Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Cultura > Teatro > 31 Ottobre 2018

Bookmark and Share

Alla Sala Bartoli del Rossetti va in scena “La ciociara” di Alberto Moravia

Politeama Rossetti

Trieste (TS) - Lunedì 5 novembre, alle ore 21.00, nella Sala Bartoli del Teatro Politeama Rossetti, nell'ambito della rassegna teatrale L.E.I. (Libertà, Eguaglianza, Identità) del Comune di Trieste, va in scena “La ciociara” di Alberto Moravia, con Annarita Del Piano, Marco Canavacciolo, Annachiara d'Auria, Paola D’ Averio, Roberto Fiorentino. Regia e riduzione di Luca Nasuto.

La vicenda inizia ai nostri giorni in una scuola e si trasferisce poi come in un sogno/incubo al tempo della seconda guerra.

Protagonista e narratrice della storia è Cesira, piccola contadina che racconta la sua vita, quando si è sposata, non per amore, con un commerciante benestante, e come poi con la figlia Rosina, allo scoppio del conflitto è ritornata in Ciociaria, illudendosi di sfuggire alla brutalità della guerra.

In quest’opera Moravia vuole raccontare la crudeltà e l'ingiustizia della guerra a cui nessuno può sfuggire. La guerra non ha regole, tutti possono cambiare e mostrare il lato oscuro e peggiore di sè.

La proposta drammaturgica affonda nel concetto del femminile, la donna sempre e da sempre in bilico tra violenza e riscatto, pronta a subire, ma anche a rispondere con dignità e forza, ieri come oggi, e come sempre.

Per le prenotazioni inviare una mail al seguente indirizzo: elisabetta.belullo@comune.trieste.it

I biglietti non prenotati saranno a disposizione dei cittadini e potranno essere ritirati presso la biglietteria del Teatro Rossetti a partire da 1 ora prima dell'inizio dello spettacolo.

INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>