Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 05 Giugno 2017

Prenotazioni aperte ai laboratori per bambini nell’ambito della mostra “Gorizia Magica”

Laboratorio didattico (foto Ufficio Stampa Fondazione Carigo)

Gorizia (GO) - “Un cartone in...filato”, “Un fantastico ritratto”, “Angoli e triangoli” e “Viva i libri con le figure!”: sono aperte le prenotazioni per i laboratori, a partecipazione gratuita, offerti dalla Fondazione Carigo nell’ambito della mostra “Gorizia Magica. Libri e giocattoli per ragazzi (1900-1945)”, allestita nella sede della Fondazione stessa. Ideati con la collaborazione della Ludoteca del Comune di Gorizia e della Cooperativa Musaeus, si rivolgono alle scuole dell’infanzia, alle scuole primarie ed ai centri estivi, con proposte per bambini dai 3 agli 11 anni.

I laboratori si svolgeranno per tutta la durata dell’esposizione e dunque fino al mese di dicembre 2017, in giornate da concordare ed anche al di fuori degli orari di apertura della mostra, contattando la Cooperativa Musaeus (info@musaeus.it, 348/2560991). Le scuole possono dunque già prenotare per il prossimo anno scolastico (per i mesi da settembre a dicembre).

I percorsi sono caratterizzati da una forte impronta ludica ed esplorativa, con momenti di ascolto e osservazione, codifica e compilazione di schede, attività grafiche e creative da concordare con insegnanti ed educatori e, su richiesta, momenti di narrazione.
Prendere confidenza con lo spazio museale, che da luogo di semplice osservazione e ascolto diventa luogo di creatività e di scoperta a misura di bambino, nel quale i piccoli visitatori possono giocare, disegnare e creare imparando. Ma anche scoprire alcune espressioni artistiche particolari, divertendosi a creare, con forme geometriche colorate, dei collage che si ispirano alle splendide illustrazioni del libro tedesco “Il bosco della Widiwondel, libro di figure fatte di triangoli colorati” di Hilde Krüger, dove sono presenti influssi del cubismo e dell’espressionismo. E ancora l’esperienza del ritratto dal vivo, che permette ai bambini, come dei veri artisti, di posizionarsi davanti a una delle figure esposte e disegnarne una copia.

Le attività prevedono l’utilizzo di fili di lana, cartoncini forati sagomati, triangoli colorati, cornici di carta ed anche una buona dose di fantasia!
Non solo le figure, ma anche i testi dei libri esposti saranno al centro delle attività didattiche, che riservano attenzione anche alle parole, con cui i bambini giocheranno per dare un titolo alle loro creazioni, ed alla rima, caratteristica di buona parte della letteratura per l’infanzia della prima metà del ‘900.

Ai bambini verranno inoltre illustrate alcune caratteristiche delle immagini, dei libri e dei giochi didattici in esposizione, comparandoli con alcune pubblicazioni contemporanee rivolte a bambini e ragazzi.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Fondazione Carigo

Leggi le Ultime Notizie >>>