Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 23 Luglio 2009

Bookmark and Share

Il 6° Festival della Canzone Muggesana incorona ancora Dario Bolsi

la premiazione finale

Muggia (TS) - Il cantautore Dario Bolsi, già vincitore nell’edizione precedente, con il suo nostalgico brano "Che bel che iera" ha conquistato la vittoria anche nel 6° Festival della Canzone Muggesana che ha avuto luogo in piazza Marconi alla presenza di un pubblico numerosissimo. Il testo affronta i vari punti d’intrattenimento muggesano del passato e ne coglie il caratteristico brio.

Questo annuale appuntamento canoro con il dialetto locale anno dopo anno sta perfezionandosi qualitativamente, come pure sotto l'aspetto organizzativo; è promosso dal Comune e si svolge con il coordinamento di Fulvio Marion e con l’adesione di Provincia, Fameia Muiesana, Pro Loco di Muggia e le Compagnie del carnevale. La scenografia era allestita da Giampaolo De Santi e dal Comune.

Le canzoni selezionate erano dieci, e talune di autori residenti in altre province. Ciò dimostra l'interesse che sta assumendo il Festival "mujesano" anche in ambito regionale. Seconda la divertente canzone “Xe ora de finirla” di Stefano Tugliach per il cantante Livio Pippan e gli spiritosi “Los Ongias (si parla del valore della canzone, “veicolo” di amicizia e simpatia), terza la romantica “Picia barcarola”, con i versi di Silva Della Pietra Lepore musicati da Giuseppe Veronese, pure efficace interprete (un breve viaggio su una piccola barca che solca dolcemente il mare muggesano in una notte stellata).

Una menzione speciale è stata assegnata a “Inamorado” con i versi di Alfredo Spizzamiglio e la musica di Alessandro Sartore, interprete insieme con Alessandro Colombo (una delicata dedica al fascino della simpatica cittadina). Le altre canzoni sono state classificate quarte a pari merito. Da segnalare il buon livello complessivo dell’evento canoro dialettale, avvalorato dalle letture poetiche di liriche “mujesane” declamate da Mara Rondi.

Una sorpresa fuori programma poi è stato l’ascolto di una canzone in italiano - introdotta dall’assessore Roberta Tarlao - e composta dal cantante “Rick”, artista austriaco di Linz, dedicata alle attrattive e alle caratteristiche della cittadina. Fuori programma sono state riproposte alcune composizioni premiate nel 30° Festival della Canzone Triestina con gli stessi applauditi protagonisti al Politeama: “I Sardoni barcolani vivi”, il duo “Manuela-Michela”, “I Four Friends”, Alessandro Pribaz.

Lodevole è apparsa infine l'iniziativa della Fameia Muiesana di mettere a disposizione specifici testi poetici da musicare per spronare gli autori a rispettare la genuinità del vernacolo locale e sostenerne ulteriormente le radici e l' identit&ag“Rick”, artista austriaco di Linzrave;. E' interessante anche sottolineare l'eterogeneità delle tematiche affrontate nei testi: dal brio e dalla verve della bella cittadina con la sua quotidiana animazione, al valore dell'amore, ai rapporti di coppia, alle attrattive turistiche. Un Festival che sta progressivamente crescendo qualitativamente coinvolgendo Muggia per interesse e partecipazione.

Leggi le Ultime Notizie >>>