Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 23 Aprile 2017

Bookmark and Share

Parte da Cercivento "Pace alla guerra. Reportage virtuale storico-musicale in sei episodi"

Rapsodia di una pallottola (foto di Mauro Zavagno)

Cercivento (UD) - Una rassegna nuova, e non soltanto perché si affaccia per la prima volta in Carnia: nuova anche per il suo modo di raccontare la Grande Guerra. Si tratta di "Pace alla guerra. Reportage virtuale storico-musicale in sei episodi. Note di vita bellica in Carnia 1916-1917", in scena con sei spettacoli a partire da martedì 25 aprile fino a sabato 1 luglio in diversi paesi e città tra Carnia e Friuli.

Sei performance tra storia, teatro e musica, vanno in scena il 25 aprile a Cercivento, il primo maggio a Timau di Paluzza, il 21 maggio a Tolmezzo, il 2 giugno a Somplago (Cavazzo Carnico), il 29 giugno a Udine e il primo luglio a Forni Avoltri e inventano delle bizzarre interviste impossibili in forma teatrale con accompagnamento musicale dal vivo. Protagonisti principali sono il giornalista Guerrino Pacifici (interpretato da Adriano Giraldi) e il tele-cine-operatore Miro Vojnovich (Maurizio Zacchigna), che su richiesta del fantomatico capo redattore di un misterioso network devono "fare audience" raccontando della Grande Guerra. Con loro anche le attrici Maria Grazia Plos e Roberta Colacino e il gruppo strumentale Lumen Harmonicum, che rivisita il repertorio italiano e austro ungarico del periodo bellico. La cura del progetto (l'idea, i contenuti testuali e musicali, la supervisione) è di Massimo Favento; la regia teatrale è dell'Associazione Mamarogi e le illustrazioni - prodotte ad hoc sui personaggi delle storie, sono di Mauro Zavagno.

Pace alla Guerra è un progetto di Lumen Harmonicum e si svolge con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Grazie alla collaborazione della Fondazione "Luigi Bon", Pace alla Guerra si propone come anteprima della ormai storica rassegna Carniarmonie. A collaborare al progetto, inoltre, sono anche Mamarogi, la Società Triestina di Cultura“Maria Theresia", ArteFumetto MusicaTutti e il Comune di Udine - Udinestate 2017, l'Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Udine e il Centro Studi Musica e Grande Guerra (Reggio Emilia).

La rassegna inizia martedì 25 aprile, alle 16 alla Cjase da Int di Cercivento, con il primo spettacolo intitolato "Rapsodia di una pallottola". Backstage per giornalisti & plotone musicale su “I Fusilâz di Çurçuvint” che si raccoglie sotto il "cappello" della disobbedienza e perfettamente si sposa con lo spirito e le riflessioni sulla Liberazione. Sul palcoscenico sono gli attori Adriano Giraldi in Guerrino Pacifici e Maurizio Zacchigna in Miro Vojnovich e nel Colonnello; con loro il Gruppo Strumentale Lumen Harmonicum (Chiara Minca - voce, Mauro Verona - corno, Marco Favento - violino, Massimo Favento - violoncello, Denis Zupin - percussioni).
Attraverso i dialoghi degli attori e le "spiegazioni" musicali scorre un particolare racconto dell'episodio - ormai noto - dei I Fusilâz di Çurçuvint, il tragico caso di Silvio Gaetano Ortis e di altri tre Alpini fucilati dai Carabinieri per essersi rifiutati di sostenere un attacco decisamente suicida contro una postazione austriaca sulle montagne che loro conoscevano tanto bene, pur avendo proposto una valida alternativa. Un caso estremo di disobbedienza (e purtroppo di giustizia sommaria) ancora molto dibattuto nel quale la logica irrazionale della disciplina militare prese il sopravvento su buonsenso e umanità. Lo spettacolo rovescia la prospettiva dando la parola non alle vittime, ma al plotone d'esecuzione. I bizzarri operatori televisivi partono dalla lettera di un'emigrata in Argentina che racconta di un tizio che, a quanto pare, era solito, durante il Ventennio, trascorrere l’estate nei luoghi della tragedia, cercando una sua via di pentimento e di espiazione...

In allegato il comunicato generale e le schede di tutti gli spettacoli. Allegate anche alcune immagini di Mauro Zavagno

INFO/FONTE: Ufficio Stampa - ConnectEventi

Leggi le Ultime Notizie >>>