Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 21 Settembre 2010

Bookmark and Share

“I mille occhi” punta i riflettori su Giorgio Bianchi, Trieste e la Prima Guerra Mondiale

Scena tratta da "La nemica", film diretto da Giorgio Bianchi

Trieste (TS) - Mercoledì 22 settembre quinto giorno per “I mille occhi”, il festival che in questi giorni si divide tra gli incontri antemeridiani all’Auditorium dell’ex Pescheria e le proiezioni al Teatro Miela.
Al centro della programmazione la serata intitolata "Ombre Bianchi".
Lucio Fabi, Livio Jacob e Carlo Moser introdurranno la preziosa testimonianza "Sulle vie della vittoria. Visita dei Reali d’Italia alla Venezia Giulia", che documenta la visita, avvenuta tra il 22 e il 25 maggio 1922, che il Re d’Italia Vittorio Emanuele III, la Regina Elena e la figlia Jolanda fecero ai “luoghi sacri” della Grande Guerra.
La serata proseguirà con due film diretti da Giorgio Bianchi ("La nemica" e "Il caimano del Piave", quest'ultimo ambientato proprio durante la Prima Guerra Mondiale) e "La Samaritana", cortomteraggio muto di Armando Brunero.

Nel mattino alle ore 11 all’Auditorium dell’ex Pescheria protagonista di un incontro dal titolo "Brunello Rondi e il bivio Rossellini/Fellini" è Stefania Parigi, curatrice di un volume proprio su Rondi. Stefania Parigi ha scritto o curato volumi su Roberto Benigni (ESI 1988), Francesco Maselli (La Nuova Italia 1992), Alberto Moravia (Carte segrete 1993), Marco Ferreri (Marsilio 1995 e Tiellemedia 2007), Cesare Zavattini (Bianco & Nero 2002 e Lindau 2006).

Il suo ultimo libro, "Cinema-Italy" (Manchester University Press 2009) è dedicato all'opera di Rossellini, Visconti e Pasolini. De "I mille film della Dolce vita" parlerà, invece, Domenico Monetti, che collabora per le riviste «Segnocinema» e «Cinecritica» e ha scritto per il mensile «Duel». Nel 2005, insieme a Giuseppe Ricci, ha curato il volume "Giulietta degli spiriti" raccontato dagli Archivi Rizzoli; nel 2007, insieme a Luca Pallanch, ha curato il volume "Luigi Comencini: architetto dei sentimenti" e nel 2008, sempre con Pallanch, il volume "Tagli. Il cinema di Dario Argento".

Il programma delle proiezioni pomeridiane al Teatro Miela parte alle ore 14.30 con un approfondimento sul Premio Anno Uno di quest'anno, Thomas Harlan, attraverso il suo "Torre Bela" e il complemento [Thomas Harlan – Extrasplitter] Der Film “Torre Bela”, firmato da Christoph Hübner.

Alle ore 17, nel percorso Germania anno zero, ecco "Das Bekenntnis der Ina Kahr" (titolo italiano: "Condannata a morte") di Georg Wilhelm Pabst e alle ore 19 viene proposto [Umorismo in nero] "La bestiola" di Claude Autant-Lara, da un racconto di Guy de Maupassant.

------------------

AUDITORIUM DELL’EX PESCHERIA
11.00 La gaia scienza. Letture di visioni (presentazione di libri in convergenza):

- "Brunello Rondi e il bivio Rossellini/Fellini", incontro con Stefania Parigi, curatrice con Alberto Pezzotta di Il lungo respiro di Brunello Rondi (Edizioni Sabinae, Cantalupo in Sabina - Rieti 2010), partecipa Sergio Grmek Germani, collaboratore del volume.

- Intermezzo su Angelo Arpa, con presentazione dell’edizione postuma di "Federico Fellini – La dolce vita. Cronaca di una passione" (Edizioni Sabinae, 2010).

- "I mille film della Dolce vita", incontro con Domenico Monetti, curatore con Giuseppe Ricci del volume “La dolce vita” raccontato dagli Archivi Rizzoli (Centro Sperimentale di Cinematografia, Roma/Fondazione Federico Fellini, Rimini 2010).


TEATRO MIELA
14.30 Premio Anno uno
"Torre Bela" di Thomas Harlan, col-b/n, 108’, sott. it.
[Thomas Harlan – Extrasplitter] Der Film “Torre Bela” di Christoph Hübner, col, 37’, sott. Ingl.

17.00 Germania anno zero
Presentazione di Olaf Möller
"Das Bekenntnis der Ina Kahr" di Georg Wilhelm Pabst, b/n, 97’, sott. it.
19.00 Claude Autant-Lara: cronaca cinematografica del XX secolo
[Umorismo in nero] "La bestiola" di Claude Autant-Lara, b/n, 33’.

20.30 Ombre Bianchi + Convergenze parallele. Cinema all’ombra
Presentazione di Lucio Fabi, Livio Jacob e Carlo Moser
"Sulle vie della vittoria. Visita dei Reali d’Italia alla Venezia Giulia"
della Walter Film, b/n, muto, con accompagnamento musicale preregistrato, 50’.
"La nemica" di Giorgio Bianchi, b/n, 84’.
"La Samaritana" di Armando Brunero, col, muto, 25’.
"Il caimano del Piave" di Giorgio Bianchi, b/n, 94’.


“I mille occhi”, festival internazionale del cinema e delle arti, si tiene a Trieste dal 18 al 25 settembre presso la consueta sede del Teatro Miela. Novità di quest'anno, gli incontri antemeridiani presso l'Auditorium dell'ex Pescheria dal 20 al 23 settembre. Quest'edizione del festival, come sempre ideato e realizzato dall’Associazione Anno Uno, ha come titolo “Maschere e pugnali. Una sinfonia in nero”.

"I mille occhi - festival internazionale del cinema e delle arti" è ideato e realizzato dall’Associazione Anno Uno con Cineteca del Friuli – Archivio cinema del Friuli Venezia Giulia, FIAF, con il contributo di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trieste, Comune di Trieste e Fondazione CRTrieste. Collaborano Cineteca Nazionale e Goethe- Institut Triest. Il festival è diretto da Sergio Grmek Germani con a fianco un prestigioso comitato artistico internazionale.

INFO: www.imilleocchi.it

Leggi le Ultime Notizie >>>