Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Notizie > Incontri > 14 Ottobre 2011

Bookmark and Share

Oggi al Revoltella si parla di cittadini e libertà con Luigi Manconi e Valentina Calderone

Civico Museo Revoltella

Trieste (TS) - “Il cittadino e le libertà: una questione di democrazia” è il titolo dell’incontro promosso dal Comune di Trieste che si terrà oggi pomeriggio, venerdì 14 ottobre, alle ore 17.30, nell’Auditorium del Civico Museo Revoltella di via Diaz 27, in occasione della presentazione del libro “Quando hanno aperto la cella” (Il Saggiatore, 2011) di Luigi Manconi e Valentina Calderone.

All’incontro aperto al pubblico, interverranno il sindaco di Trieste Roberto Cosolini, il direttore della Casa Circondariale Enrico Sbriglia, nonché segretario nazionale del SIDIPE (Sindacato Direttori e Dirigenti Penitenziari), lo scrittore Pino Roveredo, la giornalista e scrittrice Kenka Lekovich e gli autori Luigi Manconi e Valentina Calderone.

L’attore Maurizio Zacchigna leggerà alcuni passi del libro.


Luigi Manconi e Valentina Calderone ascoltano, raccolgono e portano alla luce storie di persone - spesso giovani - che entrano nelle carceri, nelle caserme e nei reparti psichiatrici e ne escono morte. In ognuna di queste morti, la morte dello Stato di diritto: “Quelle foto di Stefano Cucchi. Quel corpo prosciugato, quella maschera di ematomi sul viso, un occhio aperto, quasi fuori dall'orbita. Quella morte di Federico Aldrovandi, quel giovane riverso a terra, le mani ammanettate dietro la schiena, esanime. Quelle urla di Giuseppe Uva, dentro la caserma dei carabinieri di Varese. Quelle sue foto col pannolone da adulto incontinente, imbrattato di sangue. Quelle facce gonfie, viola, i rivoli di sangue. E tutte le altre storie, rimaste ignote, oppure richiamate da un trafiletto di giornale, e già dimenticate. Giovanni Lorusso, Marcello Lonzi, Eyasu Habteab, Mija Djordjevic, Francesco Mastrogiovanni. E molti altri. In Italia in carcere si muore. Alcuni sono suicidi, alcuni no. E si muore durante un arresto, una manifestazione in piazza, un trattamento sanitario obbligatorio. Dietro le informazioni istituzionali spesso c'è un'altra storia. Un uomo che muore in carcere è il massimo scandalo dello Stato di diritto. Quando hanno aperto la cella ce lo racconta”.

Luigi Manconi (Sassari, 1948) insegna Sociologia dei fenomeni politici presso l’Università Iulm di Milano ed è presidente di “A Buon Diritto”. Senatore per due legislature e sottosegretario di Stato alla Giustizia nel 2° governo Prodi, è editorialista dei principali quotidiani nazionali. Tra le sue pubblicazioni: Solidarietà, egoismo. Buone azioni, movimenti incerti, nuovi conflitti (Il Mulino 1990), I razzismi possibili e i razzismi reali (con Laura Balbo, Feltrinelli 1990 e 1992), Storie di lotta armata (con Raimondo Catanzaro, Il Mulino 1995), Il dolore e la politica (con Andrea Boraschi, Bruno Mondadori 2006), Terroristi italiani. Le Brigate Rosse e la guerra totale 1970-2008 (Rizzoli, 2008), Un’anima per il Pd. La sinistra e le passioni tristi (Nutrimenti, 2009). È membro dell’assemblea nazionale del Partito democratico e della direzione dell'associazione Luca Coscioni e di Nessuno Tocchi Caino.

Valentina Calderone, laureata in Economia, è una collaboratrice di “A buon diritto”, l’associazione fondata da Luigi Manconi nel 2001 allo scopo di promuovere l’esercizio di diritti riconosciuti dal nostro ordinamento, ma non adeguatamente tutelati o il cui riconoscimento viene contrastato o ritardato nei fatti. Coautrice di pubblicazioni tra cui “Morire di carcere”, con Luigi Manconi, è ricercatrice dell'associazione e coordinatrice dei siti innocentievasioni.net e italiarazzismo.it


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>