Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 20 Marzo 2010

Bookmark and Share

“Liberi Tutti - Diritto di acqua”, lunedì 22 marzo all’Auditorium della Cultura friulana

Giornata Mondiale del Diritto all’Acqua

Gorizia (GO) - In occasione della Giornata Mondiale del Diritto all’Acqua, lunedì 22 marzo 2010, presso l’Auditorium della Cultura friulana di Gorizia, si terrà l’evento finale di “Liberi Tutti - Diritto di acqua”, il progetto di avvicinamento ai diritti umani, promosso dall’Assessorato alla pace della Provincia di Gorizia, finanziato dalla Regione FVG e dal Ministero alle Politiche giovanili, con il patrocinio del Comune di Farra d’Isonzo, il sostegno della Coop Consumatori Nordest e realizzato dalla cooperativa Damatrà.

Giunto alla seconda edizione, quest’anno l’iniziativa ha voluto affrontato il tema del diritto all’acqua, inteso come bene comune, risorsa vitale dell’umanità ed ha provato ha parlare ai cittadini più giovani della responsabilità civile e collettiva che l’utilizzo e il consumo dell’acqua richiede.

Oltre 600 sono stati i bambini dell’isontino che sono stati coinvolti nei laboratori maieutici di cittadinanza e nei percorsi di sensibilizzazione su questa tematica. Tutto è iniziato a Farra d’Isonzo, presso il Museo della Civiltà Contadina, dove gli alunni si sono ritrovati per affrontare il percorso fotografico del reporter friulano, Danilo De Marco. Attorno ai suoi scatti, offerti in forma di gigantografia ed accompagnati ognuno da un piccolo gesto ed una piccola narrazione, si è snodata la prima fase del percorso che ha voluto ed ha cercato di raccontare il viaggio dell’acqua attraverso i destini dell’umanità, stimolando il momento della riflessione critica e del confronto sull’indispensabilità e sulla diversa fruizione di questo bene, che è di tutti ma non per tutti.

Il loro sguardo ha incontrato gli occhi di due contadine Sem Terra con in mano dei fiori d’argilla bagnati per costruire le loro case, Emine che prepara il lievito per il pane in una tendopoli del Kurdistan in Turchia, un uomo seduto nella sua canoa scavata in un tronco d’albero nella valle del fiume Narmada, i bambini messicani che corrono in un piazzale sommerso dall’acqua e ,ancora, i giovani portatori di acqua di Haiti, della Cina, del Messico, lasciando che i loro pensieri, la loro immaginazione e la loro dimensione propositiva potesse emergere.

La seconda fase è proseguita invece nelle aule scolastiche, dove i bambini, attraverso dei laboratori creativi, hanno continuato a riflettere sull’importanza di questa risorsa, e, sperimentando varie tecniche, per dare modo ad ognuno di trovare quella più vicina a lui, hanno scritto, disegnato e colorato cos’è per loro il diritto all’acqua. E che cosa sia questo diritto per i più piccoli lo si scoprirà lunedì 22 marzo, dalle ore 10.00 alle ore 11.30, presso l’Auditorium della Cultura di Gorizia, dove verrà presentata la pubblicazione “Liberi Tutti- Diritto di Acqua”, frutto delle esperienze percettive dei bambini di oggi, dei cittadini di domani, nell’intento di restituire all’opinione pubblica, nella giornata mondiale del diritto all’acqua, la testimonianza del percorso vissuto e del ruolo propositivo dell’infanzia.

“Siamo convinti”, sottolinea la responsabile educativa del progetto Mara Fabro, “che crescere in una giusta dimensione di cittadinanza con uno sguardo capace di rivolgersi al mondo intero richiede l’impegno di tutti, dei bambini, dei genitori, di chi ci amministra e di chi ci educa. I problemi del nostro pianeta ci insegnano che gli atti di ogni persona hanno ripercussioni inevitabili sull’avvenire della Terra e sulla vita di tutti. Crescere in una dimensione propositiva, ossia nella consapevolezza che le decisioni quotidiane di tutti noi contano, è la nostra maniera di costruire con gli adulti di domani una cultura della scelta e della responsabilità che il nostro ruolo di cittadino porta con sé”.

Leggi le Ultime Notizie >>>