Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Escher in mostra al Salone degli Incanti
Salone degli Incanti
Trieste
Dal 18/12/19
al 07/06/20
Escher - Salone degli Incanti Trieste
Prima nazionale di Jezabel a Cormons con Elena Ghiaurov
Teatro Comunale di Cormons
Cormons
Il 31/01/20
Jezabel foto di Luciano Perbellini
SUL PALCOSCENICO DI “SCENARIO” A SACILE LA COMMEDIA “MATRIMONIO UGUÁE REBALTÓN CONIUGÁE”
Teatro Ruffo
Sacile
Il 25/01/20
Scenario_Matrimonio uguale rebalton coniugae

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
www.castellodibuttrio.it Il the della domenica al castello di Buttrio
Buttrio (UD)
Dal 01/01/20
al 29/03/20
enogastronomia Festa delle Cape
Piazza Marcello D'Olivo - Pineta
Lignano Sabbiadoro (UD)
Dal 07/03/20
al 15/03/20

Notizie > Incontri > 28 Gennaio 2011

Bookmark and Share

Carlo Mazzacurati ospite ieri a Cinemazero: "Vengo sempre volentieri a Pordenone"

Carlo Mazzacurati

Pordenone (PN) - Salutato da un lungo e caloroso applauso in una SalaGrande gremita in ogni posto disponibile, ieri, giovedì 27 gennaio, al Cinemazero di Pordenone il regista Carlo Mazzacurati ha incontrato il pubblico per presentare il suo "Sei Venezia", poetico film-documentario dedicato alla città lagunare. Una stima e un affetto sincero e reciproco, quello che lega il regista padovano al pubblico di Cinemazero: “Vengo sempre volentieri a Pordenone perché qui sto davvero bene” - ha detto Mazzacurati durante l’incontro – soprattutto quando si tratta di presentare opere poco commerciali come questa, che in altre città richiamano magari solo poche decine di appassionati, ma qui invece riempiono la sala, segno di una sensibilità particolare per un certo cinema che l’attività di Cinemazero sa stimolare negli spettatori”.

Durante l’incontro, Mazzacurati scherza, ride, confessa la propria emozione di fronte alla sala gremita, interagisce con il pubblico rispondendo alle curiosità su un’esperienza, quella di "Sei Venezia", per lui inusuale. “Non sono un documentarista” dice Mazzacurati “ma l’idea di girare un film su Venezia mi affascinava. Sono padovano, fin da bambino per me la città lagunare ha sempre rappresentato un luogo di magia e grandi ricchezze. E’ stato però difficilissimo decidere che cosa mettere a fuoco di una materia vastissima: Venezia è uno dei luoghi più fotografati e filmati al mondo. Così ho deciso di raccontarla dal punto di vista delle persone che la abitano, scegliendo sei personaggi con cui ho passato del tempo prima di girare, per poter entrare in un rapporto di intimità e fiducia con ciascuno di loro. Ho così scoperto che tutte le persone e tutte le storie sono interessanti”.

Grazie al film, lo spettatore riscopre dunque Venezia attraverso le voci di chi la vive ogni giorno. Lo sguardo della cinepresa di Mazzacurati ci fa entrare nelle meraviglie degli interni del Danieli, il celeberrimo albergo di lusso dove Roberta lavora come cameriera, o ci fa perdere negli orizzonti della laguna in cui l’archeologo Ernesto cerca i resti delle origini più antiche della città, o, ancora, ci fa viaggiare sull’autobus con cui Giovanni, pensionato di Mestre, ogni giorno raggiunge l'Archivio di Stato, vicino ai Frari, dove presta servizio come volontario. “Ho scelto questi sei personaggi perché accumunati da un piccolo, grande dolore, che fa fare loro un salto di particolare sensibilità” ha detto Mazzacurati.

Il film "Sei Venezia" è in programmazione a Cinemazero anche sabato 29 e domenica 30 gennaio in SalaTotò. Per informazioni e orari: www.cinemazero.org.

INFO/FONTE:
Cinemazero/Ufficio Stampa
www.cinemazero.it

Leggi le Ultime Notizie >>>