Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Cultura > Musica > 17 Maggio 2017

Bookmark and Share

“Cantus Dei Gloriae”: concerto-omaggio alla musica sacra francese nella Cattedrale di San Giusto

Gruppo Incontro (foto Ufficio Stampa Volpe&Sain)

Trieste (TS) - Riflettori sulla musica sacra francese con il suggestivo concerto in cartellone venerdì 19 maggio, alle 20, nella Cattedrale di San Giusto a Trieste, nell’ambito della Stagione Concertistica di primavera – estate del Conservatorio Tartini. “Cantus Dei Gloriae” vedrà protagonisti “Organi, suoni e voci della città di Trieste”: impegnati nell'originale concerto il Complesso vocale e strumentale Gruppo Incontro, gli organisti Riccardo Cossi e Wladimir Matesic e il contrabbassista Kevin Reginald Cooke, con la collaborazione musicale di Nicola Colocci. La direzione è affidata a Rita Susovsky. L'ingresso è libero e non è necessaria la prenotazione (info www.conservatorio.trieste.it, tel. 040.6724911).

La musica sacra francese riveste un ruolo particolarmente significativo nell'800 grazie ad alcuni compositori che hanno lasciato un segno profondo nel panorama musicale internazionale. Tra questi César Franck, del quale sarà proposto il Dextera Domini per coro, contrabbasso e organo, composto nel 1871 per l'Offertorio della Messa di Pasqua. Il mottetto riunisce molto bene gli elementi caratteristici della scrittura di Franck: concezione classica della forma, arte del contrappunto e linguaggio armonico in cui il cromatismo ha la sua fonte ispiratrice in Liszt e Wagner. La Messe Solennelle op. 16 di Louis Vierne, secondo brano in programma, rappresenta sicuramente uno dei capolavori della musica sacra di tutti i tempi. Composta tra il 1899 e il 1900 e dedicata a Théodore Dubois, allora direttore del Conservatorio di Parigi, è una pagina di grande effetto e di impatto sonoro per l’intervento di due organi, e proprio per questo non manca di suscitare una grande emozione all'ascolto. Il programma si concluderà con la sequenza pasquale Victimae Paschali, nella splendida versione moderna composta da Marco Sofianopulo: dopo il canto gregoriano il coro si espande nell'Alleluja finale, alternandosi a brevi interventi dell'organo, e chiudendo in un'esplosione di suono che rappresenta la gioia della Resurrezione.


Il Gruppo Incontro, complesso vocale e strumentale, nel corso dei suoi quattro decenni di vita, ha svolto un'intensa attività concertistica in Italia e all'estero, ha vinto il Primo premio al 25 Festival Internazionale di Neerpelt (Belgio) ed ha inciso cinque CD dedicati ai brani più significativi del suo ampio repertorio che va dal Medioevo ai compositori contemporanei, inclusa la canzone d’autore. Di prossima pubblicazione un CD per la casa discografica Tactus dedicato ai compositori contemporanei di musica sacra del territorio.

Riccardo Cossi, diplomato a pieni voti in Pianoforte e conseguito il Diploma Accademico di II livello in Organo e composizione organistica al Conservatorio Tartini, è organista titolare della Cattedrale di San Giusto e della Cappella Civica di Trieste. Svolge intensa attività concertistica in Italia e all'estero occupandosi anche di arte organaria attraverso lo studio di trattati storici. Nel 2013 ha fondato l'Accademia Organistica Tergestina, della quale è direttore artistico. Wladimir Matesic è titolare della cattedra di Organo presso il Conservatorio Tartini ed organista co-titolare della Cattedrale di Bologna. Ha tenuto centinaia di concerti in Italia, Francia, Spagna, Svizzera, Austria, Germania, Olanda, Inghilterra, Croazia, Polonia, Lettonia, Finlandia e Giappone. Ha inciso per diverse importanti etichette discografiche e recentemente per la Tactus di Bologna. Rita Susovsky, diplomata in Pianoforte al Conservatorio Tartini con Maureen Jones ed in Canto al Conservatorio Pollini di Padova, ha studiato anche Organo e composizione organistica. Dopo aver svolto attività artistica come pianista e direttore di coro, si è dedicata al canto, vincendo alcuni concorsi internazionali, esibendosi in molti teatri lirici ed in prestigiose sedi concertistiche in Italia, in tutta Europa, in Corea e negli Sati Uniti. Ha registrato più volte per la RAI e per varie emittenti televisive italiane e straniere, ed inciso per diverse case discografiche. È docente titolare della cattedra di Canto al Conservatorio Tartini.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Volpe&Sain

Leggi le Ultime Notizie >>>