Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 18 Gennaio 2011

Bookmark and Share

Costantino Catena interpreta nel weekend "Liszt e la musica romantica per pianoforte"

Costantino Catena

Gorizia (GO) - Dopo l’inizio affollatissimo per un concerto di ottimo livello che ha avuto come protagonista il pianista napoletano Fabrizio Romano, prosegue l’attività concertistica curata dall’Associazione “Musica Aperta” di Gorizia, con il ciclo concertistico invernale che fa parte della tredicesima edizione della stagione "Gorizia Classica".

La rassegna è organizzata con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Assessorato ai Giovani, Cultura, Sport, Associazionismo e della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia ed è realizzata con il sostegno e il patrocinio della Provincia e dei Musei Provinciali di Gorizia, del Comune di Gorizia e del Gruppo Carso Gorizia. I concerti si svolgono nella Sala Convegni dei Musei Provinciali di Gorizia, in Borgo Castello n. 13 e, analogamente alle precedenti stagioni, grazie alla preziosa collaborazione degli Enti patrocinatori e sovvenzionatori, anche quest’anno l’ingresso è libero e gratuito per il pubblico, con accesso dalle ore 16.45 e inizio dei concerti alle 17.00 precise.

Il cartellone è stato intitolato «Inverno 2011 - Liszt e la musica romantica per pianoforte» e comprende nove concerti che si tengono con cadenza settimanale, dal 15 gennaio al 12 marzo 2011: è stato preparato dal professor Giorgio Samar, presidente dell’Associazione «Musica Aperta», ideatore e curatore della stagione, già dalla prima edizione del 1998. Il ciclo è stato sottotitolato “Omaggio a Franz (Ferenc) Liszt nel 200° anniversario della nascita”, desiderando celebrare quest’importante ricorrenza, offrendo agli spettatori goriziani e regionali l’opportunità di ascoltare la musica di un compositore a volte ingiustamente sottovalutato. Considerato per anni poco meno che un istrione, un fenomeno da baraccone valido solo per esibire arditezze tecniche di grande impegno e di facile presa, è invece stato solo del più grande pianista mai esistito, ma anche di uno dei compositori più geniali e autenticamente visionari della storia.

Il secondo concerto si terrà sabato 22 gennaio, quando suonerà ai Musei Provinciali il pianista salernitano Costantino Catena, già ospite di Gorizia Classica lo scorso anno, il quale proporrà un repertorio interamente dedicato a Liszt. Costantino Catena ha intrapreso lo studio del pianoforte all’età di quattro anni. Dopo aver conseguito con il massimo dei voti e la lode il diploma di pianoforte sotto la guida del M° Luigi D’Ascoli, ha proseguito e completato la sua formazione pianistica seguendo corsi di perfezionamento con Boris Bechterev, Konstantin Bogino e Bruno Mezzena.

Importanti riferimenti per la sua formazione musicale sono stati anche gli incontri con Aldo Ciccolini e Joaquin Achucarro. Premiato in molte competizioni pianistiche nazionali ed internazionali (tra cui l’Internationaler Johannes Brahms Wettbewerb di Pörtschach (Austria), il Concorso Internazionale di Sulmona, il Concorso Internazionale “Sergej Rachmaninoff”, ecc…), ha suonato in vari paesi europei, in Australia, negli U.S.A. e in Russia, presso importanti istituzioni musicali e con diverse orchestre (Agimus, Amici del Teatro Regio di Torino, Accademia Angelica Costantiniana, Festival Internazionale di Ravello, Festival Internazionale di Alghero, Istituto Liszt di Bologna, Kennedy Center e Georgetown University di Washington, Collegio Musicale del Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, Orchestra Filarmonica di Bacau, Camerata Romanica di Cluj, etc.).

