Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 18 Ottobre 2017

Bookmark and Share

Irse - “Affascinati al cervello”: quando la dipendenza da gioco non è un gioco

Graziano Bellio (foto Ufficio Stampa Volpe&Sain)

Pordenone (PN) - Il caso ha sempre attratto l'uomo e mescolandosi con il denaro crea una miscela per molti affascinante e per taluni portatrice di rovina: il gioco d'azzardo. L'azzardo ci ha sempre accompagnato, ma la crescente e inarrestabile diffusione di stimoli e occasioni di gioco, propugnate persino dallo Stato, ha generato crescenti problematicità. Come affrontarle, quali strumenti e modelli organizzativi adottare, verso quali riferimenti teorici puntare? Se lo chiedono sempre più spesso gli operatori dei servizi sanitari, i terapeuti e gli operatori sociali che si trovano a fronteggiare i casi clinici e di compulsività legati al gioco d'azzardo.

Un tema che non poteva eludere la decima edizione di “Affascinati al cervello”, il ciclo di incontri autunnale promosso dall’IRSE Pordenone, l’Istituto Regionale di Studi Europei che si focalizza quest’anno su “Vecchie e nuove dipendenze”. Della “dipendenza da gioco”, che non è purtroppo un gioco – Vizio, malattia, business? – converserà giovedì 19 ottobre alle 15.30 nell’Auditorium del centro Culturale Casa Zanussi di pordenone lo psichiatra Graziano Bellio, fra i maggiori esperti italiani sulla dipendenza da gioco d’azzardo e della relativa clinica, autore di molte pubblicazioni legate alla diagnosi e cura della dipendenza di questa dipendenza.

La partecipazione è gratuita (info: irse@centroculturapordenone.it, tel. 0434-365326).

Come consuetudine degli incontri IRSE, ampio spazio sarà dato al dibattito, con interventi nel corso dell’incontro.

Graziano Bellio dal 1999 a tutt’oggi è Direttore del SerD – servizio dipendenze e coordinatore del dipartimento dipendenze dell’Azienda Ulss n. 8 di Asolo. Ex-presidente di ALEA, Associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio, e componente del comitato esecutivo. Dal 2002 è componente del consiglio direttivo nazionale della SIPDip, Società Italiana di Psichiatria delle Dipendenze. Dal 2004 coordinatore del gruppo di ricerca veneto sul gioco d’azzardo patologico. Tra le numerose pubblicazioni: Manuale sul gioco d’azzardo patologico. Diagnosi, Valutazione e Trattamenti, con Mauro Croce, Franco Angeli (2014); Clinica del disturbo da gioco d’azzardo: diagnosi, storia evolutiva e psicopatologia del giocatore, Franco Angeli (2014); I nuovi orizzonti dell’azzardo: il gambling online, con Mauro Croce, Franco Angeli (2014); L’ambulatorio per il gioco d’azzardo patologico nei servizi pubblici per le dipendenze: modelli organizzativi, prospettive, criticità, Franco Angeli (2014); Gioco d’azzardo patologico: quale ruolo per il medico di medicina generale?, con Amelia Fiorin (2012), Italian Journal on Addiction, 2, 3-4 (121-127), accessibile online; Vincere il gioco d’azzardo: manuale di autoaiuto per il giocatore che vuole smettere.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Volpe&Sain

Leggi le Ultime Notizie >>>