Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

Cultura > Musica > 28 Settembre 2018

Bookmark and Share

"Concerto sinfonico interattivo" per fisarmonica e orchestra fra Trieste e Pisa

Ivano Battiston (foto: Ufficio Stampa Volpe&Sain)

Trieste (TS) - Il Conservatorio "G. Tartini" ha ripreso la sua attività con alcuni importanti eventi. A Pordenonelegge è stato presentato il libro "Die Klage des Ideellen" su Beethoven e la filosofia hegeliana, a cura di Letizia Michielon, cui ha fatto seguito l'esibizione del Trio Deti - Visentin - López Sucunza (Giada Visentin, violino - Amaia López Sucunza, violoncello - Kosti Deti, pianoforte). I tre brillanti e promettenti allievi del "Tartini" hanno eseguito con grande passione ed in modo assolutamente professionale il Trio op. 11 di Beethoven, riscuotendo entusiastici consensi da parte del pubblico presente.

Ma è già in vista domenica 30 settembre, alle 18.00, il Concerto Sinfonico Interattivo per fisarmonica e orchestra che si svolgerà tramite il sistema LoLa, in contemporanea al Polo Carmignani di Pisa e nella Sala Tartini del Conservatorio di Trieste. Ne saranno interpreti l'Orchestra dell'Università di Pisa diretta da Manfred Giampietro e il fisarmonicista Ivano Battiston su musiche di Astor Piazzolla. Mentre l’Orchestra suonerà a Pisa nell’Aula Magna del Polo Carmignani. Ivano Battiston eseguirà la parte solistica in remoto dalla Sala Tartini del Conservatorio di Trieste. La sincronizzazione delle due location verrà assicurata dal sistema LoLa, sviluppato dal Conservatorio Tartini con il Consortium GARR e, ad oggi, l’unico sistema di streaming A/V riconosciuto e adottato su scala mondiale che consente, grazie alla sua bassissima latenza, la completa interazione remota in tempo reale fra musicisti. Il concerto sarà preceduto da una presentazione.

Il programma prevede l’esecuzione di "Aconcagua – concerto per bandoneon, orchestra d’archi e percussioni" di Astor Piazzolla. L'evento si svolge nell'ambito del Festival Internazionale della Robotica, in programma a Pisa fino al 3 ottobre, con la partecipazione anche del Conservatorio "Tartini" e del Consortium Garr. A Trieste il concerto sarà aperto ad un pubblico limitato a soli 40 posti a sedere, per i quali è necessario prenotarsi allo 040 6724911 a partire dal giorno 28 settembre 2018.

Ivano Battiston ha studiato con Salvatore di Gesualdo diplomandosi con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore al Conservatorio di Castelfranco Veneto. Nel 1978 ha vinto il primo premio al XXVIII Trophée Mondial de l’Accordeon e successivamente ha conseguito anche i diplomi di musica corale e di fagotto, approfondendo inoltre lo studio della composizione con Bruno Coltro, allievo prediletto di Gian Francesco Malipiero. Ha svolto attività concertistica per le principali istituzioni musicali italiane e straniere. Come solista ha suonato con I Solisti di Mosca, l’Orchestra della Radiotelevisione Slovena, la “Quad City Symphony Orchestra” U.S.A., l’Orchestra Filarmonica e della RAI di Torino, l’Orchestra d’Archi Italiana, l’Orchestra Regionale Toscana, le Orchestre “Milano Classica” e “Pomeriggi Musicali” di Milano, la Sinfonica di San Remo. Ha collaborato con diverse importanti orchestre nazionali ed internazionali, e con famosi musicisti. Ha inciso per Belumat Editrice, Warner Fonit, Sargasso Records, Promo Music, Profil – Hanssler, Velut Luna, Ema Records e Deutsche Grammophon. Come compositore è stato premiato in diversi Concorsi Pubblici per la Berbén di Ancona. Docente al Conservatorio "Cherubini” di Firenze, ha tenuto master classes in Italia, Germania, Finlandia, Croazia, Albania, Serbia, Regno Unito, Russia e Stati Uniti.

