Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 01 Dicembre 2010

Venerdì 3 dicembre al Gopcevich si parla di Cavour e di “Libera Chiesa in libero Stato”

Camillo Benso Conte di Cavour

Trieste (TS) - Quinta puntata del ciclo di approfondimenti su Camillo Benso Conte di Cavour sul tema “Libera Chiesa in libero Stato”: Roberto Pertici (Università di Bergamo) parlerà, a Palazzo Gopcevich, nella Sala Bazlen, venerdì 3 dicembre, alle ore 17.30. Presenzieranno l’assessore comunale alla Cultura Massimo Greco e Giulio Mellinato, curatore della mostra “Cavour & Trieste”, allestita nel Castello di San Giusto. La mostra sta ottenendo un grande successo ed è stata già visitata da quasi settemila persone.

Questa l’impostazione che verrà delineata dallo storico: per risolvere la questione romana, Cavour propose al Papa una politica completamente inedita nell’Europa di metà Ottocento, dove – negli Stati cattolici – la Chiesa viveva in una condizione di “soggezione privilegiata”, le erano riconosciuti, certo, privilegi e onori, ma in cambio di un attento controllo dei suoi atti. La nuova Italia – assicurava il Conte – avrebbe rinunziato a ogni forma di controllo sulla vita della Chiesa, che così sarebbe stata completamente libera. In cambio il Papa avrebbe dovuto cedere il potere temporale. Questa proposta non fu un escamotage per ottenere senza traumi Roma, ma affondava le sue radici nella formazione cavouriana, nelle sue letture e nelle sue relazioni intellettuali.

Una chiave interpretativa innovativa che getta nuova luce sul dibattuto rapporto tra lo statista piemontese e il mondo cattolico.

------------------

Roberto Pertici è professore ordinario di Storia Contemporanea all’Università di Bergamo. Per Il Mulino ha curato: le edizioni di G.Salvemini “Memorie e soliloqui. Diario 1922-23” (2001), Ch. Charle, “Gli intellettuali nell’Ottocento. Saggio di storia comparata europea”(2002) e M.Berengo , “Cultura e istituzioni nell’Ottocento italiano” (2004). Nel 2009 ha pubblicato sempre con il Mulino il volume “Chiesa e Stato in Italia. Dalla Grande Guerra al nuovo Concordato (1914-1984”.

Vi ripercorre la storia dei rapporti tra Chiesa e Stato nell’Italia del Novecento con un’analisi approfondita delle discussioni parlamentari, del dibattito politico-culturale e dei rapporti diplomatici tra Italia e Santa Sede: la questione romana e le sue radici risorgimentali, la svolta rappresentata dalla prima guerra mondiale, la lunga trattativa approdata alla Conciliazione del 1929. Il complesso percorso che porta all’articolo 7 della Costituzione, la sopravvivenza dei Patti Lateranensi e il periodo dopo la caduta del regime fascista. E infine il contrastato iter della riforma del Concordato nei decenni dell’Italia Repubblicana.

INFO/FONTE: RF (Ufficio Stampa Comune di Trieste)

Leggi le Ultime Notizie >>>