Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

MEDEA 50: PIER PAOLO PASOLINI, MARIA CALLAS E GRADO
ex Cinema Cristallo
Grado
Dal 15/06/19
al 28/07/19
manifesto
GLI “ANNIVERSARI” AL CENTRO DELLA NUOVA EDIZIONE DI “A TAVOLA CON…” DEL PICCOLO TEATRO DI SACILE
varie
SACILE, POLCENIGO
Dal 15/06/19
al 29/06/19
banchetto rinascimentale
Musica per il pubblico di Femmes 1900
Pordenone
Dal 22/06/19
al 23/06/19
femmes 1900

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Notizie > Incontri > 21 Gennaio 2019

Bookmark and Share

Al Museo Revoltella si presenta il libro di Alessandra Scarino sul pittore Vito Timmel

La copertina del libro

Trieste (TS) - Venerdì 1 febbraio alle ore 18.30, all’Auditorium Marco Sofianopulo del Museo Revoltella (Via Diaz 27, Trieste), verrà presentato il libro di Alessandra Scarino “Il preferito della strada. Il magico viaggio di Vito Timmel” (pgg 132, LibertàEdizioini, € 12,00). Interverranno l’architetto Marianna Accerboni e la prof.ssa Cristina Benussi. Sarà presente l’autrice.

L’autrice
Alessandra Scarino è nata a Trieste nel 1966. Laureata in Lettere moderne, ha pubblicato nel 1999 la silloge di racconti fantastici e noir“Gli Interiora”, nel 2004 il romanzo breve “Infanzia di Gesù”, nel 2014 il romanzo “Il silenzio dell'angelo” e nel 2017 una nuova silloge di racconti tutti al femminile e ambientati nel Medioevo dal titolo “Fiori di aconito”. Attualmente lavora come giornalista presso il settimanale diocesano “Vita Nuova”.

Il libro
Una fredda mattina di dicembre del 1948, nella sua stanzetta dell'Ospedale psichiatrico di Trieste, il pittore triestino Vito Timmel vive la sua ultima giornata terrena. All'improvviso riceve una misteriosa visita che lo costringerà, nelle poche ore di vita che ancora gli restano, a un serrato faccia a faccia con se stesso, i propri demoni, il proprio genio creativo e la propria follia. Lui, il pittore visionario, il pellegrino instancabile, il “preferito della strada” in cammino verso la notte della ragione, brillerà un'ultima volta come una stella morente. Ne nasce una rapsodia lirica, che si distende poco a poco in un'elegia funebre tramata di eventi tra sogno e realtà e di incontri soprannaturali con altri mondi ed esseri non terreni. La voce narrante si china con infinita pietà su un'anima forse troppo nobile, sensibile e veggente per scendere a patti con la vita, con le sue miserie e le sue tristi menzogne.

Leggi le Ultime Notizie >>>