Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

vedrai colori che son contenti. elisa vladilo. interventi ambientali 1995-2019
Palazzo Costanzi - Sala Veruda
Trieste
Dal 08/02/20
al 01/03/20
Elisa Vladilo, My favourite place, Trieste, Molo Audace, 2007 (courtesy l'artista)
Lucio Fontana e i mondi oltre la tela
Galleria Comunale d’Arte Contemporanea
Monfalcone
Dal 08/12/19
al 02/03/20
Lucio Fontana, Concetto spaziale, teatrino, 1965-66
A SACILE GLI EX-ALLIEVI DEL TOTI DI TRIESTE CON LA NUOVA ESILARANTE COMMEDIA “LE NOZE DE VIRGINIA”
Teatro Ruffo
Sacile
Il 01/02/20
Scenario_Le noze de Virginia

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
www.castellodibuttrio.it Il the della domenica al castello di Buttrio
Buttrio (UD)
Dal 01/01/20
al 29/03/20
enogastronomia Festa delle Cape
Piazza Marcello D'Olivo - Pineta
Lignano Sabbiadoro (UD)
Dal 07/03/20
al 15/03/20

Notizie > Incontri > 21 Marzo 2011

Bookmark and Share

“Saba poeta dell’inquietudine”: lettura scenica con Mario Mirasola e musiche di Silvio Donati

Umberto Saba

Trieste (TS) - Per la rassegna “La parola alla Scrittura”, organizzata dall’associazione Alta-marea, martedì 22 marzo alle ore 18.00 al Caffè San Marco di Trieste, in via Battisti 18, è in programma la lettura scenica “Saba poeta dell’inquietudine” con l’attore e regista Mario Mirasola e le musiche del M° Silvio Donati al pianoforte. L’ingresso è libero. L’iniziativa è realizzata con il contributo della Direzione centrale Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia.

Altre informazioni sul sito web www.altamareatrieste.eu

---------------

Il Saba Poeta, nella sua più vera natura, è l’emblema di quel malessere interiore, dove l’anima è il soggiorno dell’inquietudine, miscela di vibrazioni, percettibili e costanti in quasi tutte le sue liriche. Il poeta è quell’oracolo che esprime, a suo modo, le difficoltà della vita, aprendo squarci nel velo che tiene celata la fatica di vivere.

La poetica di Saba ha la prerogativa di trasfigurare il dissidio interiore, di trasformare in energia catartica il disagio della quotidianità, nell’afflato consolatorio del linguaggio lirico. In effetti, dietro la tranquillità, la serenità che sovente sembra espandersi nei suoi versi, c’è il groviglio bruciante dell’esistenza umana in tutte le sue complicazioni.
La sublimazione può compiersi in uno svanire rassegnato, in un trasecolare che trova il corrispettivo nelle cose leggere e vaganti: l’azzurro, una nube, l’alito fresco della primavera, le mute melodie della ventosa Trieste, dove il Poeta volentieri si immerge in intima solitaria contemplazione.

L’itinerario poetico che viene proposto nella lettura al Caffè San Marco intende trasfondere l’humus culturale-sociale-ambientale quale proscenio artistico del grande Poeta triestino, in stretto rapporto allo stato d’animo del suo cantore. L’osmosi tra il poeta–uomo e la sua città è particolarmente evidente nel suo “Canzoniere” e in poesie come “Trieste”, “Tre vie”, “Verso casa”, “Città vecchia”, “Il molo”.

Leggi le Ultime Notizie >>>