Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 05 Agosto 2010

Bookmark and Share

Il gruppo pordenonese Zerorchestra ospite del prestigioso festival "Alassio Jazz"

Immagine tratta dal film "The Cameraman" con Buster Keaton

Pordenone (PN) - Nuovi successi per la Zerorchestra, l’ensamble composto da importanti nomi del jazz contemporaneo pordenonese nato nel 1995 su iniziativa di Cinemazero per accompagnare con la musica le proiezioni di grandi capolavori del cinema muto: domenica 8 agosto alle 21.30 ad Alassio, in piazza Partigiani, nella splendida cornice sul mare che la cittadina ligure riserva agli appuntamenti culturali d’eccezione, Zerorchestra, come evento d’anteprima del prestigioso Festival “Alassio Jazz”, musicherà dal vivo i film "The Cameraman" e "Big Business", capolavori comici degli anni ’20.

Per accompagnare immagini tanto esilaranti per la loro comicità il pianista e compositore Bruno Cesselli, direttore e fondatore dello Zerorchestra, ha ideato musiche che passano dalla sola sonorizzazione percussiva ad un jazz vivace che coinvolge tutto l'ensamble, valorizzando il notevole potenziale solistico, la diversa estrazione e lo stile individuale di musicisti del calibro di Massimo De Mattia (flauti), Giovanni Sperandio (oboe e corno inglese), Didier Ortolan e Roberto Rossetti (clarinetti), Flavio Davanzo e Mirko Cisilino (tromba e flicorno), Maurizio Cepparo (trombone), Gaspare Pasini (altosax) Francesco Bearzatti (tenorsax), Romano Todesco (contrabbasso), Zlatko Kaucic (batteria), Luca Grizzo (percussioni).

Un jazz fresco ed esuberante, dunque, per due comiche entrate nella storia del cinema: "The Cameraman" (1928) di Edward Sedgwick (pietra miliare della Settima Arte per la ricchezza di invenzioni e divagazioni, l’uso dello spazio, la forza polemica sul mondo hollywoodiano, l'infinita, tristissima estraneità del protagonista, un Buster Keaton in splendida forma, il finale beffardo e antiretorico), e "Big Business" (1929), una delle comiche più divertenti del duo Stan Laurel-Oliver Hardy (Stanlio e Olio).

Uno spettacolo d’eccezione che la Zerorchestra proporrà anche in terra friulana il 7 settembre nell’importante cornice del Teatro Pasolini di Casarsa, nell'ambito della manifestazione “Musae” promossa dalla Provincia di Pordenone. Un’occasione unica, per il pubblico friulano, per godere della visione di queste celeberrime pellicole del cinema delle origini musicate da grandi professionisti della musica jazz contemporanea.

Zerorchestra nasce nel 1995 su iniziativa di Cinemazero con il progetto di produrre musica per film scelti tra i tanti capolavori del cinema muto. In questo, lo stimolo è senza dubbio partito dalle esperienze maturate nell’ambito delle Giornate del Cinema Muto e dalle fortunate rassegne Jazzimmagine e Schermo Sonoro proposte da Cinemazero a Pordenone negli ultimi anni. Zerorchestra è dunque uno dei progetti più ambiziosi e originali nati dall’ormai trentennale attività di Cinemazero: l’ensamble, che si propone di coniugare il linguaggio jazzistico contemporaneo con le immagini del cinema delle origini, vede riuniti alcuni tra i migliori musicisti, di estrazione jazzistica e non, del territorio pordenonese.

Dopo la prima esibizione del ‘95, nel giro di pochi anni la ZerorchestrImmagine tratta dal film "The Cameraman" con Buster Keatona è stata invitata a tenere i suoi concerti, accompagnando con la musica le proiezioni di grandi capolavori del cinema muto, un po’ ovunque, da Torino a Verona, da Udine a Milano, da Padova a Bergamo, oltre ad essere ospite in tantissimi comuni della provincia di Pordenone e della regione Friuli Venezia Giulia.

INFO:
Cinemazero/Ufficio Stampa
www.cinemazero.it

Leggi le Ultime Notizie >>>