Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Escher in mostra al Salone degli Incanti
Salone degli Incanti
Trieste
Dal 18/12/19
al 07/06/20
Escher - Salone degli Incanti Trieste
Prima nazionale di Jezabel a Cormons con Elena Ghiaurov
Teatro Comunale di Cormons
Cormons
Il 31/01/20
Jezabel foto di Luciano Perbellini
SUL PALCOSCENICO DI “SCENARIO” A SACILE LA COMMEDIA “MATRIMONIO UGUÁE REBALTÓN CONIUGÁE”
Teatro Ruffo
Sacile
Il 25/01/20
Scenario_Matrimonio uguale rebalton coniugae

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
www.castellodibuttrio.it Il the della domenica al castello di Buttrio
Buttrio (UD)
Dal 01/01/20
al 29/03/20
enogastronomia Festa delle Cape
Piazza Marcello D'Olivo - Pineta
Lignano Sabbiadoro (UD)
Dal 07/03/20
al 15/03/20

Cultura > Musica > 30 Novembre 2017

Bookmark and Share

“Il sogno di Giulia”: serata musicale al Ridotto del Verdi in ricordo di Giulia Buttazzoni

Locandina evento

Trieste (TS) - Sabato 2 dicembre ricorre il primo anniversario della scomparsa di Giulia Buttazzoni. Nell’occasione, per ricordare Giulia, la parrocchia di Santa Caterina da Siena, assieme a Roberta Buttazzoni Lonza, Silvio e Marco, organizza una serata musicale, “Il sogno di Giulia”, con il contributo della Fondazione CRTrieste.

La serata è stata presentata oggi al Caffè degli Specchi dai genitori di Giulia, Roberta e Silvio Buttazzoni e dal Parroco di Santa Caterina, don Lorenzo Magarelli, alla presenza del Vicesindaco di Trieste, Pierpaolo Roberti e dell’Assessore comunale alla Città, Territorio, Urbanistica e Ambiente, Luisa Polli.

Alle 17.30 nella parrocchia di Santa Caterina in via dei Mille, 18, che era la parrocchia di Giulia, verrà celebrata una S. Messa. A seguire, alle ore 20.30, la Sala del Ridotto "Victor De Sabata" del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Riva Tre Novembre 1, per mantenere vivo il sogno di Giulia ospiterà un concerto dell'Orchestra Giovanile San Giusto della Diocesi nel corso della quale verranno eseguite le Quattro Stagioni di Vivaldi. Nel corso della serata verranno eseguite le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi. Solista, la giovane e promettente violinista Emanuela Colagrossi.

“Abbiamo voluto dedicare a Giulia una serata musicale perché – ha spiegato don Lorenzo Magarelli - quando sentimenti così forti emergono, credo che l’unica voce che possa parlare è la musica”.

Durante la serata, per volontà della famiglia, si rifletterà anche sulla sicurezza stradale, perché non succeda più ad altri quanto è accaduto a Giulia.
L'ingresso alla serata è libero a partire dalle ore 20.00, ma chi lo vorrà, potrà contribuire per far sì che il sogno di Giulia pozza realizzarsi. La serata si tiene con il contributo della Fondazione CRTrieste.

“Episodi come questo non dovrebbero mai accadere. La Fondazione esprime nuovamente le sue condoglianze alla famiglia e alle persone a lei vicine. Ricordare Giulia è importante ed è fondamentale anche sostenere la volontà della famiglia di portare l'attenzione sulla sicurezza stradale. Sono troppi gli incidenti che si stanno verificando ed è indispensabile fare qualcosa per prevenirli” ha dichiarato il vicepresidente del CdA della Fondazione CRTrieste Tiziana Benussi.

“Come Amministrazione comunale - ha riferito il Vicesindaco di Trieste, Pierpaolo Roberti – oggi siamo accanto voi non soltanto fisicamente, ma con il cuore. La prima edizione de “Il sogno di Giulia” era stata una serata emozionante e, oltre a portare emozioni e ricordare qual era il sogno di Giulia, ha permesso di alimentarlo raccogliendo dei fondi. Il tema della sicurezza stradale è centrale per le mie deleghe e quelle della collega Luisa Polli. Anche se a Trieste non accadono spesso queste tragedie, il nostro impegno è quello di continuare a lottare per far scendere il contatore di incidenti mortali a zero, perché un solo morto sulle strade è un morto di troppo. Non a caso una delle aree scelte per il posizionamento dell’autovelox per il controllo delle velocità è il luogo dell’incidente di Giulia: vuol essere un simbolo per ricordare sempre che, se non si è attenti alla guida, si può rovinare la vita di una famiglia intera e la propria. Continueremo quindi a promuovere questo tipo di iniziative e fare qualsiasi cosa in nostro potere per ottenere questo risultato”.

