Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 08 Settembre 2016

Bookmark and Share

Oltre 700 recensioni da giovani critici di tutta Italia per Scrivere di Cinema 2016

Scrivere di Cinema 2016

Pordenone (PN) - «Sono oltre 700 le recensioni pervenute quest’anno alla Giuria del concorso Scrivere di Cinema Premio Alberto Farassino: L’esistenza di un concorso che dà spazio alla prospettiva dei più giovani e al tempo stesso fornisce strumenti pratici per confrontarsi con gli addetti ai lavori è fondamentale per tenere vivo il patto generazionale». L’annuncio è dello scrittore Premio Strega Nicola Lagioia (fondatore del blog Minima&Moralia scrittore, editor per Minimum Fax, conduttore della pagina culturale di Radio3), tra i giurati del concorso insieme a Mauro Gervasini (direttore di Film Tv, selezionatore per la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia), Adriano De Grandis (critico del Gazzettino e responsabile della sezione Triveneto del Sncci) e Viola Farassino (costumista per il cinema, la televisione e il teatro).

«Sin dal primo anno in cui sono entrato nella giuria di Scrivere di Cinema – spiega ancora Lagioia - sono stato colpito dalla qualità delle riflessioni che le recensioni dei partecipanti contenevano. In certi casi ero sorpreso dal fatto che ragazzi tanto giovani, avessero già visto tanti film (e letto tanti libri) e soprattutto dal fatto che intendessero il cinema, e l'arte in generale, non un passatempo ma una delle esperienze cruciali della vita. I film, i libri, la musica, salvano ancora la vita, anche per chi è giovane nel XXI secolo. Il successo dell’edizione 2016 conferma il ruolo di reclutamento che ha il concorso che offre un’occasione speciale per fare sentire la propria voce intorno al cinema della sale. Non abbiamo esitato a coinvolgerli l'anno scorso in una speciale redazione all’interno del blog Minima&Moralia perché fossero protagonisti di un proprio percorso».

In attesa delle premiazioni di sabato 17 settembre alle 10.00 a Cinemazero, Scrivere di Cinema – Premio Alberto Farassino – promosso da Cinemazero, Fondazione Pordenonelegge.it, Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani e MYmovies.it, in collaborazione con Far East Film Festival di Udine e col supporto di FriulAdria Crédit Agricole – inizia a svelare le sue carte, a partire dalla rosa dei finalisti.

Per la categoria Under 25: Eugenio Radin (Padova, “Il figlio di Saul”); Mariangela Carbone (Pisa, “Non essere cattivo); Francesco Rossini (Bergamo/Milano, “Ave Cesare”), Marco Castelli (Brescia, “Francofonia”. Per la categoria Young Adult: Jacopo Barbero (Cuneo, “Ave Cesare”); Francesco Riga (Roma, “Julieta”); Elena Magnani (Udine, “Lo chiamavano Jeeg Robot”); Mariaelettra Nadalutti (“Gorizia, “Un bacio”).

E con l’annuncio dei finalisti arriva anche la notizia del testimonial 2016 di Scrivere di Cinema, il regista Matteo Oleotto che conserva un ricordo speciale del critico Alberto Farassino cui è dedicato il concorso: «Decisi di iscrivermi a Lettere, indirizzo Spettacolo, all'università di Trieste, primo esame con il Professor Alberto Farassino. Se non ricordo male, uscii da quell'aula con un bel 28. Arrivai a casa e ripensando alle parole che quell'uomo straordinario mi disse, capii allora che io il cinema lo volevo fare e non volevo studiare chi il cinema lo faceva. Da allora mi sono messo a lavorare a testa bassa e dopo "soli" 15 anni, sono riuscito a debuttare con il mio primo lungometraggio di finzione, “Zoran il mio nipote scemo” selezionato al Festival di Venezia, dalla Settimana Internazionale della Critica. Dal giorno in cui ho deciso di intraprendere la carriera di regista però, non ho mai smesso di pensare a quanto sia difficile scrivere e ragionare su film di altri, ossia fare il critico cinematografico. Per questo ai giovani che si cimentano consiglio: metteteci cuore, passione e un pizzico di leggerezza. Non siate livorosi. Fare cinema o scrivere di cinema, sono due lavori molto diversi. Non scordatelo mai».

L’arcipelago cinema si intreccia alle trame letterarie di pordenonelegge 2016 con grandi protagonisti e celebra l’esordio nel romanzo del regista Gianni Amelio, fresco autore di “Politeama” che presenterà domenica 18 in dialogo con Chiara Valerio; e ci sarà il regista Pietro Marcello, uno dei nomi più interessanti del cinema italiano contemporaneo, in dialogo con lo scrittore e sceneggiatore Maurizio Braucci, incalzati da Dario Zonta, alla luce dell’esperienza che stanno facendo insieme, parleranno di come approcciarsi a un classico della letteratura per trarne un film (incontri realizzati in collaborazione con Cinemazero); oltre a due autori di riferimento del mondo anglosassone: Colm Toibin, noto e amato per il recentissimo “Brooklyn”, nominato all’Oscar 2016 per il miglior film, portato sullo schermo da John Crowley; e Jesse Armstrong, autore di molte sit per la Tv inglese e sceneggiatore di successo, nella short list per l’Oscar 2010 con “In the loop”.

Sul fronte Scrivere di cinema inoltre, anche quest’anno è stato riservato uno spazio d'eccezione alle due giurie del Premio del territorio di Pordenone e di Udine - il premio collaterale promosso con il supporto di FriulAdria Crèdit Agricole, coordinato da Cinemazero e con la collaborazione del Centro Espressioni Cinematografiche – che completeranno la mattinata di incoronazioni premiando i giovani della regione coinvolti in questo progetto speciale, che mette in palio un anno di cinema gratis nelle sale di Cinemazero e di Visionario e Cinema Centrale.

Ricordiamo infine che i premi in palio nel concorso nazionale sono un workshop redazionale con Minima&Moralia per un anno intero (per entrambe le sezioni), un carnet di ingressi al cinema del valore di 200 euro ciascuno, la partecipazione al Far East Film Festival 2017 di Udine come inviati di MYmovies, partner del concorso.

Tutte le recensioni che hanno partecipato al concorso sono pubblicate alla pagina ufficiale scriveredicinema.mymovies.it.


INFO/FONTE: Cinemazero Ufficio Stampa

Leggi le Ultime Notizie >>>