie, e il ruolo strategico che le credenze e le relazioni umane svolgono sulle condizioni di benessere e più in generale sulla salute umana. Molte tradizioni culturali e spirituali hanno sviluppato conoscenze notevoli sulle procedure di diagnosi e cura di malattie dovute a cause sia organiche che psichiche.

E le società occidentali stanno sempre più diventando il luogo d’incontro per culture e tradizioni spirituali diverse: aspetti che non possono essere sottovalutati dal mondo medico, perché l’atto terapeutico riveste sempre una dimensione psicologica e relazionale, e dev’essere attento e rispettoso delle diverse tradizioni culturali. Ruota intorno a queste premesse il secondo incontro “I terapeuti dell’anima e del corpo: Ieri e oggi”, promosso – a un anno dalla prima edizione del progetto – dall’Associazione Culturale Don Gilberto Pressacco, con il patrocinio dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Santa Maria della Misericordia: sabato 3 dicembre, con inizio alle 8.45 nell’Aula Magna dell’Università di Udine (piazzale Kolbe), è in programma il convegno scientifico coordinato da Franco Fabbro, con la partecipazione di importanti relatori, a cominciare dallo studioso cileno Claudio Naranjo, medico e psichiatra, già docente universitario di Psicologia delle Religioni, direttore della Scuola di Crescita Personale SAT. “Malattia e guarigione nelle tradizioni psico-spirituali” è il tema del suo intervento al convegno di Udine: Carlo Naranjo è uno dei massimi esponenti dell’integrazione fra educazione, psicoterapia e tradizioni spirituali, e quattro anni fa ha ricevuto dall’Università di Udine la laurea honoris causa in Scienze della formazione primaria.

Fra i relatori presenti, da segnalare ancora il medico infettivologo Rossano Vitali, psicoterapeuta ed esponente della tradizione spirituale sufi, e Gabriele Piana, già docente universitario di filosofia morale, attuale docente al Basic Program di Buddhismo tibetano presso l’Istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia (Livorno). Il convegno spazierà dalla “via buddhista”, ovvero i principi basilari del buddhismo tibetano nei suoi rapporti con il concetto di guarigione e malattia, illustrati attraverso la relazione del prof. Gabriele Piana, ai principi di una tradizione spirituale dell’Islam che ha dato rilevanti contributi in ambito psicologico e terapeutico, il sufismo, ripercorso nella relazione del dott. Rossano Vitali. A chiudere la carrellata di relazioni, sarà appunto lo studioso Claudio Naranjo, impegnato nell’illustrazione dei principali temi che caratterizzano la psicologia umanistica ispirata alla tradizione psico-spirituale della cosidetta IV via.

La riflessione avviata dall’associazione don Gilberto Pressacco intorno ai “terapeuti” si completa, sabato 3 dicembre, con l’incontro pubblico che vedrà protagonisti i tre relatori del convegno, Claudio Naranjo, Gabriele Piana e Rossano Vitali: l’appuntamento è promosso con il Centro Balducci di Zugliano, dove in serata, alle 20.45, si dibatterà su “Il ruolo dei terapeuti nelle diverse culture: fra medicina, neuro-psicologia e religione”. E’ prevista l’introduzione di Don Pierluigi di Piazza, conduce l’appuntamento Franco Fabbro. Ingresso libero.


TEMI DEL CONVEGNO SCIENTIFICO “TERAPEUTI DELL’ANIMA E DEL CORPO: IERI E OGGI”

Alla base della tradizione buddhista vi è la constatazione dell’esistenza del malessere e del dolore: una condizione psicospirituale che può essere attenuata o addirittura risolta attraverso una serie di insegnamenti che caratterizzano la “via”, un’insieme di norme e di comportamento che mirano alla ricerca dell’equilibrio insieme a una serie di pratiche psicologiche che hanno l’obiettivo di riequilibrare e ripulire la psiche umana dalle emozioni negative. Queste pratiche sono alla base di numerosi programmi recentemente adottati in ambito medico per la riduzione del dolore cronico, dello stress e di numerose sindromi psicopatologiche.

Nel sufismo confluiscono diverse correnti mistiche che hanno come obiettivo la ricerca e la conoscenza in alcuni ambiti del sapere, dell’arte e della letterattura, ma soprattutto nello studio e nell’analisi di se stessi. L’itinerario di un sufi consiste nello studio psicologico del sé e in una lunga e faticosa serie di esperienze che permettono di raggiunge una condizione di evoluzione spirituale definita “fanā”, nella quale il soggetto ha curato completamente la sua mente. Le conoscenze e le pratiche della purificazione della mente sviluppate nella tradizione spirituale sufi sono di particolare interesse per gli psicologi e i medici interessati ai processi di malattia e guarigione. Molti i temi che caratterizzano la psicologia umanistica ispirata alla tradizione psico-spirituale della cosidetta IV° via. Secondo questa tradizione la struttura di personalità di ogni essere umano è una sorta di corazza difensiva psicologica che finisce per soffocare l’individuo. Nelle condizioni normali (nevrotiche) e nella malattia l’influenza patologica di questa maschera è determinante.

La via di guarigione consiste prima di tutto nel riconoscere la propria condizione e successivamente nella messa in atto di procedure e pratiche volte al raggiungimento di una situazione di equilibrio e di autentica espressione del sé. La psicologia umanistica e le sue tradizioni hanno influenzato in maniera rilevante numerose scuole di psicoterapia occidentale e hanno altresì aiutato a comprendere e a migliorare numerosi aspetti della relazione medico-paziente.

----------------

“TERAPEUTI DELL’ANIMA E DEL CORPO: IERI E OGGI” - PROGRAMMA

ore 8.45 Accreditamenti
ore 9.00 Saluti Autorità (Favaretti?)

ore 9.15 Franco Fabbro
Introduzione al tema del convegno

9.30-10.30 Gabriele Piana
Malattia e la guarigione nel buddhismo tibetano
10
10.30.11.30 Rossano Vitali
Malattia e la guarigione nella tradizione dei sufi

11.30.12.30 Claudio Naranjo
Malattia e guarigione nelle tradizioni psico-spirituali
12.30-13.00 Dibattito e conclusioni

Leggi le Ultime Notizie >>>