È stato recentemente chiamato a partecipare all’esecuzione integrale della musica per pianoforte di Franz Liszt, in occasione del bicentenario della sua nascita, evento organizzato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia insieme all’Accademia Musicale Chigiana e alla Società Liszt, che si terrà al nuovo Auditorium Parco della Musica di Roma nel 2011. Nella musica da camera ha collaborato con artisti quali Alessandro Carbonare, Michele Lomuto, Franco Maggio Ormezowski, Gabriele Geminiani, Carlo Parazzoli e si esibisce frequentemente in duo con il violinista Mauro Tortorelli, insieme al quale ha inciso, per l’etichetta Phoenix, la musica di Liszt e, per la Nuova Era, le parafrasi di Thalberg per violino e pianoforte e con il quale ha recentemente completato l’integrale delle opere di Liszt per violino e pianoforte partecipando alla registrazione, per l’Istituto Liszt di Bologna, di una raccolta di 3 cd pubblicata sul “Giornale della Musica” nell’aprile 2008. Recentemente l’integrale di Liszt per violino e pianoforte è stata da loro nuovamente incisa per la casa discografica giapponese “Camerata”.

Accanto a quella d’interprete ha sempre svolto una parallela attività di studio e di ricerca, laureandosi con lode in Filosofia presso l’Università degli Studi di Salerno. Ha quindi approfondito lo studio della psicologia cognitiva della musica partecipando con borsa di studio dell’Istituto Mitteleuropeo di Cultura alla “Bolzano International School in Cognitive Analysis”, con borsa di studio dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici alla “Scuola Estiva di Musica e Filosofia di Maratea” (Potenza) e al seminario permanente di Filosofia e Sociologia della Musica di Forlì e si è poi laureato con lode in Psicologia presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, conducendo ricerche sulla psicofisiologia dell’esecuzione pianistica. Membro dell’European Society for the Cognitive Sciences of Music, è attualmente docente di pianoforte presso il Conservatorio di Musica “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza.

È stato selezionato tra i circa settanta pianisti italiani che nel 2011, in occasione del bicentenario della nascita di Franz Liszt, stanno realizzando per l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, in prima assoluta mondiale, l’esecuzione integrale di tutta l’opera per pianoforte di Liszt in 10 maratone presso il Parco della Musica di “Roma”. Costantino Catena proporrà un repertorio lisztiano intitolato “Venezia e Napoli”, comprendente composizioni originali e arrangiamenti ed elaborazioni curate da Liszt basandosi su musiche di altri autori e, ovviamente, personalizzate secondo le sue straordinarie qualità. Saranno eseguiti Der Gondelfahrer (Il gondoliere), da Schubert, Tarantelle da Dargomyzhsky, Venezia e Napoli: Supplément aux Années de pèlerinage, Deuxième année, Italie, dalle “Soirées musicales de Rossini”, La gita in gondola e La danza, quindi Nuits d’Été à Posillipe e a terminare la Tarantelle di bravura d’aprés la Tarentelle de “La Muette de Portici” d’Auber. Un programma interamente dedicato all’Italia, paese nel quale Liszt trascorse vari periodi della sua vita, fra l’altro dove facendo avviare una pesante polemica con il pubblico, assolutamente digiuno di musica strumentale.

Il concerto successivo è in programma per sabato 29 gennaio, quando suonerà per la prima volta a Gorizia il pianista lombardo Niccolò Ronchi. Durante il suo recital proporrà nella prima parte Fryderyk Chopin, con il Notturno in do diesis minore opera postuma, e i due Notturni op. 27, cui farà seguito il Tema e quattordici Variazioni su un tema di Paganini, op. 35 secondo libro, di Johannes Brahms. La seconda parte sarà dedicata a Liszt, con il terzo Notturno dai “Liebesträume”, lo Studio trascendentale n. 8, Wilde Jagd (Caccia selvaggia), il Valse Caprice in la minore, sesto brano da “Soirées de Vienna”, per chiudere con la Totentanz (Danza macabra).


Costantino Catena - "Liszt e la musica romantica per pianoforte"
Sala Convegni dei Musei provinciali
Gorizia - Borgo Castello, 13
Orari: 17.00 - ingresso libero e gratuito fino all'esaurimento dei posti disponibili
Il 22/01/2011

Per maggiori informazioni
Email: musica.aperta@alice.it

Leggi le Ultime Notizie >>>