Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 30 Aprile 2018

Bookmark and Share

"Il sole dell'Avvenire", concerto jazz il 1° maggio a "Il Carso in Corso"

Daniele d'Agaro (foto di Luca d'Agostino - Phocus Agency)

Monfalcone (GO) - Continua la fortunata serie di incisioni live dell'Associazione Nuovo Corso, dedicate al tema del Primo Maggio. Quest'anno il concerto si svolge proprio nella serata del Primo Maggio, alle 21 a ingresso libero come sempre a Monfalcone nei locali de "Il Carso in Corso". Protagonisti del concerto che diventerà il quinto numero della collana "Aspettando il Primo Maggio" sono quattro strumentisti di grande rilievo nel panorama nazionale e internazionale: Daniele D'Agaro Daniele D'agaro (clarinetti e sassofoni), Denis Biason (chitarre), Luigi Vitale (marimba e vibrafono) e Zlatko Kaucic, percussioni.

"Il sole dell'avvenire" è il titolo del progetto esplicitamente proposto sui temi dedicati al lavoro ed è composto da brani originali, libere improvvisazioni e temi musicali legati al Primo Maggio. Anche quest'anno il cd della collana viene registrato live da Iztok Zupan, magistrale fonico dei lavori dell'Associazione Nuovo Corso, associazione che è anche titolare del progetto Jazz in Progress - consolidata rassegna jazz monfalconese.

I quattro nomi protagonisti de "Il sole dell'Avvenire" non hanno bisogno di tante presentazioni: Daniele D'Agaro, promotore del progetto, è ancia pluripremiata e nome di riferimento assoluto per la musica improvvisata a livello europeo. Lo stesso è il percussionista Zlatko Kaucic, ambasciatore della cultura slovena, oltre che celebratissimo strumentista che proprio a Jazz in Progress ha recentemente celebrato il suo quarantesimo anno di attività. Denis Biason è un chitarrista storico dello scenario nazionale, stimato ovunque per la grande versatilità e Luigi Vitale è un funambolico vibrafonista, tra i più creativi improvvisatori delle "bacchette".

Una vera festa, dunque, che accosta uno dei linguaggi più veri e universali dell'Uomo alla sua missione più antica e (oggi come ieri) più sofferta, quella del lavoro.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa ConnectEventi

Leggi le Ultime Notizie >>>