Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 01 Febbraio 2017

Bookmark and Share

Il tour di Rosa Brunello Y Los Fermentos fa tappa al "Carso in Corso" di Monfalcone

Rosa Brunello

Monfalcone (GO) - Parigi, Ferrara, Siena: il tour di Rosa Brunello Y Los Fermentos arriva anche al Carso in Corso di Monfalcone, per "Jazz in Progress", la fortunata rassegna organizzata dall'Associazione Culturale Nuovo Corso. Venerdì 3 febbraio alle 21, Alessandro Presti (tromba), Filippo Vignato (trombone) e Luca Colussi (batteria) accompagnano una bandleader d'eccezione, nuova stella italiana del contrabbasso, l'affascinante Rosa Brunello (ingresso libero).

A due anni di distanza dal debutto discografico ‘Camarones a la plancha’, lodato all’unanimità dalla critica specializzata e dagli addetti ai lavori, Rosa Brunello presenta "Upright Tales", il suo nuovo progetto in veste da leader, riunendo per l’occasione un quartetto che coinvolge alcune tra le più interessanti e attive personalità nel panorama jazzistico italiano attuale.
Centro gravitazionale di un universo sonoro spirituale e cangiante, il contrabbasso di Rosa Brunello delinea gli spazi attorno ai quali la tromba di Presti e il trombone di Vignato fluttuano e danzano in un eccitato dialogo con le percussioni (Luca Colussi).

Così il giornalista e scrittore scozzese Brian Morton saluta il progetto di Rosa Brunello “La musica esprime uno stile improvvisativo di stampo mediterraneo, è calorosamente ricettiva ma quasi classicamente controllata e ordinata, crea un’atmosfera aperta, corale, libera. Los Fermentos suonano assieme da un po’ e si nota. Rosa Brunello è un leader ideale. Senza di lei il sound non funziona e tuttavia la sua presenza non viene mai avvertita come dominante o insistente. La musica è opera di tutti i componenti del gruppo, eseguita al loro tempo".

Particelle della materia che sotto l’azione del fermento si muovono violentemente, si gonfiano e riscaldano, lottando per ricomporsi con un nuovo ordine. Particelle che si modificano, scompongono, sdoppiano in altre particelle simili ma diverse che a loro volta rivivono lo stesso percorso in un ciclo senza fine.
Una metafora chimica per una musica alchemica, organica ed in continuo divenire.


INFO/FONTE:
Ufficio Stampa Associazione Nuovo Corso
ConnectEventi

Leggi le Ultime Notizie >>>