Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 13 Agosto 2011

Bookmark and Share

Successo confermato per Lagunamovies. Si pensa a Grado come suggestione tematica per l'edizione 2012

Lagunamovies- Serata Luttazzi

Grado (GO) - Oltre tremilacinquecento presenze e un’edizione 2011 che conferma pienamente il successo di pubblico degli anni passati per Lagunamovies Festival, il cartellone di incontri, proiezioni e spettacolo di scena in questi giorni, come sempre fra il centro storico di Grado e la Laguna, per iniziativa del Comune di Grado con l’Assessorato alla Cultura della Regione Fvg, su progetto di Sergio Naitza, Daniela Volpe e Paola Sain, in sinergia con la Fondazione Carigo e Banca di Cividale.

Un percorso di proposte che ruota intorno al cinema ma che non si esaurisce nella proiezione, «perché il presupposto del festival – spiegano gli organizzatori – è quello di offrire ogni sera un approfondimento su aspetti legati al tema della manifestazione, quest’anno “Second life. L’altro lato della vita”, e di favorire l’incontro con molti protagonisti della cultura, del cinema, della musica e dello spettacolo». «Lagunamovies ha offerto una settimana ricca di eventi – racconta il sindaco di Grado Edoardo Maricchio – Abbiamo registrato con piacere l’interesse del pubblico, che manifestava agli uffici comunali la sua soddisfazione per le proposte del festival.

Confidiamo che la prossima edizione possa schiudere piacevoli sorprese ai turisti e a chi vive Grado d’estate. Importante è che questo festival possa inserirsi al meglio nella filosofia di promozione della città: quel prezioso connubio fra cultura e turismo che è volano di riferimento per le iniziative su cui siamo già al lavoro in vista della stagione estiva 2012». Carole Andrè, Rossana Casale, Mauro Covacich, Davide Toffolo, l’Orchestra permanente Ventaglio d’Arpe: sono solo alcuni protagonisti di questa edizione del festival, che nel rush finale - con quasi un migliaio di spettatori solo per l’emozionante serata omaggio dedicata a Lelio Luttazzi - è già rivolta all’edizione 2012, per la quale sono numerosi i progetti.

Obiettivo della prossima edizione è di potenziare gli eventi di produzione del festival: «Grado, con le sue ricchezze fra terra e laguna, con le sue vestigia storiche custodite nelle acque del golfo ma anche con le sue catalizzanti fascinazioni turistiche, sarà non solo la sede ma anche la fonte primaria di ispirazione per alcuni percorsi di Lagunamovies 2012 - anticipano i tre curatori – Se il ‘sommerso’, nella sua accezione più vasta fra abissi del mare e abissi del vivere, sarà una delle suggestioni tematiche 2012, non mancheremo di lavorare su quanto di più ‘luminoso’ offre la città. La spiaggia, innanzitutto, approdo diletto dagli anni d’oro della Mitteleuropa. Contiamo di riprendere il testimone di un progetto avviato nel 2010 con la proiezione di immagini storiche della famiglia Caressa: un nucleo sul quale innestare una collazione di immagini che ci proponiamo di raccogliere da archivi privati e familiari.

Obiettivo è la realizzazione di un mediometraggio da produrre in partnership con la Cineteca del Friuli, il Comune di Grado e altri enti, a cura dell’autrice e filmmaker Gloria De Antoni, e del giornalista e scrittore Pietro Spirito che negli anni scorsi ha dedicato un importante contributo al Mercurio, il brick della marina italo-francese affondato nel febbraio 1812 al largo di Punta Tagliamento. Proprio sulla storica battaglia di Grado, che siglò la sconfitta di Napoleone sull’Adriatico, si concentrerà l’attenzione di Lagunamovies 2012 nei duecento anni dall’evento.

L’intenzione – spiegano ancora i promotori del festival – è di organizzare escursioni sul sito degli scavi sottomarini sul relitto del brick Mercurio, in concomitanza con la decima campagna di scavi che dovrebbe svolgersi nell’estate 2012, per iniziativa di Ca’ Foscari, e in particolare per la direzione del prof. Carlo Beltrame del Dipartimento di Scienze dell’Antichità e del Vicino Oriente.
Vorremmo creare le condizioni per coinvolgere il pubblico negli scavi, in presa diretta, monitorando dalla superficie quanto avviene sott’acqua: un’innovativa proposta di ‘turismo culturale subacqueo’. E senza rinunciare alla vocazione del festival, fortemente radicata nella laguna, stiamo lavorando per novità suggestive anche in città: per esempio attivando proiezioni luminose sugli edifici del centro storico di Grado, con il supporto di Merlino Multivisioni». All’edizione 2011 hanno collaborato anche Git Grado e Promhotels, oltre al Consorzio Dolegna: il Collio a 7 stelle.

Intanto, Lagunamovies lancia un piccolo appello: chiunque possedesse immagini filmate della Grado del secolo scorso, dai primi decenni fino agli anni Sessanta e Settanta, può contattare il festival per partecipare alla produzione in cantiere per il 2012, info@lagunamovies.com.

Leggi le Ultime Notizie >>>