Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

 

Cultura > Arte > 20 Febbraio 2005

Bookmark and Share

Tra Venezia e Vienna. Le arti a Udine nell’Ottocento

di I. O.

Odorico Politi, Elena giocata ai dadi

Udine (UD) - A Udine presso la chiesa di San Francesco e i Civici Musei di Storia ed Arte è in corso una interessante mostra dedicata all'arte in Friuli nell'Ottocento.
Il XIX secolo è costellato di intense vicissitudini per il Friuli: le terre friulane, fino al 1797 parte della Repubblica di Venezia, vennero in seguito unite al Lombardo Veneto e poi al Regno d'Italia.
In questa realtà di profonde trasformazioni geo-politiche il Friuli vede cambiare anche la sua struttura sociale e da un sistema feudale si avvia verso la modernità.
Naturalmente anche l’arte rispecchia i profondi cambiamenti dell’epoca e la mostra udinese “Tra Venezia e Vienna. Le arti a Udine nell’Ottocento” lo testimonia.
Attraverso l’esposizione viene ricostruito un secolo di storia della città di Udine la cui popolazione, nel corso del XIX secolo, subisce un notevole incremento passando da 15.000 a 36.000 abitanti.
La città in quel periodo cambia profondamente il suo assetto urbanistico: all’opera ci sono ingegneri ed architetti del calibro di Valentino Presani, Giovanni Battista Bassi e Andrea Scala. Anche le abitazioni dei notabili locali si arricchiscono di raffinate decorazioni alle quali lavorano artisti come Odorico Politi e Giuseppe Tominz. Nel maggio del 1866 nasce il Museo Friulano di Udine e successivamente, nel 1873, Battista Cavalcaselle redige “L’inventario delle opere d’arte del Friuli”.
Il percorso espositivo della mostra consente di apprezzare la migliore produzione pittorica degli esponenti dell’arte friulana dell'Ottocento, ed è arricchito da una interessante sezione allestita presso l’atrio del Castello dedicata alla scultura friulana dell’epoca.
Al Museo della fotografia è infine visitabile “Udine nell’Ottocento. Immagini e fotografia”, con significativi documenti sulla storia della città.
La mostra rimarrà aperta fino 30 aprile presso la chiesa di San Francesco a Udine.

Leggi le Ultime Notizie >>>