Manfred Giampietro si è diplomato in clarinetto al “Mascagni” di Livorno ed in composizione – con lode – al “Boccherini” di Lucca. Ha seguito corsi di direzione d’orchestra all’Accademia Chigiana di Siena con G. Gelmetti; a Firenze, con P. Bellugi, fino al diploma di alto perfezionamento. Guida l’Orchestra dell’Università di Pisa fin dalla sua fondazione (2011), collaborando con famosi artisti. Ha sperimentato in Venezuela il programma di didattica strumentale ed orchestrale del Maestro Abreu. Ai corsi chigiani di musica per film di L. Bacalov ha conseguito due diplomi di merito; sue le musiche per alcuni cortometraggi. Ha composto la colonna sonora per i lungometraggi: Il giocatore invisibile e La Scelta impossibile. Per il teatro, ha scritto Un Inferno verticale e Revolution 9 di A. Pardi; per l’Università di Pisa ha composto per numerosi progetti. È membro di Cluster – Compositori europei. Dottore di ricerca in Storia delle Arti visive e dello Spettacolo all’Università di Pisa, vi ha tenuto il corso di teoria musicale e tiene attualmente quello di musica per film. Alla School of Music dell’Università di Leeds, ha tenuto una relazione dal titolo: The music of Vertigo as a Topos of Mind per la “Film Music Conference – Celebrating The centennials of Bernard Herrmann and Nino Rota”. Oltre che di numerosi saggi in volumi collettanei e in riviste, è autore di: Ruoli e funzioni della musica nel cinema, Quasi un dialogo (Pisa, 2012), Consonanze, Sondaggi ed esperienze musicali (Pisa, 2014). È anche diplomato al C.E.T. (la scuola di Mogol) in composizione per musica leggera.

L’Orchestra dell’Università di Pisa fa parte, insieme al Coro, del Centro per la diffusione della cultura e della pratica musicale dell’Università di Pisa, coordinato dalla prof.ssa Maria Antonella Galanti. L’Orchestra, diretta da Manfred Giampietro, ha esordito nell’autunno 2011 nell’Aula Magna Nuova della Sapienza in occasione del 150 dell’Unità d’Italia. Durante la stagione musicale l’Orchestra presenta almeno due concerti a organico completo; il suo repertorio spazia dal barocco alla musica moderna e, al fine di esplorare altre esperienze musicali, include anche musiche per film e videogiochi. L’Orchestra partecipa a numerosi eventi, anche in formazione cameristica, su invito di strutture universitarie e istituzioni culturali locali. Ha collaborato col FAI per le Giornate FAI di primavera 2017 ed ha partecipato, insieme al Coro, al Festival Pisano dei Cori e Orchestre delle Università italiane; fa parte dell’ENUO (European Network of University Orchestras) nel quadro di un progetto di scambi internazionali. Ha preso parte al Simposio Internazionale dei Cori e delle Orchestre Universitarie organizzato dalla Libera Università di Bolzano. Inoltre, a giugno 2018, ha partecipato, insieme con orchestre provenienti da tutta Europa, allo European Student Orchestra Festival che si è tenuto a Strasburgo. L’organico è costituito soprattutto da studenti di varie nazionalità, laureati, dottorandi, docenti universitari. Far parte dell’Orchestra vuol dire non solo condividere l’amore per la musica come esperienza culturale, ma anche confrontarsi e arricchire il proprio percorso formativo e umano.

Per maggiori informazioni sull’evento:
http://www.festivalinternazionaledellarobotica.it/it/portfolio/lolaconcerto-sinfonico-interattivo-per-fisarmonica-e-orchestra-con-supporto-garr/

Per maggiori informazioni sul sistema LoLa:
https://lola.conts.it


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Volpe&Sain

Leggi le Ultime Notizie >>>