Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 18 Giugno 2009

Bookmark and Share

Il Denise Dantas Quartet protagonista della rassegna “Le Note dell’Arte”

l’artista brasiliana Denise Dantas

Gorizia (GO) - Prosegue giovedì 25 giugno, alle 18.30 negli spazi espositivi di Palazzo Della Torre, il cartellone de “Le Note dell’Arte”, un ciclo di incontri musicali a cura del Circolo Controtempo, promosso nella suggestiva location della mostra “Quegli anni Cinquanta. Collezioni pubbliche e private a Trieste e Gorizia”, curata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, visitabile fino al 12 luglio 2009 (ingresso gratuito da martedì a venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, sabato e domenica con orario continuato 10/19, info: www.fondazionecarigo.it - tel. 0481-537111).

Di scena con ingresso gratuito per ciascun appuntamento, “Le note dell’arte” vedrà protagonista, per il secondo appuntamento, l’artista brasiliana Denise Dantas e il suo Quartetto, composto dai musicisti Egon Bostjancic, chitarra e voce, Roberto Franceschini, contrabbasso e Marco Germini, pianoforte.

I concerti di Denise Dantas, impegnata dalla classica divulgazione del repertorio musicale tropicalista alle sperimentazioni con la musica balcanica e il jazz, sono veri e propri spettacoli, intessuti nel dialogo costante con il pubblico, e in un autentico scambio culturale. L’artista traduce gli aspetti più salienti e poetici dei vari brani, si sofferma e ne analizza ritmi e sonorità, offrendo con grande generosità il sentimento e l’amore per la sua terra e per la musica.

Giovedì 2 luglio, alle18.30 si prosegue con “La vita è altrove”, la performance del trio che nasce dall'incontro tra la cantante di origini armene Karina Oganjan, la chitarrista triestina (classica e flamenco) Anna Garano e il percussionista e clarinettista sloveno Blaz Celarec.

A suggellare gli “Aperitivi musicali” di Quegli anni Cinquanta sarà, giovedì 16 luglio (ore 18.30), l’imperdibile omaggio al CAFFE’ CHANTANT, con l’attrice Marzia Postogna accompagnata alla chitarra da Eduardo Contizanetti. In programma i classici della canzone francese, il meglio di Edith Piaf, di Kurt Weil e di Bertold Brecht, il tutto arrangiato per l'occasione, con un tocco del fascino dello stile

Leggi le Ultime Notizie >>>