Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 01 Novembre 2017

Bookmark and Share

Ultimi appuntamenti con "sconfinamenti" speciali per il Fadiesis Accordion Festival

Massimo Somaglino (foto Ufficio Stampa Fadiesis Accordion Festival)

Pordenone (PN) - La trilogia sulla migrazione all'interno del Fadiesis Accordion festival, realizzato da Fadiesis col sostegno di Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli, Comune di Pordenone, Provincia di Pordenone e Bcc pordenonese, si conclude con un veneto speciale, il 3 novembre, alle 20.45, nella Grotta di San Giovanni d’Antro a Pulfero (in caso di pioggia Sala consiliare di Pulfero). Qui troverà perfetta e suggestiva ambientazione il concerto-racconto-immagine “Lacrime nere”, scritto a due mani da Ferruccio Clavora e Romeo Pignat e tratto dall’omonima pubblicazione. Realizzato con la collaborazione del Circolo Culturale Menocchio e dell’Istituto Slavia Viva, lo spettacolo esplora il rapporto tra il declino di un piccolo popolo (la Slavia friulana) schiacciato da “superiori logiche” geopolitiche e la conseguente emigrazione verso le miniere del Belgio, pianificata a monte da un Protocollo tra due Paesi fondatori dell’Europa, firmato con “larghe intese” contro la dignità dell’uomo. Il flauto di Yuri Ciccarese e la fisarmonica di Gianni Fassetta accompagneranno le voci di Massimo Somaglino e di Graziella Qualizza, nell’arcaico scenario della grotta.

Fadiesis Accordion Festival prosegue a Pordenone, sabato 4 novembre, nel Convento di San Francesco alle 18, con concerto per due fisarmoniche e orchestra d’archi a cura del conservatorio di Matera, consolidando così il rapporto di amicizia culturale tra il Friuli Venezia Giulia e la Basilicata, avviato già da alcuni anni, che ha visto il Fadiesis Accordion Festival fare tappa nella città dei sassi. E se fin’ora è stata Pordenone ad andare a Matera (Capitale Europea della Cultura 2019), per la prima volta Matera viene a Pordenone. E lo fa con grande entusiasmo e partecipazione., tanto che saranno circa 25 i giovani studenti a dare vita a un concerto, inno all'amicizia e allo scambio culturale, che arricchisce e fa crescere.

E gli "sconfinamenti" culturali proseguono anche domenica 5 novembre, giornata conclusiva del festival, con un doppio concerto, un omaggio ad Astor Piazzolla, che vedrà il gemellaggio tra Trieste e Pordenone e tra il Fadiesis Accordion Festival e la Nuova Orchestra da Camera “Ferruccio Busoni” diretta dal maestro Massimo Belli. Al mattino il concerto sarà a Trieste, alle 11 al Museo Revoltella nell’ambito delle mattinate Musicali internazionali, al pomeriggio alle 18 a Pordenone, nell’Auditorium Concordia. Stesso programma, volto a celebrare la straordinaria eredità di Astor Piazzolla, capace di portare il mantice oltre i confini della tradizione popolare entro i quali era stato relegato, scrivendo con le sue innovative composizioni un capitolo fondamentale della storia della musica del Novecento. E stessi interpreti: Nuova Orchestra da Camera “Ferruccio Busoni”, Gianni Fassetta alla fisarmonica, ?Lucio Degani al violino, ?Francesco Ferrarini al viol?oncello?, direttore Massimo Belli. Per l’occasione sarà eseguita anche una Rapsodia del compositore contemporaneo Paolo Pessina.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Fadiesis Accordion Festival

Leggi le Ultime Notizie >>>