Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
LEONARDO "A TAVOLA CON" IL PICCOLO TEATRO DI SACILE, TRA FRANCIA, SLOVENIA E ITALIA
Palazzo Ragazzoni
Sacile
Dal 21/06/19
al 22/06/19
Leonardo, ultima cena

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Notizie > Manifestazioni > 22 Luglio 2011

Bookmark and Share

Mittelfest 2011: va in scena “Taranta della luna nuova” e si rende omaggio al jazzista Eddy Rosner

Eddy Rosner

Cividale del Friuli (UD) - Due gli appuntamenti che Mittelfest 2011 ha in cartellone per sabato 23 luglio, quindicesima e penultima giornata della kermesse che quest’anno ha voluto indagare il tema “NAZIONI E IDENTITA’” con uno sguardo particolare all’Oriente europeo e al mondo danubiano. L’inizio del percorso artistico è previsto per le ore 20.00 nella Chiesa di San Francesco di con un omaggio in prima assoluta al grande jazzista Eddy Rosner conosciuto come l’Armstrong bianco: oltre al debutto dello spettacolo “Eddy Rosner. Jazz dal gulag, musica delle costole e altre amenità”, a tratteggiare la figura di Rosner, sarà anchevidale la figlia del grande musicista, Erika, presente a Cividale per l’occasione, che incontrerà il pubblico del festival alle 11.30 al caffè San Marco.

Musica delle costole, così veniva definito il Jazz sovietico che, messo al bando dopo purghe e censure, doveva essere registrato clandestinamente su lastre usate per analisi radiologiche. Uno dei principali esponenti di questa musica è il “jazzista del gulag” Adolph Ignatevich Rosner, l’ebreo polacco detto Eddy, un uomo dalla vita straordinaria che ha subito sia le persecuzioni di Hitler che le purghe di Stalin. Prima celebrato jazzista a Berlino (in tournée europee e americane con i Weinstraub Syncopators) poi perseguitato da nazisti giunti al potere, scappato in Bielorussia, accolto dai Sovietici, perseguitato dai medesimi dopo la svolta antisemita e antioccidentale del 1946, Rosner sopravvisse a otto anni di gulag (e a sette mesi di torture alla Lubjanka prima) suonando la stessa musica per la quale era stato condannato. Il concerto deve ideazione e drammaturgia a Marco Maria Tosolini, musicologo, compositore, giornalista nonché docente di storia ed estetica musicale al Conservatorio “G. Tartini” di Trieste. Sul palco della Chiesa di San Francesco salirà la Gulag Jazz Band (Flavio D’Avanzo, tromba; Lorenzo Marcolina, clarinetto, sassofoni; Sebastiano Frattini, violino; Riccardo Morpurgo, pianoforte; Alessandro Turchet, contrabbasso; Pietro Ricci, batteria) per una performance che vede interpreti Sonia Dorigo, Paolo Fagiolo, Cristina Pedetta, Paolo Antonio Simioni.

Successivo appuntamento di sabato 23 luglio è con un atteso evento che coniuga musica e danza. “Taranta della luna nuova” – su coreografie di Walter Matteini e musiche originali di Valter Sivilotti e Mario Incudine, eseguite dal vivo dal Mario Incudine Quartet – non sarà però rappresentato come previsto a Cividale ma sarà spostato a causa delle previsioni di maltempo al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, con inizio alle 22.45

“Taranta della luna nuova” pensata per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, segue un percorso che fa emergere punti di contatto fra le diverse tradizioni popolari e giunge a una contaminazione e integrazione fra differenti culture. Lo spettacolo è ambientato nel periodo storico delle Guerre di Indipendenza e avvicina musicalmente e ideologicamente due mondi antitetici: da un lato le popolazioni del Sud e la loro consolidata tradizione popolare; dall’altro gli idealisti del Nord presso i quali lo spettacolo “colto” aveva già preso il posto di quello popolare. Le musiche originali di Valter Sivilotti e di Mario Incudine, l’uno del Nord e l’altro del Sud, sottolineano questi aspetti e costruiscono un percorso ideale tra la taranta e il Va’ pensiero, una contaminazione nata proprio nel momento dell’Unità d’Italia. Sul palcoscenico trovaimo Ina Broeckx, Julio Cesar Quintanilla, Emanuele De Rosa, Nunzio Perricone, Mattia De Salve, Veronica Bracaccini, Maria Focaraccio.

Per domenica 24, invece, è in programma il gran finale di Mittelfest a rappresentare le tre sezioni della rassegna (Musica, Prosa e Danza) oltre a uno spettacolo di teatro di figura. Gli appuntamenti della giornata sono “Il tempo di Gustav Mahler” (con Massimiliano Finazzer Flory e Quirino Principe, che incontreranno il pubblico al caffè San Marco alle 11.30 di domenica), “Salomè” e il Balletto di Roma “La morte e la fanciulla”. “Pirù e la vendetta di Teodoro” è invece il titolo dell’appuntamento col Teatro di Figura.

INFO: www.mittelfest.org

Leggi le Ultime Notizie >>>