Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
LEONARDO "A TAVOLA CON" IL PICCOLO TEATRO DI SACILE, TRA FRANCIA, SLOVENIA E ITALIA
Palazzo Ragazzoni
Sacile
Dal 21/06/19
al 22/06/19
Leonardo, ultima cena

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Notizie > Incontri > 17 Ottobre 2016

Bookmark and Share

Laboratorio di Franco Dugo a Palazzo Attems sull'arte incisoria di Hans Steiner-Rio

Hans Stainer-Rio  Il segno ritrovato

Gorizia (GO) - Le tecniche incisorie dell’artista Hans Steiner-Rio, protagonista con le sue opere della mostra in corso a Palazzo Attems di Gorizia, “Il segno ritrovato”, saranno al centro di un momento laboratoriale sull’arte incisoria a cura dell’artista Franco Dugo che martedì 18 ottobre, alle 17.00, offrirà la possibilità di conoscere i segreti di questa particolare tecnica mostrando dal vivo l’esecuzione di una stampa con l’utilizzo del torchio originale di Hans Steiner. Nativo di Graz ma goriziano d’adozione, questo grande incisore del 900, morto a Gorizia nel 1974, diviene noto con l’appellativo di Rio in omaggio a Rio de Janeiro, città dove aveva a lungo vissuto e operato, divenendo il massimo artista incisore di sempre. La mostra dedicata a questo che è ormai riconosciuto tra i più ragguardevoli incisori del Novecento, è in assoluto la prima retrospettiva sull’artista – a cura di Patrizia Barbieri dell’’Associazione Ethos, con i Musei provinciali e la Regione – che presenta una ricca panoramica sul mondo inciso di Steiner _ Rio e delle varie tecniche incisorie che utilizzava per descrivere la possente vita naturale dei territori brasiliani, da lui profondamente conosciuti e amati.

Il laboratorio è ad ingresso gratuito solo su prenotazione. Per iscrizioni: tel. 0481 547499 / 0481 547541.

“Conobbi Hans Steiner casualmente nella primavera del 1968”, racconta Dugo. “La vista delle sue opere grafiche provocò in me un’emozione fortissima, la sensazione era quella di essere entrato in un altro mondo. Allora, il mondo della calcografia mi era totalmente sconosciuto. Sentivo che quello che vedevo era quello che avrei voluto fare e che quel mondo dovevo conoscerlo”. “Nonostante si fosse subito accorto della mia totale ignoranza, con voce calma, senza fretta, esprimendosi in un italiano dall’accento misto a tedesco e portoghese, mi spiegò i vari procedimenti di esecuzione usando termini che non conoscevo: acquaforte, acquatinta, puntasecca, maniera nera, vernice molle, bitume giudaico, colofonia, acido nitrico, percloruro di ferro, morsura ed altri ancora”. Molti anni dopo, quando anch’io ero diventato un artista incisore, mi resi conto di quanto sia difficile spiegare, solo a voce, le tecniche dell’incisione a qualcuno digiuno in materia”.

La mostra "Hans Stainer_Rio Il segno ritrovato" presenta circa un centinaio di opere, tra incisioni e lastre originali, e la sorprendente forza espressiva dell’opera incisoria di Hans Steiner, la sua storia artistica e personale vengono settimanalmente raccontate al pubblico nel corso di una serie di visite guidate gratuite (previo normale costo di ingresso al Palazzo Attems). Giovedì 20 ottobre nuovo appuntamento alle 18.00.

Leggi le Ultime Notizie >>>