Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 26 Maggio 2017

"Orchestra senza confini": gemellaggio austriaco per il Coro polifonico S. Antonio Abate

Coro polifonico S. Antonio Abate (foto: Angelo Simonella)

Goriach (--) - Si fa internazionale e transfrontaliero il progetto musicale "Let’s sing Bach" del Coro Polifonico S. Antonio Abate di Cordenons diretto da Monica Malachin, realizzato col sostegno di Regione Friuli Venezia Giulia e Fondazione Friuli. Sabato 27 maggio alle 19.30 infatti, il coro e la sua pregiata Ensemble Cohors Naonis, si esibiscono a Goriach in Austria (Valle del Gail), per la sesta edizione di "Orchestra senza confini", assieme al coro locale Singkreis Hohenthurn, diretto da Alberto Busettini, con l’accompagnamento musicale dell'Ensamble Contrarco (Mariaines Zanovello e Stefano Favretto violini Giulio Padoin al cello e Alberto Busettini al basso continuo).

Il concerto si svolgerà nella chiesa parrocchiale, che ha un organo importante e un’acustica unica, perfetta per valorizzare il dialogo tra “coro concertato” e organo e per trasportare l’ascoltatore tra brani di Bach e Monteverdi, in un racconto musicale straordinario sulla passione e la resurrezione attraverso i colori del coro e delle voci che concertano con gli strumenti e l’organo. Un percorso particolarmente intenso, riflessivo, liturgico e musicale arricchito anche da brani di compositori romantici e contemporanei, che come Bach hanno cantato la parola.

La serata è frutto della collaborazione che il Coro Sant’Antonio Abate ha con il Festival Risonanze e sottolinea il dialogo Italia Austria esaltando le peculiarità dei luoghi e la grandezza della musica. Lo stesso concerto sarà riproposto a novembre per il palinsesto #magredimusica a Cordenons.

Leggi le Ultime Notizie >>>