Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 09 Febbraio 2011

"Gorizia Classica": il pianista napoletano Luca Mennella suona Liszt

Luca Mennella

Gorizia (GO) - Continua con grande successo l’attività concertistica curata dall’Associazione “Musica Aperta” di Gorizia, che si realizza nella rassegna invernale 2011 inserita nella tredicesima edizione della stagione "Gorizia Classica". Dopo il gradevolissimo e raffinato appuntamento liederistico, che ha avuto come protagonisti il soprano Silvia Celadin ed il pianista Antonio Maria Tessoni, la rassegna prosegue con repertori pianistici interamente lisztiani. L’iniziativa è organizzata con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Assessorato ai Giovani, Cultura, Sport, Associazionismo e della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e realizzata con il sostegno e il patrocinio della Provincia e dei Musei Provinciali di Gorizia, del Comune di Gorizia e del Gruppo Carso Gorizia.

I concerti si svolgono nella Sala Convegni dei Musei Provinciali di Gorizia, in Borgo Castello n. 13 e, analogamente alle precedenti stagioni, grazie alla preziosa collaborazione degli Enti patrocinatori e sovvenzionatori, anche quest’anno l’ingresso è libero e gratuito per il pubblico. L’accesso alla sala è fissato dalle ore 16.30 fino all’esaurimento dei posti disponibili: i concerti iniziano alle ore 17.00 precise. Si ricorda che da fine gennaio è chiuso per lavori Viale D’Annunzio, quindi è necessario, per chi utilizza le automobili, seguire la viabilità alternativa, salendo per Via del Colle, dove è posto un semaforo che regola un senso unico alternato.
Il cartellone, che comprende nove concerti in programma con cadenza settimanale, tutti i sabati fino al 12 marzo 2011, è stato preparato dal professor Giorgio Samar, presidente dell’Associazione «Musica Aperta», ideatore e curatore della stagione dalla prima edizione del 1998.

Il ciclo è stato intitolato «Inverno 2011 - Liszt e la musica romantica per pianoforte» e sottotitolato “Omaggio a Franz (Ferenc) Liszt nel 200° anniversario della nascita”, desiderando celebrare quest’importante ricorrenza, offrendo agli spettatori goriziani e regionali l’opportunità di ascoltare molta musica raramente inserita nei repertori concertistici. Franz Liszt, forse un po’ sottovalutato e apprezzato solo per le sue arditezze tecniche di grande impegno e di facile presa, è invece stato non solo il più grande pianista mai esistito, ma anche di uno dei compositori più geniali e autenticamente visionari della storia.

Il quinto concerto si terrà sabato 12 febbraio, quando tornerà a Gorizia il pianista napoletano Luca Mennella, appassionato interprete Chopiniano durante la scorsa edizione di “Gorizia Classica”, con un programma monografico dedicato a Liszt.
Luca Mennella si è diplomato con il massimo dei voti in Pianoforte presso il Conservatorio “San Pietro a Majella” di Napoli e in Direzione di Coro e Musica Corale presso il Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino. Dal 2000 al 2006 è stato allievo di Michele Campanella presso la “Società dei Concerti di Ravello” e dal 2001 al 2007 presso l’Accademia Chigiana di Siena, dove gli è stato conferito il Diploma d’onore.

Dal 1999 è direttore del coro polifonico “Canticum Novum” di Portici e nel 2006 ha fondato il coro polifonico “Melodes”, con cui affronta un repertorio vocale che spazia dal canto gregoriano fino alla musica del ’900.
Vanta un’intensa attività concertistica come solista, in formazioni da camera e come direttore di coro in Italia (di recente ha tenuto un concerto in qualità di solista per il Teatro San Carlo di Napoli) e all’Estero (Montecarlo, Londra, Berlino, Strasburgo, Salta – Argentina, Budapest, Mosca, Bratislava, El Jem – Tunisia).

Insieme al violinista Patrizio Rocchino e al violoncellista Nicola Dario Orabona ha realizzato di recente l’esecuzione integrale dei trii di Beethoven, Brahms e Mendelssohn ed è attualmente impegnato nella realizzazione dell’esecuzione integrale dei trii di Haydn (in nove concerti). Dal 2003 al 2009 ha collaborato con l’Università Federico II di Napoli nell’organizzazione della rassegna concertistica “I Concerti dell’Università”. Ha partecipato a diversi concorsi pianistici, classificandosi sempre tra i premiati.
È stato selezionato tra i circa settanta pianisti italiani che nel 2011, in occasione del bicentenario della nascita di Franz Liszt, stanno realizzando per l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, in prima assoluta mondiale, l’esecuzione integrale di tutta l’opera per pianoforte di Liszt in 10 maratone presso il Parco della Musica di “Roma”.

Il programma sarà interamente dedicato a Liszt, e in particolare alla musica pianistica d’ispirazione religiosa, con Air du Stabat Mater (Cujus animam) e La charité, ovvero le Deux transcriptions, da Gioachino Rossini, Bénédiction de Dieu dans la solitude dalle “Harmonies poétiques et religieuses”, cui faranno seguito le celebri Deux Légendes, St.-François d’Assise. La prédication aux oiseaux e St.-François de Paule marchant sur les flots, per concludere con Hymne à Sainte Cécile da Charles Gounod.

Il concerto successivo è in programma per sabato 19 febbraio, protagonista il pianista napoletano Raffaele D’Aniello, ora residente a Parma e docente presso il Conservatorio di Rovigo, che eseguirà un repertorio di grande suggestione e impegno, dedicato a due notissime raccolte di composizioni del maestro ungherese. Nella prima parte saranno proposti cinque brani dalle tre raccolte Années de pèlerinage e in particolare Vallée d’Obermann e Les cloches de Genève dal “Première Année, Suisse”, Lo sposalizio e Sonetto 104 del Petrarca dal “Deuxième Année, Italie” e Les jeux d’eau à la Villa d’Este dal “Troisième Année”. La seconda parte del programma prevede cinque Studi trascendentali: n. 1 Prélude, n. 2 Fusées, n. 3 Paysage, n. 8 Wilde Jagd e n. 11 Harmonies du soir.

Leggi le Ultime Notizie >>>