Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 14 Marzo 2017

“Capriccio” col Duo Nèmesis per la stagione dei concerti 2017 al Tartini

Duo Nèmesis (foto Ufficio Stampa Volpe&Sain)

Trieste (TS) - Proseguono i concerti inverno/primavera 2017 del Conservatorio Tartini di Trieste. Mercoledì 15 marzo alle 20.30 in Sala Tartini spazio a “Capriccio”, col Duo Nèmesis: Maria Bertòs clarinetto e Hiromi Arai pianoforte, per un concerto in cui si affiancano due diverse visioni della musica, quella classico-romantica e quella contemporanea.

Il programma propone nella prima parte un Weber ricco di virtuosismi ma anche di temi lirici e cantabili, un caposaldo della letteratura per clarinetto del primo '800. Nella seconda parte l'originalità stilistica di Berg all'interno dei flussi creativi del Novecento è ben evidente in queste quattro Miniature, capaci di evocare atmosfere lunari, sensuali, fredde; la partitura rappresenta una moderna drammaturgia strumentale, senza una forte indicazione tematica, costruita per brevi iperboli, con melodie sinuose cui si contrappongono violenti e repentini attacchi del suono, come a voler raggiungere una rarefatta concentrazione: il grado zero della scrittura musicale. La serata si concluderà con il brano del compositore britannico Arnold, dallo stile ancora tonale, e dal più moderno Capriccio del compositore e clarinettista serbo Ante Grgin.

Come sempre l’ingresso è aperto alla città, previa prenotazione (info www.conservatorio.trieste.it, tel. 040.6724911).

Maria Bertòs, giovane musicista friulana, affianca all'attività strumentale quella canora. Ha partecipato a diversi concorsi strumentali e vocali classificandosi sempre ai primi posti. Nel maggio 2014, con l'ensemble "Bair Quintet", è stata premiata con menzione di merito ed una borsa di studio al Concorso "Lilian Caraian". Ha partecipato a festivals canori anche come cantautrice, ed inoltre, come vocalist, ha partecipato ad importanti progetti a livello nazionale. Nel 2014 ha ottenuto il Diploma Accademico di I livello in Clarinetto sotto la guida di Lino Urdan al Conservatorio "G. Tartini" di Trieste. Ha seguito numerosi stages e master classes con importanti docenti sia in ambito strumentale che in quello cameristico (A. Eusebio, S. Melillo, V. Sivilotti, F. Hrvatic, H. Fister, J. Gallai, T. Leopold, G. Pretto, C. Fabiano, ecc.). Ha frequentato inoltre diversi corsi in campo vocale e didattico. Attualmente è iscritta al Biennio Specialistico di II livello nella classe di Elena Ferrofino, al Conservatorio "G. Tartini" di Trieste.

Hiromi Arai, nata a Tokorozawa, in Giappone, ha iniziato lo studio del pianoforte all'età di 4 anni nella sua città natale. Ha proseguito gli studi a Tokyo al Liceo musicale "Kunitachi - Università della Musica" con Yasuhiro Yoshino e quindi si è laureata presso l'Università "Kunitachi" sotto la guida di Yuko Oshima. Ha approfondito anche lo studio della didattica insegnando in seguito presso la Scuola di Musica Yamaha della sua città. Ha continuato poi lo studio del pianoforte frequentando diversi corsi di perfezionamento. Dopo aver brillantemente ottenuto il Diploma Accademico di I livello al Conservatorio "G. Tartini" di Trieste, ha proseguito gli studi al Biennio Specialistico Interpretativo ottenendo il Diploma Accademico di II livello con il massimo dei voti sotto la guida di Massimo Gon. Attualmente, nello stesso Conservatorio, frequenta il Biennio Specialistico (indirizzo Maestro collaboratore) sotto la guida di Fabrizio Del Bianco, Patrizia Tirindelli e Silvano Zabeo. Ha collaborato con vari gruppi ed ensembles cameristici preparati da Fedra Florit. Si è esibita in diversi importanti festivals musicali, tra i quali il Mittelfest di Cividale del Friuli (2013) in trio con clarinetto e violoncello.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Volpe&Sain

Leggi le Ultime Notizie >>>