Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 22 Ottobre 2017

Bookmark and Share

Pordenone "smart city": all'Irse si parla di manutenzione degli edifici e sostenibilità

Lorenzo Fabian (foto Ufficio Stampa Volpe&Sain)

Pordenone (PN) - Una città da vivere. Ma anche da indagare e scoprire insieme, operatori urbanisti e cittadini, per capire se e quanto Pordenone sia una "smart city" capace di cogliere e soddisfare le esigenze dei suoi abitanti, e come si stia attrezzando per affrontare le tante sfide di sostenibilità legate alle città del nostro tempo, e di quello futuro. Per questo l’IRSE, Istituto Regionale di Studi Europei FVG, insieme al Comune di Pordenone e agli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri ha avviato un ciclo di quattro incontri che entrano nel tessuto più vivo della città, e che dalle “nuove tecnologie a impatto zero” dell’incontro inaugurale ci proietteranno adesso - martedì 24 ottobre, alle 15.30 al Centro culturale Casa Zanussi di via Concordia - su un nuovo step legato alla città sostenibile, quello che ruota intorno alla “manutenzione” dei suoi edifici. “Manutenzione continua: responsabilità da condividere per una città sostenibile” è infatti il tema al centro dell’incontro che sarà curato e introdotto dal vicepresidente IRSE Giuseppe Carniello e che vedrà protagonista l’urbanista Lorenzo Fabian, docente allo IUAV di Venezia.

L’intervento di Lorenzo Fabian sarà decisamente calato nella città di Pordenone e nelle sue peculiarità, perché tratterà di ricerca urbanistica in rapporto all’uso dell’energia e dell’acqua, anziché sulla base dei soliti e decaduti parametri dell’edificato e dell’assetto viario. Un modo, dunque, per interrogarsi concretamente sugli scenari utili alla città e sulle scelte virtuose di sostenibilità da imboccare, a partire dalle esperienze internazionali di grande respiro: come quella legata alla mobilità olandese, che permette di vivere in equilibrio con l’acqua, in zone umide o a rischio allagamento, facendo di un proprio svantaggio - quello di essere al di sotto del livello del mare e in zona paludosa - un punto di forza e un sistema di vita sostenibile. Con l’intervento dell’ingegnere Elena Biason si metterà quindi a fuoco la storia di Pordenone, per capire come il Noncello sia stato fonte di ricchezza e come si possa adesso rivalorizzarlo da un punto di vista produttivo oltre che paesaggistico, anche con virtuosismi “goccia a goccia”.

Il pubblico potrà intervenire, la partecipazione è gratuita (info: irse@centroculturapordenone.it, tel. 0434 365326, crediti ECM per architetti/ingegneri).


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Volpe&Sain

Leggi le Ultime Notizie >>>