Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 26 Maggio 2017

Bookmark and Share

Presentata a Udine l'edizione 2017 della Fiera regionale dei vini di Buttrio

Un momento della presentazione a Udine

Udine (UD) - Tanti ingredienti, un unico comune denominatore per la Fiera Regionale dei Vini di Buttrio: il vino di qualità abbinato al piacere della convivialità, da assaporare assieme a un buon calice da sorseggiare in compagnia. Mancano pochi giorni per dare la stura alla manifestazione che trasformerà Buttrio per tre giornate nella capitale dei vini autoctoni friulani e d’Italia, coinvolgendo turisti, curiosi ed esperti del settore. Una fiera che da 85 anni coniuga la passione per il vino a quella per la buona tavola e per la cultura.

Il ricco programma della manifestazione, presentata ieri presso la sede della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia di via Sabbadini 31 a Udine (Sala Kugy).
dall'Assessore Regionale alle Risorse agricole e forestali, Cristiano Shaurli, alla presenza del Sindaco di Buttrio, Giorgio Sincerotto, della Presidente della Pro Loco Buri, Raffaella Canciani, del Coordinatore regionale delle Città del Vino, Tiziano Venturini e di Edgarda Fiorini, membro del CDA della Fondazione Friuli, prevede infatti concerti, degustazioni, mercatini, laboratori gastronomici, corsi di cucina, giochi, spettacoli circensi e di burattini, attività sportive, un annullo filatelico, visite guidate al parco archeobotanico, al Museo della Civiltà del Vino e al Lapidarium, mostre ed esposizioni di bonsai ed eventi rivolti alle famiglie e in particolare ai bambini, con letture ad alta voce a tema, corsi per piccoli chef, concorso fotografico, laboratori didattici, gioco gonfiabile, truccabimbi, giochi giganti con animazione e caccia al tesoro. Ma anche un giro in moto sui colli con sosta presso produttori locali e una pedalata non competitiva aperta a tutti alla scoperta delle colline, dei vigneti e dei casali del territorio.

E soprattutto, ci sarà spazio per la grande musica a ingresso gratuito, con prestigiosi artisti di levatura nazionale: Omar Pedrini, Ruggero De I Timidi, al secolo il friulano Andrea Sambucco e, per il gran finale, un'icona della musica italiana: Bobby Solo, l'Elvis italiano.

Nella suggestiva cornice di Villa Di Toppo Florio, tra degustazioni e spettacoli circensi, sarà davvero una festa per tutta la famiglia, da vivere immersi nel verde della campagna friulana e nel solco delle tradizioni enogastronomiche, locali e da tutta Italia.

Appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del vino che desiderano degustare etichette pregiate autoctone – con la possibilità di acquistare un braccialetto giornaliero per accedere liberamente alle due sale di mescita e assaggiare tutte le etichette presenti -, la Fiera di Buttrio permette anche di gustare cibi dagli aromi avvolgenti nelle aree dedicate all'interno della villa e del circostante parco archeo-botanico. Non solo vino, ma anche prodotti tipici, i gustosi piatti dello chef Luigi Zago, la pasticceria e gelateria artigianale, pane e pizza preparati dallo chef Giovanni Gandino, i formaggi caprini prodotti in regione e tanto altro per un evento che fornirà l'opportunità di riscoprire le antiche tradizioni del territorio e riassaporare i migliori prodotti enoici del Friuli Venezia Giulia e di tutta la Penisola.

E anche se non si è degli intenditori, poco importa: la kermesse – che permette a tutti di assaggiare grandi vini - si rivolge anche a chi si avvicina per la prima volta al mondo del buon bere, con degustazioni di vini e birre artigianali guidate da esperti sommelier. Proprio per questo, la fiera rappresenta da sempre un appuntamento unico per chi desidera assaporare un prodotto di alta qualità, assistito da personale competente e con la possibilità di comparare annate ed etichette di vini legati al proprio territorio e alla propria storia.

