Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 11 Luglio 2016

Bookmark and Share

Zerorchestra a Villa Manin e al Parco Hemingway con “Show People” di King Vidor

“Show People” di King Vidor

Udine (UD) - La Zerorchestra arriva a Villa Manin per la "Notte bianca" del 15 luglio quando, dopo l’inaugurazione delle mostre “Hollywood Icons” e “Ersatx Lights” (alle 19.00), sarà la volta del cine-concerto – realizzato in collaborazione con Cinemazero e Le Giornate del Cinema Muto – con il capolavoro di King Vidor “Show People” (1928), alle 21.30 (in caso di pioggia al Teatro Pasolini di Casarsa alle 21.45). Il concerto sarà poi replicato il 16 luglio al Parco Hemingway di Lignano (in caso di pioggia al Cinecity) alle 21.30.

King Vidor è senz’altro uno dei più celebri ed affermati registi di Hollywood in particolar modo tra la metà degli anni Venti e la metà degli anni Trenta, quando realizzò impegnativi film di denuncia sociale e film di genere più in sintonia con l’industria hollywoodiana. Ottenne cinque nomination agli Oscar, ma un solo premio: alla carriera nel 1979 pochi anni prima di morire. "Show People" invece, uscito in Italia con il titolo “Maschere di celluloide”, rappresenta uno dei vertici della commedia brillante degli Anni Venti e offre un panorama della Hollywood dietro le quinte, attraverso gli occhi e le storie di Peggy Pepper interpretata da una delle star più amate dal pubblico di allora: Marion Davies. Con un ritmo oltremodo brillante, la regia di King Vidor offre un’ottima occasione per mettere in mostra le doti di attrice leggera di Marion Davies, con accanto una vera e propria parata di grandi divi di Hollywood che nel film interpretano sé stessi: Charlie Chaplin, John Gilbert, Douglas Fairbanks, William S. Hart, Mae Murray, Norma Talmadge e molti altri, a fare da perfetto contraltare della mostra in corso.

La partitura e la direzione dell’orchestra sarà affidata al compositore tedesco Gunter Buchwald, uno dei massimi artisti a livello internazionale in questo genere di spettacoli e già collaboratore della Zerorchestra per il film “Der Unüberwindliche” (Il globo infuocato, 1928) di Max Obal.

L’organico – che per l’occasione sarò composto da Romano Todesco (contrabbasso), Luca Colussi (batteria), Luigi Vitale (vibrafono e xilofono), Luca Grizzo (percussioni), Gaspare Pasini (sassofoni), Francesco Bearzatti (sax e clarinetti) e Didier Ortolan (clarinetti e sax) – e la derivazione jazzistica della Zerorchestra si adattano perfettamente ad un film ambientato nei ruggenti Anni Venti caratterizzati dall’esplosione della musica jazz, ed in particolare dal DixZerorchestraieland.

Le avventure della protagonista Peggy Pepper – carina e un po’ svampita aspirante attrice, che si reca piena di grandi speranze nella Mecca del Cinema cercando di affermarsi come attrice – saranno così accompagnate magistralmente grazie ad una ricetta rodata che fonde improvvisazione e immagini per garantire al pubblico una serata di sicuro livello.

Leggi le Ultime Notizie >>>