“Il sogno di Giulia sta diventando realtà – ha riferito Silvio Buttazzoni - grazie a un’associazione di volontariato che promuove gli scambi interculturali tra i giovani e favorisce lo studio soprattutto in ambito medico perché Giulia voleva esercitare questa professione. Aveva partecipato a degli scambi culturali e le si era aperto un mondo. La nostra volontà è aiutare la scuola e un domani allargare possibilmente il nostro sostegno ad altre realtà affinché i giovani, a partire dagli studenti del Deledda-Fabiani, possano continuare a vivere queste esperienze all’estero. E soprattutto contribuire alla realizzazione dell’aula di microbiologia - fondamentale per la futura professione medica e per chi frequenterà l’istituto - che la Preside, Tiziana Napolitano, vuole dedicare a Giulia. Il sogno di Giulia è aiutare i giovani affinché un domani non conoscano più barriere mentali e siano preparati quando escono da scuola”.

“Iniziative come questa aiutano a tenere alta l’attenzione non solo sul tema della sicurezza stradale” ha affermato l’Assessore Luisa Polli. “Per far sì che il sogno di Giulia sia il sogno di tante altre persone e per consentire che si realizzi bisogna accrescere il senso civico di tutti i cittadini. Da questo tragico evento è nata un’idea: siamo la prima e unica città in Italia ad aver messo a punto un piano per la sicurezza stradale: assieme alla Polizia Locale e con la collaborazione delle Circoscrizioni abbiamo raccolto i dati di tutti gli incidenti stradali e creato una graduatoria di criticità e iniziato a intervenire con i fondi a disposizione per porvi rimedio. Quando saliamo in auto, dobbiamo rammentare che ognuno di noi prima che un automobilista è un pedone e dall’altra parte potremmo esserci noi o un nostro caro. Dobbiamo rispettare sempre il codice della strada e prestare massima attenzione a cominciare dai tanti genitori che fuori dalle scuole lasciano le auto in seconda e terza fila creando così situazioni di pericolo per chi attraversa la strada venendo meno la buona visibilità. Cerchiamo quindi di applicare sempre il buon senso e guidare con scienza e coscienza”.

“Giulia voleva fare il medico. Con questa serata – spiegano gli organizzatori - desideriamo proseguire col progetto finalizzato a dare agli studenti del Deledda-Fabiani l'opportunità di arricchirsi attraverso la conoscenza di nuovi luoghi, persone e culture nonché a contribuire alla realizzazione dell'aula di microbiologia e desideriamo ringraziare anticipatamente tutti coloro che vorranno intervenire e offrirci il proprio sostegno. Un particolare ringraziamento va al Soprintendente del Teatro Lirico “Giuseppe Verdi” di Trieste, Stefano Pace, che ci ha concesso la Sala del Ridotto "Victor De Sabata", alla Fondazione CRTrieste per il prezioso e imprescindibile contributo e al Vicesindaco Pierpaolo Roberti per la vicinanza e il sostegno dell’Amministrazione comunale”.

Nel giugno scorso a Giulia era stata dedicata una serata al Politeama Rossetti per ricordarla in musica e dare speranza il suo sogno.

“Approfittiamo di questa occasione – hanno concluso la famiglia Buttazzoni e il Parroco della parrocchia di Santa Caterina da Siena, don Lorenzo Magarelli - per ringraziare ancora una volta quanti - e sono stati davvero tantissimi - si sono adoperati per la realizzazione dello spettacolo e lo stupendo e caloroso pubblico intervenuto per testimoniare la propria vicinanza e il proprio affetto ai compagni di scuola e di classe, agli amici e ai familiari di Giulia. E soprattutto desideriamo ringraziare quanti hanno voluto donare un contributo per dare forma al suo sogno. Grazie al successo e alla generosità degli intervenuti, abbiamo potuto raccogliere 5.000 euro che verranno destinati a "Il sogno di Giulia", un progetto attraverso il quale intendiamo aiutare i ragazzi delle scuole superiori a vivere esperienze formative e vogliamo dotare l'Istituto scolastico "Deledda Fabiani" di un'aula di microbiologia. Un particolare ringraziamento per quella serata va al Servizio Polizia Stradale e a tutta la Polizia di Stato, al Comune di Trieste, alla Direzione del teatro "ilRossetti", al Prefetto di Trieste e al Conservatorio di musica "G. Tartini" e, naturalmente, ai musicisti, cantanti, ballerini e presentatori che hanno colorato la serata”.


L’Orchestra Giovanile San Giusto, promossa dalla Diocesi di Trieste, è nata, nel luglio 2015, come uno dei frutti del Quinto Sinodo Diocesano. L’Orchestra, presieduta dal sacerdote triestino Lorenzo Magarelli, diplomato in flauto al Conservatorio Tartini, nonché docente di Teologia, si inserisce nel panorama cittadino con alcune peculiarità. In primo luogo un’orchestra di giovani che si rivolge ai giovani. In secondo luogo è espressione della Chiesa in cui la comunità cristiana desidera ridare spazio alla capacità del Vangelo di farsi arte e cultura. Infine, la riconciliazione tra musica e fede vuol divenire laboratorio di momenti di ampio respiro. L'Orchestra si è esibita a Roma, nella Città del Vaticano, Forlì, Pergine Valsugana, Gorizia. È stata ricevuta in udienza dal Santo Padre Francesco in occasione della visita della Diocesi per il Giubileo della misericordia.

Leggi le Ultime Notizie >>>