Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 16 Agosto 2009

Bookmark and Share

Grande successo per Lagunamovies 2009, mentre già si pensa all’edizione 2010

Lagunamovies 2009 - logo

Grado (GO) - Con una splendida serata al largo della laguna, protagonisti il conduttore di Caterpillar Massimo Cirri, l’economista Andrea Segrè ed il cantautore Mirco Menna (serata che neppure la pioggia è riuscita a guastare, a grande richiesta del pubblico spostata sotto il gazebo del piccolo agriturismo sull’isola di Anfora), si è conclusa giovedì sera la 6ª edizione di Lagunamovies, festival promosso dal Comune di Grado con la Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, su progetto di Sergio Naitza, Daniela Volpe e Paola Sain, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e da Banca di Cividale.

Un’edizione nel segno del “Glocal”, individuato dal festival non solo quale tema caratterizzante, ma come necessario percorso di riflessione del nostro tempo, per imparare a ottimizzare l’uso delle risorse e del territorio in rapporto al contesto globale del pianeta. Un approfondimento che gli organizzatori hanno voluto affiancare al dna storico della manifestazione – Friuli Venezia Giulia set dell’immaginario - nato per valorizzare progetti ed energie creative, location, percorsi artistici di interpreti e cineasti che sono appunto espressione del territorio.

Davvero significativo il successo di pubblico registrato quest’anno da Lagunamovies, con circa due migliaia di spettatori in cinque sole serate: pubblico che ha gremito gli eventi organizzati sulla Diga Nazario Sauro con ospiti come Sebastiano Somma, Lelio Luttazzi, Gloria De Antoni, il maestro d’armi Renzo Musumeci Greco e l’esperto d’armi d’epoca Fulvio Del Tin - centinaia di spettatori, in piedi o seduti sui muretti della passeggiata, si sono aggiunti al pubblico che aveva trovato posto in platea – così come le due escursioni in laguna (necessariamente limitate ai posti disponibili sulla motonave), che non sono bastate ad accogliere tutte le richieste di partecipazione pervenute al festival.

E proprio per questo, in vista della 7ª edizione gli organizzatori prevedono, compatibilmente con il budget, di poter ampliare il numero delle serate in laguna, che rappresentano la cifra caratterizzante della manifestazione. Ma in prospettiva dell’edizione 2010 gli ideatori di Lagunamovies vorrebbero anche predisporre, se il budget lo consentirà, una più incisiva articolazione del programma, aumentando il numero delle serate e inserendo una fascia quotidiana di “aperitivi” del festival, proprio per offrire occasioni ulteriori di incontro del pubblico con artisti, cineasti e protagonisti, in una dimensione capace di coniugare la piacevole immediatezza di una conversazione “al caffè” con nuovi spunti di approfondimento, interesse e riflessione.

Già a partire dalla primavera-estate 2010, inoltre, anticipando così i tempi della prossima edizione del festival, Lagunamovies si propone di attivare alcune iniziative di carattere “interattivo” rispetto alla città, agli abitanti ed ai turisti: per esempio predisponendo a Grado alcune postazioni di ‘Dvd crossing’, accessibili a chiunque voglia cimentarsi in questa innovativa pratica di scambio e fruizione del cinema e di produzioni documentarie, così come attivando, sempre a partire da alcuni riferimenti in città (biblioteca, hotel, infopoint …), una sorta di ‘videoteca del turista’, attrezzata direttamente dal festival con Dvd relativi ai film ed alle proposte in cartellone nelle edizioni future e passate del festival. Una chance ulteriore per raggiungere, sensibilizzare e coinvolgere il pubblico, inserendo il festival nel ‘tessuto connettivo’ della città.

A conclusione dell’edizione 2009, i promotori hanno già cominciato a mettere a fuoco anche possibili temi e percorsi di Lagunamovies 2010: un’edizione che potrebbe incardinarsi attorno alle suggestioni storiche intessute nel comprensorio di Grado, Aquileia, e della bassa friulana, intrecciando così cinema e territorio, e raccogliendo “la storia, e le storie” – tradizioni, leggende, fiabe popolari - che si sono intrecciate, nel tempo, a questi luoghi.

Sul versante più propriamente cinematografico, accanto ad alcuni “omaggi d’autore” a significative personalità artistiche (analogamente alle ‘dediche’ con cui il festival ha di volta in volta omaggiato Franco Giraldi, Mario Monicelli, Franco Interlenghi e quest’anno Sebastiano Somma) Lagunamovies prevede di dedicare uno sguardo specifico ai ‘mestieri del cinema’ – doppiaggio, scrittura e sceneggiatura, fotografia … - valorizzando così grandi professionisti che hanno fatto grande il cinema dietro la macchina da presa e, spesso, solo in filigrana apprezzati dalla percezione del pubblico.

Info: www.lagunamovies.com

Leggi le Ultime Notizie >>>