Sono previsti in particolare due appuntamenti di approfondimento con il Coordinamento del Friuli Venezia Giulia dell’Associazione Nazionale Città del Vino per promuovere enoturismo ed economia sostenibile della filiera del vino. In programma il 9 e 10 giugno, gli incontri metteranno a confronto esperti, addetti ai lavori e grande pubblico. Si discuterà su una delle direttrici di sviluppo di maggiore interesse per l’economia vitivinicola regionale e in particolar modo per le 22 Città del Vino del Friuli Venezia Giulia.

Per l'edizione 2017 sono oltre 500 le etichette del Friuli Venezia Giulia che proveranno a far parte della selezione proposta durante la manifestazione. La scelta è a cura dei coordinatori di Vinibuoni d'Italia che indicheranno quali fra esse potranno essere degustate all'enoteca che verrà allestita dalla Fiera dei Vini di Buttrio: solo bottiglie che hanno raggiunto la perfezione, alla vista, al gusto e all'olfatto per sorprendere così i visitatori con prodotti d'eccellenza.

“Siamo alla vigilia della Fiera Regionale dei Vini di Buttrio, un evento – ha ricordato l'Assessore regionale alle risorse agricole e forestali, Cristiano Shaurli - che di per sé rappresenta un’eccellenza della nostra Regione. Con le sue 85 edizioni è infatti la più antica rassegna enoica italiana ma, nello stesso tempo, è anche una realtà che nel rispetto della tradizione ha sempre continuato a crescere e innovarsi. I nostri vini e la convivialità rimangono la fondamentale base su cui si sono innestate scelte che la Regione condivide appieno: dal grande lavoro sui vini autoctoni, in collaborazione con Vinibuoni d’Italia, alla capacità di promuoverli assieme alla nostra straordinaria offerta agroalimentare e alle bellezze del nostro territorio. La vitivinicoltura regionale è in crescita ma l’orgoglio per le nostre produzioni, La capacità di raccontarle e farle conoscere passa anche dalla storia, dall’impegno e dalla passione di manifestazioni come questa”.

“Raggiungere il traguardo degli 85 anni – ha osservato il Sindaco di Buttrio, Giorgio Sincerotto - non è cosa di tutti i giorni. La nostra presenza qui oggi a presentare un'edizione ancora più ricca e variegata per proposte non solo enoiche, il focus dell'evento, ma anche culturali e turistiche, premia l'impegno profuso nel coltivare la manifestazione nel solco delle antiche tradizioni del territorio, da valorizzare e riassaporare accanto ai migliori prodotti vitivinicoli della regione e di tutta la penisola. La Fiera di Buttrio è una festa del palato a 360°: gli stand forniranno l'occasione di assaggiare grandi vini anche da parte di si avvicinasse per la prima volta all'universo del buon bere - che verrà accompagnato da esperti sommelier -, ma anche per gustare specialità gastronomiche e dolciarie preparate da grandi chef e maestri pasticceri nelle aree dedicate all’interno della villa e del parco, che saranno teatro pure di visite guidate e appuntamenti di contorno (con mercato e spettacoli, musicali e circensi), tutti rivolti alle famiglie e ai bambini. Buttrio, insomma, per tre giorni si trasformerà ancora una volta nella capitale dei vini autoctoni, friulani e d’Italia, con l'intento di soddisfare davvero tutti: turisti, curiosi e addetti ai lavori. Il mio ringraziamento va pertanto a tutti gli sponsor istituzionali che, con il loro costante sostegno, ci hanno permesso di realizzare, anche quest'anno, un evento di assoluta qualità. Vi aspettiamo tutti”.

