Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 07 Ottobre 2011

“Spazio-tempo Hortis": incontro pubblico con l'assessore Elena Marchigiani

Elena Marchigiani, assessore comunale ai Lavori pubblici (foto: www.retecivica.trieste.it)

Trieste (TS) - “Spazio-tempo Hortis: un luogo di memorie, idee e mondi futuri”. E’ stato questo il filo conduttore dell’incontro aperto alla cittadinanza che si è tenuto ieri - 6 ottobre - nella sala del consiglio comunale di Trieste, con l’assessore ai Lavori pubblici Elena Marchigiani, alla presenza del collega Fabio Omero, i tecnici del Comune e i dirigenti del Verde Pubblico Carmelo Trovato e di Area Carlo Nicotra, impegnati nei lavori sul verde pubblico e sulla progettazione del Piano integrato di sviluppo urbano sostenibile (Pisus), nonché di numerosi intervenuti, tra cui il presidente della Circoscrizione della IV Circoscrizione Luca Bressan.

L’obiettivo del dibattito pubblico è stato discutere e illustrare a cittadine e cittadini lo stato di avanzamento della progettazione preliminare riguardante due luoghi particolarmente importanti per la vita collettiva e la cultura della città di Trieste: la Biblioteca civica e il giardino di piazza Hortis. Entrambi questi luoghi rientreranno nei progetti di riqualificazione che saranno presentati alla Regione nell’ambito di Pisus.

L’assessore Marchigiani ha voluto ribadire - come già più volte sottolineato – la finalità del programma della nuova Giunta comunale che è quello di integrare il più possibile interventi diversi, su spazi pubblici e attrezzature collettive, al fine di migliorare l’abitabilità degli spazi urbani. Ai cittadini presenti, ha illustrato queste prime idee per la trasformazione del giardino, nella prospettiva di continuare nei prossimi mesi il percorso di progettazione ‘partecipata’ già avviato e di affinare le proposte di riqualificazione in rapporto alle esigenze degli abitanti.

“Nello specifico – ha spiegato Marchigiani - il progetto integrato biblioteca-giardino intende creare uno spazio dedicato alla cultura, al sapere e alla sperimentazione, dove ogni cittadino si senta a proprio agio: giovane o meno giovane. Spazio/tempo Hortis è concepito come un luogo che si propone di mettere in sinergia la Biblioteca civica e il giardino con l’aggiunta di nuovi spazi e nuove possibilità. Grazie a PISUS, sarà possibile aggiungere alla Biblioteca civica, già ricca di libri, di archivi di memorie e alla frequentatissima emeroteca, anche spazi dedicati alle generazioni più giovani: bambini e ragazzi. In una nuova ala dell’emeroteca, dedicata a questa fascia di età, i ragazzi potranno trovare gratuitamente giornali, riviste e pubblicazioni periodiche a loro rivolte, nonché sperimentare laboratori dove “lo stupore di conoscere” sia il filo conduttore di ogni attività nella scoperta di mondi futuri”.

E’ stato anche evidenziato il concetto di cultura: “cultura del proprio territorio, della propria produzione, proprio a tal fine sarà aperto un piccolo “temporary shop” - una “vetrina della città” - dove artigiani artistici e produttori agro-alimentari del nostro territorio potranno a rotazione presentare la propria produzione anche collaborando con i laboratori per i bambini. Questi nuovi spazi saranno creati nella nuova piazzetta interna della Biblioteca civica, che permetterà di aggiungere all’entrata di Piazza Hortis anche l’accesso diretto da via SS.Martiri”.

Sempre nell’ambito di “PISUS”- è stato detto - sarà riprogettato il giardino di Piazza Hortis, sulla cui trasformazione si è già concentrato un incontro pubblico organizzato con la cittadinanza. In questo luogo oggi poco attraente e mal organizzato Spazio/tempo Hortis troverà il suo completamento attraverso la riorganizzazione delle aiuole esistenti: una dedicata ai bambini con nuovi giochi che rappresenti visivamente il mondo dell’infanzia e una con pavimentazione in legno ed erba che permetta di essere uno spazio adeguato a letture, allo studio o al semplice piacere di chiacchierare seduti a terra.

E’ stato poi toccato un altro punto interessante riguardante “la rete wi-fi gratuita”, che permetterà di estendere le caratteristiche interne delle emeroteche anche all’esterno: i giovani e meno giovani potranno connettersi con il mondo virtuale direttamente dal giardino, leggersi una rivista o un libro seduti su una moltitudine di panchine che contorneranno le aiuole e, nel caso di bisogno, rinfrescarsi dalla nuova fontana.

“Dopo questa prima fase di ‘ipotesi di progetto’ elaborata tenendo conto e raccogliendo i numerosi e utili suggerimenti da parte dei cittadini – ha precisato l’assessore Marchigiani – attraverso un ‘percorso partecipato’, presenteremo un progetto preliminare, basandoci anche su Pisus che prevede l’aumento delle attività in centro storico, considerate dal punto di vista turistico-culturale e in grado di stimolare lo sviluppo mediante l’utilizzo di risorse. E la capacità di ‘mettersi in rete’(spazi, attività e attori).

Dall’incontro del 2 agosto erano già emerse le prime linee su cui poi è stata tracciata l’ipotesi di progetto: la conservazione dei caratteri storici, la riqualificazione del verde e dell’area giochi, l’aggiunta di panchine e l’inserimento della fontanella.
Nel corso del dibattito sono emerse alcune istanze e suggerimenti da parte dei cittadini, tra cui in particolare, la necessità di una possibile videosorveglianza della zona specie in ambito serale e dell’installazione di una pedana per eventuali spettacoli.

“Ora si va avanti – ha concluso Marchigiani – ancora con particolare attenzione alle esigenze dei cittadini e dei residenti, cercando soluzioni possibili e praticabili nel rispetto degli spazi disponibili e delle persone, dei bambini e dei ragazzi che ne potranno usufruire al meglio”.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>