Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 28 Settembre 2018

Trieste Next 2018: taglio del nastro e apertura ufficiale in piazza Unità d'Italia

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Apertura ufficiale della settima edizione di Trieste Next 2018 , la “tre giorni” del Festival della Ricerca Scientifica di Trieste, in piazza Unità d'Italia. Al taglio del nastro, il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza con l'assessore all'Educazione, scuola, università e ricerca, Angela Brandi. Sono intervenuti il presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, il prefetto di Trieste Annapaola Porzio, il rettore dell'Università di Trieste, Maurizio Fermeglia, il direttore generale ICGEB e docente di Biologia Molecolare dell'Università di Trieste, Mauro Giacca, il direttore di Trieste Next, Antonio Maconi, il docente di Biochimica, Università di Trieste e presidente Area Science Park, Sergio Paoletti, l'assessore alle autonomie locali, sicurezza, immigrazione, politiche comunitarie e corregionali all’estero, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Pierpaolo Roberti.

“E' una vetrina importante per la città, in vista di Esof 2020 con Trieste Capitale europea della Scienza – ha detto il sindaco Roberto Dipiazza - che vede protagonisti studiosi e ricercatori ai massimi livelli e tantissimi giovani a cui rivolgo un appello affinchè proprio grazie alla scienza e alla conoscenza costruiscano un futuro migliore per le nuove generazioni”.

La necessità di puntare sui giovani attraverso un'iniziativa quale Trieste Next, che è cresciuta negli anni, è stata sottolineata anche dall'assessore Angela Brandi: “Dobbiamo fidarci della scienza, non dei ciarlatani attraverso vetrine di avanguardia come Trieste Next che rappresenta il fiore all'occhiello delle realtà scientifiche del territorio. Trieste conta ben oltre 30 enti di ricerca con la più alta percentuale di operatori e studiosi altamente qualificati”.

Concetti ribaditi negli interventi che si sono susseguiti, con particolare riferimento all'apporto fondamentale della ricerca e della scienza come investimento per il futuro della Regione Friuli Venezia Giulia e della città capoluogo. Non bisogna dimenticare che Trieste, è stato rilevato, è anche la prima provincia italiana per imprese innovative start up. Particolare attenzione poi alle fake news ovvero alla trasmissione di notizie false, non reali spesso sui social network, alla mancanza di contenuti concreti e verificati scientificamente. Occasioni di dialogo fra scienziati e cittadini, come quelle offerte da Trieste Next con 'la scienza in piazza', stimolano la curiosità e al contempo favoriscono la seria divulgazione delle novità dal mondo della scienza. In definitiva, "scienza e conoscenza" vanno di pari passo, con l'auspicio di trasformarle in benessere e innovazione.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>