"Si tratta - ha esordito la Presidente della Pro loco Buri, Raffaella Canciani, ringraziando oltre agli enti e a tutti coloro che sostengono la Pro Loco e il suo volontariato, i più di 200 volontari che dedicano il loro tempo libero, le idee e il loro lavoro per la riuscita dell'evento - di un traguardo importante per una fiera che mantiene intatta la sua linea di promozione e sostegno dei vini autoctoni regionali grazie alla collaborazione con Vinibuoni d’Italia che cura la selezione dei Vini autoctoni regionali che poi saranno presenti al banco Enoteca Friuli Venezia Giulia - a cui si affiancheranno l'Enoteca Italia con gli autoctoni della altre regioni e quella dei Produttori di Buttrio. Anche la parte enogastronomica non è da meno con la presenza, per la prima volta, dei produttori regionali di formaggi caprini. Non mancheranno poi i piatti tradizionali preparati dallo chef Zago e novità con pane e pizza preparati da Giovanni Gandino con ingredienti a km. zero e i dolci realizzati dalla Fondazione Italiana Pasticceria Gelateria e Cioccolateria Fvg. Come non possono mancare le degustazioni guidate dei vini con 14 appuntamenti, a cui si assommano quattro laboratori di cucina. Sarà insomma un ricco programma che come sempre coinvolgerà grandi e piccini con bici in fiera, grazie al Ciclismo Buttrio che ci guiderà lungo le strade dei nostri vigneti. E poi visite guidate al parco, al museo della civiltà del vino e al lapidarium della Villa, lo spettacolo di burattini, le attività con Maraveee animazione e, altra novità, due laboratori di cucina per piccoli chef e pasticceri. Si conferma anche quest’anno il circo contemporaneo grazie a Magda Clan e Circo All’inCirca che proporranno ogni sera una spettacolo in un vero tendone da circo e durante la giornata diverse incursioni circensi. Da segnalare infine i concerti con grossi nomi come Omar Pedrini, Ruggero De I Timidi e Bobby Solo".

“Vogliamo - ha spiegato il coordinatore regionale delle Città del Vino, Tiziano Venturini - portare un contributo di idee a largo respiro dall’enoturismo, che vede in questi giorni i lavori attorno alla nuova legge nazionale quadro, alla cosiddetta Triple Bottom Line, ovvero la gestione delle vigne e delle cantine rispettando i principi di sostenibilità non solo economici ma anche ambientali e sociali, unita a un’ottica di marketing per attrarre i wine lovers. Due occasioni di incontro Due occasioni di incontro che il 9 e 10 giugno serviranno per tracciare quello che sarà il futuro delle nostre terre, dove il vino è sempre più non solo coltura ma anche cultura viva. Il tutto in questo 2017 così speciale per noi, visto che l’associazione nazionale Città del Vino compie 30 anni dalla sua fondazione”.

A nome della Fondazione Friuli è intervenuta Edgarda Fiorini, membro del CDA della Fondazione che ha portato i saluti del Presidente Giuseppe Morandini, ribadendo con la propria presenza come la Fondazione Friuli (www.fondazionefriuli.it), già Fondazione CRUP, storica realtà del territorio, sia da sempre attenta alle dinamiche sociali e ha, tra gli altri obiettivi, quello di diffondere e rinforzare lo spirito di appartenenza alla storia e alla comunità Friulana, sostenendo le iniziative dell’eccellenza del nostro territorio. E' per per questo motivo che contribuisce ormai da moltissimi anni alla Fiera Regionale dei Vini di Buttrio, che da 85 anni promuove e diffonde la storia e la cultura del territorio, legandosi in particolare alla mondo del vino, ma senza mai trascurare gli aspetti culturali, tradizionali, artistici legati al mondo enoico.

L’inaugurazione dell'85ª edizione della Fiera Regionale dei Vini di Buttrio si terrà venerdì 9 giugno alle ore 18.30. Nell'occasione, il sindaco di Buttrio e la presidente della Pro Loco Buri, organizzatori dell’evento, ospiteranno le autorità presenti presso la sala polifunzionale sita al secondo piano della Villa Di Toppo-Florio per presentare e dare avvio alla manifestazione.

In alto i calici, quindi, pronti a vivere una serie di appuntamenti imperdibili pensati per far riscoprire il valore autentico del vino. Perché, come sosteneva il grande regista Federico Fellini “Un buon vino è come un buon film: dura un istante e ti lascia in bocca un sapore di gloria; è nuovo ad ogni sorso e, come avviene con i film, nasce e rinasce in ogni assaggiatore”.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Flash Srl

Leggi le Ultime Notizie >>>