Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 30 Agosto 2017

Bookmark and Share

Estate in Città 2017: tutti gli appuntamenti di giovedì 31 agosto

Remo Anzovino (foto Simone di Luca) - Ufficio Stampa Estate in Città 2017

Pordenone (PN) - Ancora un pomeriggio danzante giovedì 31 agosto al parco di Villa Baschiera Tallon, dalle 15.

Appuntamento giovedì 31 agosto, alle 18, in Biblioteca Civica per scoprire la straordinaria figura di Hildegard von Bingen, l’erborista di Dio. A dare uno sguardo sulle sue visioni e sull'erboristica medievale, lo studioso Enzo Marigliano, con la moderazione dello storico Luca Gianni, in collaborazione con l’Associazione Norberto Bobbio. Hildegard von Bingen nacque nel 1098 in Germania e visse, come umile monaca benedettina, in un oscuro monastero sulle rive del Reno. Giunta all’età di 40 anni, su consiglio del suo padre spirituale, il monaco Vomar, dettò o trascrisse le mirabili visioni mistiche che avevano occupato la sua mente fin dalla prima infanzia. Il libro così composto divenne subito oggetto di dispute in tutta Europa finché Bernardo di Chiaravalle, papa Eugenio III e molti vescovi non diedero la loro approvazione. Da quel momento Hildegard diede prova della sua straordinaria e poliedrica genialità: compose 70 sinfonie suonate in tutte le chiese del continente; scrisse tre opere nelle quali parlò dell’universo in continua espansione, delle relazioni fra uomo-microcosmo e natura-macrocosmo; si dedicò, in particolare, alla cura delle malattie attraverso l’erboristica, considerando la malattia stessa come “rottura dell’armonia cosmica” e indicando, per prima, l’idea di una “medicina dolce” quale via naturale per ristabilire la sintonia fra spirito e corpo. Proclamata santa alla sua morte, ancor oggi il suo pensiero incarna l’ideale di una sapienza alternativa, ecologica, visionaria e intuitiva. Un personaggio tutto da scoprire nella sua modernità attraverso la narrazione della vita e la presentazione di alcuni dei suoi rimedi erboristici.

Gran finale dell'Estate in città., giovedì 31 agosto alle 20 in piazza XX Settembre – ingresso gratuito e palco coperto, in caso di maltempo si recupera il giorno successivo - con Remo Anzovino, Roy Paci, Enzo Gragnaniello, Tony Esposito, Federico Mecozzi e le scuole di musica di Pordenone. A distanza di cinque anni dal memorabile concerto serale in un Teatro Verdi sold out, trasmesso da Rai 5, e a tre dallo storico concerto all’alba sul fiume Noncello, capace alle 5 del mattino di richiamare attorno al suo pianoforte oltre 2mila persone, il pianista e compositore Remo Anzovino suonerà a Pordenone e lo farà in un evento assolutamente unico, assieme ad alcuni grandi ospiti, come Roy Paci, istrionico trombettista di fama internazionale e icona della world music con un fine palato jazz; Enzo Gragnaniello, cantautore e autore napoletano con partecipazioni a Sanremo e collaborazioni con Adriano Celentano, Mia Martini, Ornella Vanoni, Andrea Bocelli, tra i protagonisti del rilancio della canzone napoletana moderna; Tony Esposito «il primo musicista italiano ad aver saputo amalgamare la cultura mediterranea a quella africana, con le esperienze jazz e rock», strepitoso percussionista autore dell'indimenticabile hit Kalimba de luna, con importanti collaborazioni (Bennato, Dalla, De Gregori, Paoli, Vecchioni, Guccini, Tullio De Piscopo e Pino Daniele); Federico Mecozzi, violinista e polistrumentista sublime, musicista di punta del Maestro Ludovico Einaudi.

L’appuntamento, a ingresso gratuito, vedrà il suo inizio alle 20 quando a salire sul grande palco, allestito nel cuore della città, saranno gli studenti di numerose scuole di musica di Pordenone che avranno così la possibilità di esibirsi difronte ad un pubblico delle grandi occasioni, divenendo parte integrante dell’intera manifestazione. Queste le scuole che parteciperanno: Scuola di Musica Città di Pordenone, Scuola di Musica Polinote con Cem e Segovia Guitar Festival, Scuola Popolare di Musica “L. Mascagni” (Somsi Pordenone e Filarmonica Città di Pordenone), Fadiesis, Pietro Edo Music & Master. Autore di oltre sessanta lavori per teatro, cinema e pubblicità, Remo Anzovino nella sua carriera ha pubblicato quattro album d’inediti in studio, uno dal vivo e un progetto speciale dedicato a Pier Paolo Pasolini, intitolato “L’Alba dei Tram”, finalista al Premio Tenco 2016, come miglior canzone dell’anno, che ha saputo coinvolgere artisti del calibro di Giuliano Sangiorgi, Mauro Ermanno Giovanardi, Lino Capolicchio, Dino Pedriali e l’Orchestra d’Archi Italiana. Nel 2016 è stato scelto dal Premio Strega per la partitura musicale della 70° edizione, eseguita in diretta dall’Auditorium Parco della Musica su Rai 3.

All’inizio del 2017 ha pubblicato “Fight For Freedom”, album tributo a Muhammad Ali, entrato direttamente al numero 1 di iTunes colonne sonore (per il film di Emanuela Audisio “Da Clay ad Ali, la metamorfosi), scelto dal Salone del Libro di Torino come disco ufficiale della 1° edizione della Fiera Europea della Musica. Sempre quest’anno, dopo essere stato scelto da Yamaha Music Europe, come artist ambassador dello storico marchio di pianoforti, nelle scorse settimane Sony Music, la celebre major, ha annunciato la firma del contratto discografico di Anzovino per il prossimo album, registrato tra Tokyo, Parigi, Londra e New York, che uscirà il prossimo autunno, a cinque anni dall’ultimo lavoro d’inediti “Viaggiatore Immobile” che, grazie alla composizione “9 ottobre 1963 (Suite for Vajont)”, gli è valsa un riconoscimento in Campidoglio, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Attualmente Anzovino è impegnato nel tour dei 2Cellos, esibendosi su alcuni dei più prestigiosi palcoscenici (Arena di Verona, Terme di Caracalla, Mediolanum Forum Milano, Arena Stozice Ljubljana, Foro Italico Roma), e a teatro, con Gianmarco Tognazzi e Francesca Merloni per lo spettacolo “Guardiana”, per il quale esegue dal vivo le musiche originali di scena da lui composte. È stato inoltre scelto da Piano City Milano come ospite di spicco del festival, tenendo un commovente concerto il 20 maggio 2017 al carcere di Opera.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Estate in Città 2017

Leggi le Ultime Notizie >>>