Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
LEONARDO "A TAVOLA CON" IL PICCOLO TEATRO DI SACILE, TRA FRANCIA, SLOVENIA E ITALIA
Palazzo Ragazzoni
Sacile
Dal 21/06/19
al 22/06/19
Leonardo, ultima cena

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Notizie > Incontri > 14 Maggio 2010

Bookmark and Share

La Guardia Costiera Ausiliaria del FVG lancia l'allarme: "Accesso impossibile all'Ursus"

lo storico Pontone Gru URSUS

Trieste (TS) - Mentre prosegue la raccolta delle firme a favore del salvataggio dell’Ursus che ha permesso di raggiungere già più di 3.000 sottoscrizioni, aumentano le preoccupazioni per quello che sarà il suo destino. A lanciare l’allarme è ancora una volta la Guardia Costiera Ausiliaria del FVG che finora si è fatta carico della gestione dello storico Pontone gru dopo averlo ricevuto in dono da Fincantieri nel corso di una conferenza stampa tenutasi oggi (venerdì 14 maggio) alle ore 10.45 presso il Molo IV a Trieste.

“Questa volta – ha riferito il presidente della Guardia Costiera Ausiliaria del FVG, Roberto de Goia - non si chiedono finanziamenti o interventi esterni, ma almeno la possibilità di salire sull’Ursus per constatare in quali condizioni di conservazione si trovi attualmente e magari poterci mettere mano grazie all’opera di volontari che sono pronti ad affrontare almeno i piccoli, necessari lavori di ordinaria manutenzione".

"Dalla scorsa estate – ha spiegato de Gioia - l’Ursus si trova ormeggiato al Molo 23, su di un’area in concessione alla Greensisam recintata e quindi interdetta anche di chi dovrebbe prendersene cura. Il pontone è rinchiuso da un lato dalla recinzione che delimita l’area di attracco delle navi albanesi e dall’altra dalla rete del Molo IV. Non esiste quindi alcuna possibilità di accesso".

"Siamo contenti - afferma de Gioia - che l’Autorità Portuale ci abbia concesso questo approdo anche se situato in prossimità dello scarico a mare del Torrente Limene che a volte emana un olezzo nauseabondo, ma chiediamo che almeno ci sia concessa la possibilità di accedere all’Ursus".

"Lo abbiamo chiesto alla Greensisam, che molto gentilmente ci ha concesso la propria disponibilità previa autorizzazione dell’Autorità Portuale. Abbiamo chiesto allora l’autorizzazione all’Autorità che ce l’ha concessa previo nulla osta della Greensisam. A tutt’oggi però - a quasi un anno di distanza - non abbiamo ottenuto ancora una risposta né tantomeno un’autorizzazione ad aprire un varco o spostare parte della recinzione a nostre spese. Appena in questi giorni l’Autorità Portuale ci ha comunicato che sarà organizzato un incontro tra le parti per vedere di risolvere la questione. Ma intanto il Pontone giace lì, abbandonato, in balia di ratti e gabbiani che ne hanno fatto la loro stabile dimora. Guardiamo pertanto con preoccupazione al futuro della struttura in quanto non potrà resistere in uno stato di abbandono".

Prosegue nel frattempo la raccolta di firme in calce alla petizione per salvare lo storico Pontone Gru Ursus lanciata dalla Guardia Costiera Ausiliaria del FVG e che continuerà a margine delle principali manifestazioni che si terranno in città da qui alla Barcolana. I cittadini interessati potranno firmare presso i banchetti allestiti nei prossimi due weekend in via Dante angolo via San Nicolò. L’intento è quello di raggiungere il maggior numero di sottoscrizioni possibile; quindi, la petizione verrà consegnata alle Istituzioni, agli Enti competenti sul territorio e alle forze politiche – ma anche a potenziali sponsor privati – con la speranza che si adoperino per salvare questo autentico monumento all’operosità Triestina.

------------------

LA STORIA DELL’URSUS
L’Ursus, interamente costruita nei Cantieri Triestini, rappresenta un’importante opera di ingegneria meccanica e navale che ha contribuito all’edificazione di opere portuali e costiere, ed è stato pure utilizzato nella realizzazione di quei progetti navali che hanno assegnato alla nostra cantieristica un primato di qualità che ancora oggi le appartiene. Per la struttura si sono ipotizzate numerose destinazioni, culturali, economiche e turistiche, ma alle parole non sono seguiti i fatti.

Si è parlato di Torre Eiffel triestina, di una terrazza con vista panoramica raggiungibile con aRoberto de Gioia, presidente della Guardia Costiera Ausiliaria del FVGscensori a cremagliera, di sede museale, ma la realtà è che l'URSUS oggi giace priva di manutenzione in un angolo del Porto Vecchio.

La Guardia Costiera Ausiliaria del FVG finora si è fatta carico della gestione dello storico Pontone gru, che però è ora privo di qualunque sostegno economico che ne consenta la manutenzione e il riuso.

Leggi le Ultime Notizie >>>