Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
LEONARDO "A TAVOLA CON" IL PICCOLO TEATRO DI SACILE, TRA FRANCIA, SLOVENIA E ITALIA
Palazzo Ragazzoni
Sacile
Dal 21/06/19
al 22/06/19
Leonardo, ultima cena

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Notizie > Manifestazioni > 18 Giugno 2018

Bookmark and Share

Festival "Risonanze", si chiude con quasi quattromila presenze

Risonanze 2018 (foto Ufficio Stampa Festival Risonanze 2018)

Malborghetto-Valbruna (UD) - Edizione dopo edizione cresce sempre di più "Risonanze". Il festival organizzato ai piedi delle Giulie da Comune di Malborghetto con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia e di Fondazione Friuli, ha chiuso i battenti domenica 17 giugno facendo il pieno di pubblico sia per i concerti che per le attività collaterali. Oltre 100 le persone che hanno preso parte all’ultima passeggiata tra gli abeti di risonanza in compagnia del chitarrista Alberto Mesirca, che con le sue note ha reso magica l’atmosfera nel mezzo della foresta. Tutti esauriti anche i laboratori, le chiacchierate con gli artisti, gli appuntamenti organizzati per i bambini, le sedute mattutine di pilates. Praticamente raddoppiate le presenze rispetto allo scorso anno, con quasi quattromila persone che negli ultimi giorni hanno affollato Malborghetto-Valbruna e la Val Saisera.

«Siamo molto soddisfatti – afferma il direttore artistico del Festival, Alberto Busettini – tutte le attività sono state apprezzate e abbiamo dovuto aggiungerne altre per soddisfare tutte le richieste. Il livello degli artisti è stato molto alto e quindi riteniamo che rispetto alle scorse edizioni ci sia stato un vero e proprio salto di qualità».

L’obiettivo di "Risonanze" non è quello di richiamare grandi masse, ma di far conoscere il territorio e soprattutto il legno di risonanza, riportando gli strumenti là dove nascono, nei boschi della Val Saisera. E anno dopo anno l’evento cresce e diventa sempre più affollato, grazie anche alla caparbietà del sindaco Boris Preschern, che ha creduto fin dall’inizio nelle potenzialità di questo festival, facendo tutto il possibile per svilupparlo e farlo sentire proprio anche dagli abitanti della zona.
Un’edizione, quella di Risonanze, che è stata dedicata a Gio Batta Morassi, liutaio friulano che proprio in Valcanale ha fatto conoscere, per primo, gli abeti rossi di risonanza.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Festival Risonanze 2018

Leggi le Ultime Notizie >>>