Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 17 Aprile 2017

Bookmark and Share

"Mercoledì con l'autore": tre incontri dal 19 aprile al 28 giugno alla biblioteca Mattioni

"Mercoledì con l'autore" alla biblioteca Mattioni

Trieste (TS) - Appuntamento del ciclo i “Mercoledì con l'autore” mercoledì 19 aprile, alle ore 17.00, alla biblioteca comunale Stelio Mattioni di via Petracco 10 (Borgo San Sergio) dove sarà presentato il nuovo libro di Nicolò Giraldi “La grande guerra a piedi”. Un ricco, corposo “bignami” di storia patria, pubblicato dalla Biblioteca dell’Immagine, inserito nella collana “Storie delle città” diretta da Paolo Scandaletti.
Nicolò Giraldi, “Giro” per gli amici, è nato a Trieste nel 1984. Giornalista pubblicista dal 2009. Ha cominciato a pubblicare con La Voce del Popolo, quotidiano italiano della minoranza in Slovenia e Croazia nel 2005, occupandosi soprattutto di corrispondenza dall’Italia. Laureato in Storia Moderna, dal gennaio 2013 scrive sempre per La Voce del Popolo da Londra, città dove ha conseguito un Master presso la London School of Journalism e dove tuttora vive. Figlio di esuli istriani, ha da poco creato un gruppo di triestini residenti a Londra. Ha scritto tre brevi romanzi storici ed un racconto premiati presso il Concorso Internazionale di Arte e Cultura Istria Nobilissima dal 2007 al 2010.

Gli appuntamenti di “mercoledì con l'autore” alla Mattioni proseguono nei mesi di maggio e giugno: mercoledì 31 maggio, sempre alle ore 17.00, si terrà la presentazione de “L'Osmiza sul mare”, il nuovo libro di Diego Manna, già autore della serie Monon Behavior, delle Ciclomaldobrie e del gioco FRICO. Il fulcro del nuovo libro, impreziosito dall'illustrazione di copertina di Erika Ronchin, è un'osmiza, quel luogo particolare in cui si vendono e consumano vino e prodotti locali, dove i triestini adorano trascorrere il proprio tempo, godendo della compagnia reciproca mentre tutto il resto sembra di colpo perdere importanza, come per magia. Protagonisti ventitré personaggi, ciascuno con la propria storia da raccontare: c'è l'oste, che ci farà conoscere Arsalan, un genio della lampada alle prese con la burocrazia dei tempi moderni.
Diego Manna nasce a Trieste il 4 marzo 1979. Dopo la laurea in biologia, decide di applicare metodo e linguaggio scientifico anche allo studio delle peculiarità triestine, pubblicando la divertente trilogia Monon Behavior (2009), Monon Behavior Ciu (2009) e Tre volte Monon Behavior (2010). Dalla sua passione per i viaggi in bici nascono poi le tre ciclomaldobrie, Zinque bici, do veci e una galina con do teste (2012), Polska... rivemo! (2013), impreziositi dal tocco artistico di Michele Zazzara, e Zinque bici e un amaro Montenegro (2015). L'animo giocoso trova infine sfogo in FRICO (2014), gioco culturale di campanilismo ironico tra Trieste e Udine per la conquista del Friuli Venezia Giulia, realizzato assieme a Erika Ronchin.

Mercoledì 28 giugno, alle 17.00, verrà presentato “Zero Positivo”, il primo libro della scrittrice Cristina Marginean Cocis.
Il romanzo edito da Gaspari Editore, dopo l’esordio a fine ottobre scorso, sta riscuotendo un successo desiderato sì, ma inaspettato, di cui l’autrice è felicemente grata ed entusiasta. E’ il contenuto di questo romanzo a emozionare, a far scoprire una Cristina che ha usato una modalità di scrittura avvolgente e coinvolgente, perché parte da una storia vera, poi gradualmente porta il lettore a percorrere strade, vicoli, salite e discese dell’esistenza umana. Non manca l’avventura, la tensione della ricerca, dell’attesa. In forma caleidoscopica, con vari flash dal passato e dal presente incerto, adombrati di intensi momenti di gioia e sofferenza si sviluppa magicamente verso un finale inaspettato. La giovane donna di questo romanzo autobiografico,trova la forza di combattere in nome della vita che porta in grembo. Viene aiutata dal riemergere dei ricordi di un padre molto amato e che, durante la dittatura di Ceausescu, aveva saputo proteggere la propria famiglia dalle violenze e dai soprusi.
Cristina Marginean Cocis, nata in Romania a Timisoara sotto la dittatura, diventa insegnante e a 23 anni vince una borsa di studio presso l’’Università degli Studi di Udine, successivamente si laurea in Romania presso l’Universitatea de Vest di Timisoara, Facoltà di Storia e Lingua Inglese. Nel 2001 sposa Ioan, sacerdote cattolico di rito bizantino che verrà mandato in missione a Udine. Tornata nella città friulana Cristina diventa mediatrice culturale e linguistica, insegnate di italiano per stranieri e collaboratrice dell’Università di Udine presso la Sezione di Lingua e Letteratura Romena. A seguito di una malattia è costretta ad un lungo periodo di riposo e isolamento dal quale nasce il suo primo libro Zero Positivo.

Informazioni: Biblioteca comunale Stelio Mattioni, via Petracco 10 (Borgo San Sergio), tel. 040 823893; e-mail: bibmattioni@comune.trieste.it; orari: lun-mer-ven 15-19; mar-gio-sab 9-13.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>