Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 25 Febbraio 2017

Torna il laboratorio sui dinosauri al sito paleontologico del Villaggio del Pescatore

Prosaurolophus (foto: Volpe & Sain Comunicazione)

Trieste (TS) - La Cooperativa Gemina - massima esperta di paleontologia e dinosauri, che da anni gestisce e valorizza il sito paleontologico del Villaggio del Pescatore – ripresenta anche per questa domenica, 26 febbraio alla Palazzina AIAT di Sistiana il laboratorio sui dinosauri componibili. Dopo il successo della scorsa settimana, anche questa domenica, questa volta in orario 10.00 - 16.00, si potrà sperimentare la conoscenza "sul campo" di questi animali. Sarà infatti possibile ricostruire passo dopo passo gli scheletri di due classici dinosauri: il Velociraptor, tipico carnivoro di piccola taglia, e il Prosaurolophus, dinosauro lontano parente del nostro adrosauro Antonio.

Saranno nuovamente messi a disposizione gli scheletri smontati e assieme agli esperti della Gemina sarà possibile provare ad assemblarli. Ai partecipanti il compito di trovare le ossa e posizionarle correttamente sul loro supporto così da capire meglio l’anatomia di questa affascinanti animali preistorici.

“Il carnivoro sarà posizionato su uno speciale supporto metallico, in modo da completarlo in collocazione tridimensionale con posa d'attacco, mentre l'erbivoro (Prosaurolophus) sarà collocato in posizione post-mortem simile a quella in cui si trova Antonio”, spiega il responsabile del progetto Flavio Bacchia. La ricerca delle ossa, opportunamente numerate e il loro assemblaggio nella posizione finale dello scheletro fornirà le nozioni base di anatomia di questi animali anche ai più piccini, che vedranno crescere sotto le loro mani questi animali preistorici. Sarà così possibile comprendere la differenza tra i due grandi gruppi in cui ancora oggi gli studiosi dividono i dinosauri: quelli simili agli uccelli, che ne rappresentano l'evoluzione e quelli simili ai sauri in generale".

Accanto a questo laboratorio di "dinosauri componibili" sarà comunque anche consueto il Paleolab, il laboratorio di paleontologia che permette di scavare e ritrovare i famosi pesci fossili del Wyoming vecchi di 55 milioni di anni.

All’interno della palazzina AIAT è stato allestito un percorso illustrativo sui fossili che possono essere comunemente rinvenuti nella roccia americana oggetto d' indagine. I fossili sono relativamente facili da estrarre sotto supervisione dei tecnici della Gemina. Come sempre il risultato della "pesca" di fossili, tranne rarissime eccezioni di interesse scientifico, rimarrà di proprietà degli scopritori

Info e iscrizioni: 334.7463432, cooperativagemina@gmail.com


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Volpe&Sain

Leggi le Ultime Notizie >>>