Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Cultura > Musica > 08 Novembre 2010

Bookmark and Share

L'associazione Chamber Music di Trieste festeggia i 15 anni di attività

Krystian Zimerman

Trieste (TS) - Grande festa a Trieste, nel novembre 2010, per i primi quindici anni dell’Associazione Chamber Music diretta da Fedra Florit e presieduta attualmente da Ettore Campailla: fondata ufficialmente il 14 novembre 1995, Chamber Music Trieste si è caratterizzata, in questi anni, per il vivacissimo impegno sul fronte della musica cameristica, di cui ha valorizzato con costanza ed entusiasmo i talenti emergenti sulla scena italiana, così come i migliori talenti in grande ascesa internazionale, senza per questo rinunciare al contributo dei grandi maestri della musica contemporanea, da Radu Lupu a Krystian Zimerman, da Elisso Virsaladze ad Arnaldo Cohen e Alexander Lonquich.

Quindici anni di promozione della “cultura” musicale cameristica sul territorio, a partire dalla grande tradizione del Trio di Trieste, che ha appunto ispirato l’avvio del Concorso Internazionale “Premio Trio di Trieste”, cui hanno partecipato finora ben 458 complessi per un totale di 1003 musicisti provenienti da 29 Paesi del mondo. E complessivamente, sono 157 gli eventi concertistici organizzati da Chamber Music in questi 15 anni, per un pubblico di oltre 42mila spettatori.

Venerdì 12 novembre, alle ore 17.00 al caffè Tommaseo di Trieste, tutti gli amici di Chamber Music sono invitati alla festa musicale che celebrerà l’importante traguardo dell’Associazione: l’occasione per un brindisi sulle note del Duo Miani-Zhok, clarinetto e pianoforte.

Chamber Music esordiva sul versante concertistico, nel 1999, proprio con una importante finestra sui più brillanti musicisti delle giovani generazioni: “Poker d'assi” titolava infatti la vetrina proposta in sinergia con la Federazione Mondiale dei Concorsi di Ginevra, per individuare un circuito di giovani vincitori di Concorsi particolarmente prestigiosi, pianistici e cameristici. Hanno fatto seguito le tre Stagioni concertistiche “Premiatissimi”, promosse per riportare a Trieste e nella Regione Friuli Venezia Giulia i premiati -e quindi anche i secondi e terzi classificati- del Concorso “Premio Trio di Trieste”: complessi in formazione di duo, trio e quartetto provenienti da Germania, USA, Australia, Giappone, Israele, Svizzera, oltre che dall’Italia.

Sui palcoscenici di Trieste, S. Vito al Tagliamento, Latisana, Aquileia, Colugna, Tolmezzo, Gorizia e Palmanova sono saliti gruppi quali il Duo Triendl-Berg, il Duo Lang, il Duo Fossi-Borrani, il Fauré Quartet, il Trio Johannes, il Quadro Veneto, il Duo Downes, il Tal Trio, il Duo Arosio-Cusano, il Duo Nuzova-Tchekmazov, il Duo Sol, il Trio Debussy e l'Ars Trio: formazioni che hanno saputo dimostrare nel tempo la loro eccellenza, affermandosi anche in altri concorsi e cogliendo sui palcoscenici internazionali il meritato successo.

«Dal 2005 i concerti si sono stabilizzati in tre momenti dell'anno, definendo così una Stagione concertistica stabile – spiega il direttore artistico Fedra Florit - Al Festival pianistico “Giovani interpreti & grandi maestri”, già attivo dal 2002, si sono affiancate due proposte accolte da grande successo, “Le Musiche dell'Imperatore” al Palazzo del Governo e il “Salotto cameristico” al Ridotto del Teatro Verdi di Trieste. Nel primo caso la “location” ha suggerito proposte particolarmente giovani, con organico ridotto, in un'atmosfera davvero raccolta, da raffinata Hausmusik, mentre nel secondo caso l'ACM ha ospitato nella Sala Victor de Sabata nomi giovani ma già affermati, complessi più ampi fino all'orchestra da camera, solisti di gran nome inseriti in contesti con gruppi emergenti, per sviluppare un progetto totalmente legato alla più nobile Musica da camera. Fra le tante serate impresse nella memoria del caloroso pubblico dell'ACM, i primi ricordi vanno ai concerti del violoncellista Enrico Dindo assieme agli archi dei Solisti di Pavia, di Maureen Jones and Friends, del Trio di Parma, del Trio con Brio, del Quartetto Baglini-Pieranunzi-Fiore-Downes, della Philharmonische Camerata Berlin con il pianista Andaloro e il trombettista Cassone, senza dimenticare il Petersen Quartet con il cellista Poltera, l'Eos Quartet Wien con il pianista Herbert Schuch, Markus Schirmer con Danjulo Ishizaka, il Quintetto Bibiena, il Trio Allegrini-Fiorentini-Pietrocini ...».

Del Festival pianistico “Giovani interpreti & grandi maestri”- quest'anno alla sua nona edizione - si può già tracciare una breve storia, ricordando serate stupende che hanno visto protagonisti i Festival Strings Lucerna e Roberto Plano, i Virtuosi Italiani con Ramin Bahrami, l'Orchestra di Mantova con Alexander Kobrin, i Virtuosi Italiani in una magica integrale di Beethoven con Elisso Virsaladze e Giuseppe Andaloro, ma restano certamente memorabili i recital di Evgeni Bozhanov e del Duo Lonquich-Barbuti, di Jonathan Gilad e di Irina Zahharenkova, di Alberto Nosè e di Benedetto Lupo, o le “lezioni” eccellenti di grandi dell'interpretazione pianistica quali Arnaldo Cohen, Krystian Zimerman e Radu Lupu.

Leggi le Ultime Notizie >>>