Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 08 Giugno 2010

Bookmark and Share

Concerto di arie verdiane giovedì 10 giugno alla Sala de Banfield Tripcovich

Sala de Banfield Tripcovich

Trieste (TS) - Grande concerto di arie verdiane giovedì 10 giugno, alla Sala de Banfield Tripcovich, con inizio alle ore 20.30.

Chiusi gli impegni con l’” Otello”, opera della maturità verdiana che così grande consenso di pubblico ha riscosso in questi giorni al”Verdi”, l’infaticabile maestro Nello Santi offrirà al pubblico triestino ancora un imperdibile appuntamento con la grande arte di Giuseppe Verdi. Perché il concerto sarà interamente dedicato al grande compositore di Busseto e includerà alcune tra le più belle arie e brani orchestrali tratti dalle sue più famose opere.

ll concerto vede la partecipazione delle maestranze artistiche della Fondazione lirica triestina, Orchestra e Coro istruito dal M° Lorenzo Fratini, nell’esecuzione di brani orchestrali, come la Sinfonia da “Giovanna d’Arco” e dai “Vespri siciliani”, e di brani che prevedono anche la presenza del Coro come il famoso “Si ridesti il Leon di Castiglia” da “Ernani” o il Gran finale del secondo atto di “Aida” a cui si aggiungono arie famose affidate alle due vocalità, l’una sopranile di Adriana Marfisi, l’altra baritonale di Paolo Rumetz. Entrambe reduci dall’interpretazione rispettivamente di Desdemona e Jago nell’”Otello” andato in scena recentemente al “Verdi”, Adriana Marfisi e Paolo Rumetz canteranno nell’ordine: “D’amor sull’ali rosee” e “Mira, di acerbe lagrime” dal “Trovatore”, “ O Carlo ascolta” da “Don Carlo”, “Cortigiani, vil razza dannata” da “Rigoletto”, e ancora “Mercè dilette amiche” da “I vespri siciliani”.

Adriana MarfisiAdriana Marfisi ha una carriera internazionale formatasi sui palcoscenici più importanti in Italia e Svizzera, Germania, Spagna, Norvegia, Giappone e Argentina. Predilige il repertorio verdiano di cui ha interpretato i ruoli principali di molte sue opere, ma si esibisce anche nel repertorio sinfonico dalla Messa da requiem di Verdi, al Gloria di Poulenc, allo Stabat Mater di Rossini , alla Quarta di Mahler. Ma nel suo repertorio operistico figurano anche Mozart, Puccini, Mascagni, Wolf.-Ferrari. Al “Verdi” si è già esibita in “Iris” di Mascagni l’opera del suo debutto a Trieste, in “Aida” e in “Otello”.

Anche il triestino Paolo Rumetz si esibisce sia in ambito operistico, di cui interpreta un vasto repertorio, sia concertistico che lo hanno portato a contatto con le istituzioni più prestigiose in Italia e all’estero. Di recente si segnalano le sue esibizioni all’Opernhaus di Zurigo e al LandesTheater di Salisburgo in “Barbiere di Siviglia”, a Toulouse ne”I quattro Rusteghi” a Lipsa “Turco in Italia” e a Lubiana in “Traviata”.

Paolo RumetzAl “Verdi” recentemente si è esibito diverse volte durante le stagioni liriche più recenti in “Roberto Devereux”, “La Rondine”, “Aida”, “La fille du regiment”, “Elisir d’amore”,”Madama Butterfly” in tournèe a Cipro e a Seoul e infine, in questi giorni in “Otello” in cui ha debuttato con successo il ruolo di Jago.

Quanto al M° Santi, non c’è più bisogno di presentazione, almeno al “Verdi” di Trieste che l’ha sempre accolto con grandi applausi per la sua simpatia e per la grande professionalità che ne fanno uno dei più grandi direttori viventi, la cui arte è nella tradizione di Arturo Toscanini, Victor de Sabata e Wilhelm Furtwängler. Il M° Santi ha debuttato nel 1951 con “Rigoletto”. Da sessant’anni è sul podio dei massimi teatri del mondo tra cui la Scala di Milano, il Covent Garden di Londra, l’Opéra di Parigi, il Teatro Colón di Buenos Aires, le Opere di Stato di Monaco, Vienna ed Amburgo, la Fenice e l’Arena di Verona.

Dopo il suo debutto al Metropolitan Opera di New York con Un ballo in maschera, ne diventa uno dei personaggi più illustri per più di trent’anni. Oggi dirige prevalentemente all’Opera di Zurigo, dove ha debuttato nel 1958 e nel 2001 ha festeggiato il suo 50esimo anniversario di carriera. In Italia recentemente ha diLocandina concertoretto al Teatro Massimo di Palermo, e al “Verdi” di Trieste dove è tornato per “Otello” dopo il successo ottenuto nel febbraio 2008 con Iris di Mascagni e nel 2009 con “Aida”di Verdi.

Biglietti e prevendite: biglietteria del Teatro Verdi di Trieste e, da un’ora prima del concerto, alla Sala de Banfield Tripcovich.

INFO: www.teatroverdi-trieste.com

Leggi le Ultime Notizie >>>