Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 24 Aprile 2011

Mercoledì 4 maggio al Tartini la serata finale del “Premio Caraian”

Lilian Caraian

Trieste (TS) - Si rinnova nella serata di mercoledì 4 maggio, al Conservatorio Tartini di Trieste, l’appuntamento con il festoso Concerto dei vincitori del Premio musicale Caraian, giunto alla XXV edizione, dedicata quest’anno al contrabbasso. Lilian Caraian, originalissima, versatile e benemerita artista triestina, classe 1914, si dimostrò capace di eccellere nelle arti figurative, in campo musicale e nella poesia, ottenendo significativi risultati e riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale.
Un suo lascito testamentario dispose la costituzione della fondazione che ha tuttora lo scopo di incoraggiare e premiare i giovani particolarmente meritevoli nelle arti figurative e nella musica. Il concerto dei vincitori del Premio Caraian 2011 si svolgerà alle 20.30, nell’Aula Magna del Conservatorio Tartini di Trieste (via Ghega 12).

Ingresso libero previa prenotazione (info tel. 040.6724911, www.conservatorio.trieste.it).

Diplomata in pianoforte a Trieste nel 1934, Lilian Caraian perfezionò i suoi studi a Roma e a Parigi e fino al 1954 fu insigne concertista a livello internazionale. Dal 1952 iniziò anche la sua docenza di pianoforte presso il Conservatorio di musica “Giuseppe Tartini” di Trieste, impegno che si protrasse fino al 10 settembre 1979. La Fondazione intitolata a Lilian Caraian promuove concorsi dal 1986, dedicati sia alla musica che alle arti figurative. Molti sono stati gli artisti e i musicisti di valore che hanno partecipato alle varie commissioni giudicatrici e numerosissimi i giovani concorrenti, molti dei quali ormai affermati, premiati dalla Fondazione Caraian nel corso dei suoi anni di attività. Nel campo musicale la Fondazione ha indetto concorsi per pianoforte, flauto, composizione, musica da camera, canto, direzione d’orchestra, pianisti collaboratori e maestri di palcoscenico, chitarra, violino, oboe, clarinetto, fagotto, organo, jazz, percussioni e ottoni.

Leggi le Ultime Notizie >>>