Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 26 Giugno 2011

Bookmark and Share

L'incontro con Vinicio Capossela e il concerto di Raphael Gualazzi chiudono Udin&Jazz 2011

Raphael Gualazzi

Udine (UD) - La mattina successiva al concerto Vinicio Capossela approda all’Università per raccontare il suo ultimo lavoro: “Marinai, profeti e balene”. L’incontro, dedicato agli studenti e agli insegnanti ma aperto al pubblico, si terrà lunedì 27 giugno, alle 11.30 nel parco di palazzo Antonini, in via Petracco 8 a Udine. A introdurre e contrappuntare Vinicio Capossela ci sarà Davide Zoletto, ricercatore di pedagogia dell’Università di Udine. L’insolito appuntamento – a ingresso libero - è organizzato da Ateneo friulano, Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia – progetto teatroescuola, Euritmica-Udin&Jazz.2011, in collaborazione con il Conservatorio “Jacopo Tomadini”.

La mattinata in compagnia di Vinicio Capossela rientra nel più ampio contesto delle iniziative di teatroescuola in vista del prossimo anno scolastico. Le attività del progetto che l’ERT dedica alla scuola nel 2011/2012 saranno accomunate dal tema del “racconto”: un bisogno, soprattutto dei bambini che, proprio attraverso il racconto, lasciano aperta una breccia permettendo agli adulti di entrare nel loro mondo. Gli artisti, alcuni più di altri, creano un contatto attraverso il quale i bambini si riconoscono. Sicuramente la componente infantile delle opere di Capossela lo avvicina alla dimensione dei più piccoli per la magia delle atmosfere, per la narrazione surreale e giocosa insieme, per gli scenari fiabeschi che è in grado di creare tra musica e parole: un incontro che si prospetta lieve e profondo allo stesso tempo, magico e affascinante.

E un appuntamento cui l’organizzazione tiene molto è anche quello con Raphael Gualazzi, e il suo “Reality and fantasy” atteso per lunedì 27 (alle ore 21.30) nel Piazzale del Castello di Udine, come è stato lo scorso anno quello con Malika Ayane. Udin&Jazz propone i nuovi talenti, e vuole valorizzarli nella convinzione che la grande qualità e il successo popolare possono e devono camminare assieme.

Stride piano e modi da bambino, tocco pianistico di qualità indiscutibile e stile vocale inusuale e graffiante, Gualazzi ha conquistato il grande pubblico con il suo talento e la sua spontanea naturalezza. “Reality & Fantasy” è un concerto entusiasmante, un rutilante rincorrersi di sonorità ora retrò, ora astratte; un’ammiccante serie di rimandi alle sonorità americane degli anni Trenta si intreccia a momenti jazz di essenziale modernità; i ritmi rimbalzano tra swing e soul, ragtime e pop, indugiando nel rock con grande personalità melodica, inflessioni modali, influenze d’autore e perfino citazioni dal jazz elettronico. C’è proprio tutto in questo progetto; soprattutto talento, energia, comunicazione.

Dall’inconfondibile traccia di Miles Davis in Sarò sarai, la perla più definitivamente jazz del repertorio, alle atmosfere elegantemente retrò dello swing di Follia d’amore e Lady O, o ancora ai riff rockeggianti dell’energica Scandalize me, le scelte di Reality and Fantasy non lasciano spazio alla monotonia: piuttosto sorprendono, fanno riflettere, intenerire, ma anche danzare.


Raphael Gualazzi dopo gli studi classici a Pesaro, si dedica all’approfondimento degli altri stili strumentali maturando una musica dalle solidissime radici sia tecniche che storiche e di una varietà suggestiva e ammaliante. Dal 2005 partecipa a diversi festival di rilievo come il Fano Jazz, il Java Festival di Giakarta e l’Argo Jazz, il Ravello International Festival. Esibitosi anche in Vermont e New Hampshire all’interno del progetto The History & Mystery of Jazz, che l’ha visto al fianco di musicisti del calibro di Michael Ray (Sun Ra Arkestra, Kool & The Gang), Steve Ferraris (Sun Ra Arkestra, Charlie Haden), Jamie Mc Donald, Nick Cassarino, Bob Gullotti, John McKenna, nel 2009 Raphael Gualazzi incontra Caterina Caselli e firma con Sugar un contratto discografico.

"Don’t stop" dei Fleetwood Mac lo rivela al grande pubblico e nell’estate 2010 Gualazzi partecipa all’Heineken Jammin Festival, al prestigioso Pistoia Blues Festival e al Giffoni Film Festival per poi debuttare in settembre al Blue Note Milano dove presenta il suo primo omonimo ep digitale contenente 4 brani con il quale giunge alla vetta della classifica di iTunes. Nel frattempo con Reality and Fantasy nel remix di Gilles Peterson, arriva ai vertici delle classifiche di vendita digitali in tutto il mondo.

Raphael Gualazzi conquista l’air play di alcuni dei più prestigiosi network francesi e a dicembre si esibisce al Louvre per debuttare poi al Sunside Club di Parigi, tempio della musica jazz, dove presenta il suo repertorio ai media europei. Dal febbraio 2011 l’escalation post-sanremese è quella che tutti conoscono, sicuramente il primo di una serie di passi artistici in continua cresciVinicio Capossela (foto di Elettra Mallaby)ta verso la maturità e il successo.

Info su: www.euritmica.it


INFO/FONTE:
Udin&Jazz – Jazz&Jazz
Euritmica - associazione culturale
Tel +39 0432 1744261
Fax +39 0432 1744262
Direzione artistica Giancarlo Velliscig

Leggi le Ultime Notizie >>>